Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il Nuovo Ordine Mondiale

Una maggiore enfasi sul possibile supporto militare in tempo di pace attribuisce oggi al tradizionale equilibrio norvegese tra "deterrenza e rassicurazione" la priorità alla "deterrenza". La Russia appare come uno sfidante politico e militare per la sicurezza dell'Occidente. La conoscenza che era presente durante la Guerra Fredda si è esaurita.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

 

La convinzione ottimistica degli anni '1990 che la Russia sarebbe diventata come l'Occidente sembra essere alla fine della strada. Almeno per molti anni a venire. La premessa alla base del dopo Guerra Fredda secondo cui la Russia si sarebbe riunita con il suo "cugino in Occidente" e avrebbe sostenuto un "nuovo ordine mondiale" liberale è così scomparsa. Invece, il panorama politico della sicurezza e della difesa in Europa è gradualmente tornato alle sue radici, nell'era della geopolitica classica. Allo stesso tempo, è anche importante sottolineare che la situazione internazionale tra Oriente e Occidente è completamente diversa dall'età d'oro della geopolitica classica nel XIX secolo e durante la Guerra Fredda. […]

La Russia si distingue oggi come sfidante politico e militare in termini di sicurezza per l’Occidente. Le ragioni possono essere molteplici e spesso molto complesse. Ciò significa che può essere metodologicamente difficile “misurare” quali relazioni causali abbiano il maggiore potere esplicativo. Tuttavia segnaliamo due aspetti che risaltano. Il primo e forse il più importante motivo è legato al disaccordo fondamentale tra Russia e Occidente su quali “regole del gioco” debbano applicarsi nella politica internazionale. Il termine "ordine mondiale" (Ordine mondiale) è centrale in questo contesto. […] Nel corso della storia, molti stati hanno cercato di promuovere la loro visione di quale ordine mondiale sia l’unico legittimo. L'unico che raggiunse qualcosa di vicino alla legittimità universale fu il cosiddetto "ordine mondiale della Vestfalia", costruito sui principi della conferenza di pace tenutasi in Vestfalia nel 1648, dopo la Guerra dei Trent'anni (1618-1648). I principi di indipendenza nazionale, sovranità statale, interessi nazionali e non ingerenza negli "affari interni" di altri stati minimizzavano quindi il sistema originale basato su una gerarchia internazionale di stati in cui la religione era un'importante forza trainante nella politica estera. Ma anche questi principi sono stati talvolta messi in discussione, spesso guidati da un “eccezionalismo” americano che a volte ha lavorato duramente per dare alla democrazia liberale un impatto universale e globale. Anche l’Unione Sovietica enfatizzava la sua ideologia comunista ufficiale in politica estera, ma era estremamente raro che l’insieme di valori su cui si fondava l’ideologia acquisisse un significato pratico nella pratica politica sulla scena internazionale. […]

A volte si verificano eventi drammatici che impongono una rivalutazione della politica internazionale. A volte ciò ha conseguenze anche sulla politica estera e di sicurezza norvegese. A volte anche per la politica di difesa. l’uso della forza russo nel conflitto ucraino è stato uno di questi eventi. L’uso della forza militare contro un altro paese europeo era qualcosa che molti pensavano appartenesse al passato. quanto accaduto in Ucraina ha destato preoccupazione in diversi paesi confinanti con la Russia. Si può discutere su quanto sia giustificata questa preoccupazione, ma essa ha ugualmente portato a una rivalutazione del ruolo della NATO in Europa, e anche del quadro di minaccia norvegese. […]

La minaccia è basata su un malinteso o l'azione è una provocazione deliberata per "testare" la preparazione militare norvegese?

Dalla metà degli anni 2000, la Russia ha perseguito una politica estera espansiva per riconquistare la propria posizione internazionale. La ricostruzione dell’esercito svolge un ruolo importante in tale strategia, che a sua volta richiede ingenti trasferimenti finanziari all’esercito e all’industria della difesa. Allo stesso tempo, i 143 milioni di abitanti della Russia sono sempre più desiderosi di beneficiare dell'aumento generale della prosperità che ha sperimentato il resto dell'Europa. Anche la crescita economica russa sotto il presidente Vladimir Putin è stata di gran lunga superiore a quella dell’Occidente, il che ha creato una grande classe media con grandi aspettative finanziarie. Ma ciò significa anche che le autorità russe devono fornire contemporaneamente, in diversi ambiti, “burro e armi”. […]

La difesa norvegese non è più una difesa contro l’invasione ad alta intensità di personale con presenza, basi e installazioni in vaste parti del paese. Ora funzionerà come una difesa mobile e ad alta intensità tecnologica che preverrà, e possibilmente combatterà, varie forme di pressione politica e militare, anche se a un basso livello di conflitto. Ciò richiede una diversa disposizione in termini di personale, materiale e competenze rispetto alla difesa dall’invasione della Guerra Fredda. Poiché la più moderna "difesa operativa" per gran parte degli anni 2000 ha avuto l'estero come principale area operativa, ci si può quindi chiedere se le esperienze dall'estero siano rilevanti per la capacità di difesa nazionale e le future operazioni nelle regioni settentrionali .

Allo stesso tempo, la difesa norvegese è diventata più piccola negli anni 2000, e quindi anche più dipendente dai rinforzi alleati in tempi più rapidi rispetto a prima. Oggi parti importanti dell’esercito sono diventate così piccole che possono rapidamente rientrare nella cosiddetta “massa critica”. Una crescente dipendenza militare dalle forze alleate potrà quindi anche abbassare la soglia quando si tratterà di “ammorbidire” le restrizioni autoimposte nel Finnmark. Ciò può accadere se le autorità norvegesi cedono alle pressioni americane affinché si formino o si esercitino di più all'interno e all'esterno del Finnmark, cosa che sarà fatta nel 2018 con i cosiddetti Esercizi di alta visibilità. Può anche accadere che le stesse autorità norvegesi prendano l'iniziativa per un'attività di addestramento più estesa vicino al confine russo, con, tra le altre cose, carri armati, mezzi corazzati, fregate e aerei da combattimento per praticare "rafforzamento e movimento su lunghe distanze" , un esercizio del genere Vichingo congiunto rimasto fino al 2015.

Allo stesso tempo, si può anche sostenere che un simile schema di esercitazione vicino al confine russo potrebbe ridurre lo spazio d’azione norvegese nel nord. In parte perché una più chiara presenza militare alleata nelle vicine aree russe sarà interpretata come una potenziale minaccia che sarà affrontata con nuove contromisure. Ma anche perché una “impronta” militare più solida nel Finnmark può rendere difficile per il servizio civile e militare nel settore estero e della difesa creare fiducia e dialogo quando si vogliono evitare o prevenire possibili crisi.

Le sfide che la difesa norvegese sarà in grado di affrontare, tuttavia, dipenderanno dal tipo di conflitto che le forze norvegesi stanno affrontando e dal contesto internazionale all’interno del quale si svolgerà il conflitto. Si possono suggerire tre scenari principali relativi alla difesa del Finnmark: una dimostrazione di forza russa con un’avanzata militare lungo il confine, una violazione limitata del territorio norvegese e l’occupazione di un pezzo di terra norvegese. Inoltre, si può anche sostenere che in mare potrebbero verificarsi scenari ancora più probabili, come sfide alla giurisdizione norvegese e all’affermazione della sovranità, nonché attacchi informatici più subdoli contro importanti installazioni civili o militari a terra.

Il business della difesa che inizialmente potrebbe notare le crescenti sfide, potrebbe diventare la capacità di sorveglianza e intelligence nazionale. Il monitoraggio e la raccolta di informazioni, nonché l'analisi e la comprensione della situazione, sono molto più importanti in una situazione caratterizzata da incertezza e tensione rispetto ad una “situazione normale”. La consapevolezza della situazione è un concetto chiave qui. Che tipo di minaccia stanno effettivamente affrontando le forze norvegesi? La minaccia si basa su un malinteso o l’azione è una provocazione deliberata per “testare” la prontezza militare norvegese o la volontà politica di portare avanti le richieste nazionali? Ciò che sta accadendo è un incidente bilaterale, oppure si tratta di un’escalation che ha origine in un altro conflitto di natura interna o di politica di sicurezza, in un’altra arena o in un altro teatro? La risposta a queste domande può spesso essere decisiva per come reagirà la difesa norvegese a quanto sta accadendo. Sarà in gran parte influenzato dal modo in cui le forze norvegesi, dalla leadership della difesa a Oslo e dal quartier generale operativo congiunto a Bodø, fino al singolo soldato nel Mare di Barents e al confine di Jakobselv, si relazionano con l’altra parte nella situazione attuale. Ciò è particolarmente importante quando il pericolo dell'uso della forza è grande, ma non sono ancora stati sparati colpi taglienti. Ciò vale, ad esempio, in situazioni caratterizzate da dimostrazioni militari di potere e affermazione di sovranità, ma anche in situazioni in cui la giurisdizione norvegese o l’esercizio dell’autorità devono essere mantenuti. […]

Le contraddizioni tra Occidente e Russia dopo il conflitto in Ucraina avrà conseguenze anche sulla situazione della politica di sicurezza nelle regioni settentrionali e sui rapporti della Norvegia con la Russia. La Norvegia fa parte del mondo occidentale e condivide i valori che altrimenti l’Occidente difende. Nonostante lingue, culture, valori e politiche di sicurezza diverse orientering Tuttavia, la Norvegia e la Russia hanno una lunga tradizione di cooperazione. Si tratta di una collaborazione che è stata approfondita dopo la Guerra Fredda attraverso la cosiddetta collaborazione "people to people". Un cosiddetto hotline È stato inoltre stabilito il quartier generale militare dei due paesi nelle regioni settentrionali. Inoltre, nel nord del paese si è sviluppata una cultura di cooperazione e compromesso per quanto riguarda l’utilizzo delle risorse, in particolare nella gestione della pesca. Tali forme di contatto sono importanti in diversi modi. Creano arene che consentono di acquisire maggiore conoscenza reciproca e quindi di comprendere meglio come pensa l'altra parte. Quando la tensione internazionale è elevata, è importante prevenire ed eventualmente gestire situazioni di escalation a livello bilaterale. La Norvegia avrà quindi un forte interesse a mantenere tale cooperazione, anche quando il clima internazionale diventerà “più fresco”.

Nonostante lingue, culture, valori e politiche di sicurezza diverse orientering Tuttavia, la Norvegia e la Russia hanno una lunga tradizione di cooperazione.

Tuttavia, la cooperazione si basa sulla fiducia e sulla prevedibilità. Dopo gli anni 2000, questo presupposto di base si è indebolito. Ciò vale non solo nelle relazioni bilaterali tra Norvegia e Russia, ma anche tra l’Occidente e la Russia in generale. Si è creata una nuova incertezza che sta portando a una rivalutazione della politica di sicurezza e di difesa. Vista dagli occhi norvegesi, la nuova situazione ha sottolineato l’importanza della cooperazione della NATO e soprattutto del sostegno americano, qualora scoppiassero conflitti nel nord. La coesione nella NATO è stata rafforzata come risultato del raffreddamento delle relazioni con la Russia, in parte perché esiste un ampio consenso sul fatto che si debba dare la priorità agli interessi di sicurezza “vicini” degli Stati membri. I paesi membri che si sentono minacciati devono essere “rassicurati” attraverso esercitazioni alleate, attraverso la conclusione di una serie di accordi bilaterali concreti e tangibili di rinforzo e preparazione che riducano l’incertezza, e attraverso la visibilità e la presenza militare degli Stati Uniti.

 

Potrebbe piacerti anche