Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il disastro americano

In delusione. Il disastro americano
TRUMPISMO / Come muoiono le democrazie? Spesso con l'aiuto di leader eletti. Questo è stato il caso di Russia, Ungheria, Turchia, Ucraina e Polonia, nonché di diversi paesi sudamericani. E negli Stati Uniti?

Gli storici Steven Levitzky og Daniele Ziblatt descrive nel libro Come muoiono le democrazie quattro caratteristiche degli aspiranti autocrati: ignorano le regole democratiche; negano la legittimità del loro avversario; condonano o sostengono la violenza; limitano i diritti civili e la libertà di stampa. “Un politico che soddisfa solo uno di questi criteri è preoccupante”, scrivono – e continuano a proposito degli USA: “Ad eccezione di Richard Nixon nessun candidato presidenziale nel secolo scorso ha soddisfatto uno solo di questi quattro criteri. Trump li soddisfa tutti e quattro”.

Cittadini trascurati

Comprendere l'America di Donald Trump non è un compito facile. Parti del suo successo sono certamente facili da comprendere: che è ascoltato da "l'uomo medio" in gruppi sociali che i Democratici hanno ignorato, e quindi riunisce grandi elettori, cittadini trascurati che danno il bluff che Trump è stato catturato in migliaia di bugie – secondo il quotidiano The Washington Post un totale di 22 247 risiede nei primi 1316 giorni da presidente. Il giornale si aggiorna continuamente il database delle bugie di Trump.

La strategia del presidente, sostenuta dai sostenitori repubblicani, è semplice. Non ha solo creato “fatti alternativi”. Ha creato una realtà alternativa. L’America sotto Trump è diventata un luogo spaventoso, non solo a causa delle rivolte violente e dell’abissale divisione della società, ma perché la democrazia americana sta avvizzendo davanti ai nostri occhi.

I reporter tedeschi Klaus Brinkbäumer e Stephan Lamby viaggiano da diversi mesi negli Stati Uniti e dipingono un Paese disfunzionale. Il libro In delusione. Il disastro americano racconta di Stati paralizzati, manipolati, uniti solo nell'odio.

Cambio di rotta con Nixon

L'inizio di una condivisione Amerika vede gli autori nell'era del movimento per i diritti civili e della "Strategia del Sud" di Richard Nixon [in cui Nixon cercava di fare appello agli americani bianchi del Sud, ndr]. Negli anni ’1960 si verificò un brusco cambiamento di rotta per Democratici e Repubblicani, i cui temi principali furono l’aborto, la religione, la sicurezza e la razza. Nixon avvelenò il clima politico negli Stati Uniti. Ha ampliato la guerra del Vietnam e sacrificato migliaia di soldati mantenendo segreto il fatto che sapeva che era tutto inutile. Ha interferito negli affari di altri paesi, ha sostenuto i dittatori e ha tratto profitto da solo. Poi arrivò la grande caduta: il Watergate. Mai prima o dopo sono state propinate così tante bugie dallo Studio Ovale o concorrenti e critici sono stati combattuti così brutalmente. Fino all’arrivo di Donald Trump.

“In realtà non capisce la differenza tra un'apparizione nelle pubbliche relazioni per un hotel Trump
e un bambino a cui sono appena stati assassinati entrambi i genitori. Ex dipendente
alla Casa Bianca

Questo prepotente, che guadagnava fortuna con l'inganno e in realtà voleva solo essere acclamato dalle masse, era improvvisamente diventato presidente della più grande democrazia del mondo. È un pessimo oratore, ma anche i media critici gli hanno comunque concesso tempo e smistato le invettive (a favore di Trump), gli stessi media che Trump ha denunciato come “nemici del popolo”. Lo hanno introdotto sulla scena che tanto desiderava. E trattenuto. La star della realtà Trump.

È un'opera in cui un'America divisa sente le stesse parole ma le percepisce come due narrazioni diverse. Come ha affermato un personaggio radiofonico: “Questo è esattamente ciò che la Russia voleva: l’indebolimento dell’America attraverso la divisione. Ora possiamo farlo da soli”. Come? Avendone uno killeCome presidente, un comportamento che Trump ha imparato da suo padre e ha usato contro il suo stesso popolo. Quando a Trump è stato chiesto cosa avesse da dire a coloro che avevano perso i propri cari a causa del covid-19, ha risposto che il giornalista era "un pessimo reporter di notizie false-la stampa".

Ill.: Faditoon

Un aiuto dai media

Il fatto che le storie che Trump diffonde nel mondo non abbiano né capo né coda non preoccupa né lui né i suoi sostenitori. Perché tutto l’odio che si era accumulato durante la dura prova di avere un presidente nero per otto anni è stato finalmente liberato. L'appassionato di armi Trump ha parlato di "invasione" dei messicani. Poco dopo, un estremista di destra, Patrick Legno Crusius, al centro commerciale Walmart a El Paso, una città vicino al confine di Messico. Lì aveva intenzione di uccidere i messicani, ma invece iniziò a sparare all'impazzata. Crusius uccise 22 persone, la maggior parte delle quali cittadini americani. Ha lasciato un manifesto con l'introduzione: "Questo attacco è una risposta all'invasione latinoamericana..."

La coppia presidenziale arriva sulla scena. Un fotografo spinge dentro il bambino di due delle vittime morte Melania Trump braccia. Trump alza la mano in aria e sorride della vittoria. Clic. Un ex membro dello staff della Casa Bianca commenta: "Non capisce davvero la differenza tra un'apparizione nelle pubbliche relazioni per un hotel Trump e un bambino a cui sono appena stati assassinati entrambi i genitori".

Il libro racconta di Stati paralizzati nell'azione, manipolati, uniti solo nell'odio.

Donald Trump ha avuto una potente influenza che Richard Nixon gli avrebbe invidiato: il canale televisivo e portavoce Fox News. È stata una simbiosi che ha attirato orde di sostenitori nella bolla di Trump, dove gli incendi in Australia e California vengono cancellati, la crisi climatica è un problema beffa (bluff); dove tutti i membri della squadra di Trump che lo correggono scompaiono, lasciandone uno dietro comandante in capo - ha ottenuto il soprannome dopo aver suggerito di iniettare candeggina nel corpo come rimedio contro il covid-19, chi dice "ee-eh" quando gli viene chiesto quale sia il piano per il prossimo periodo elettorale, chi supera un test sulla demenza e pensa che sia un test di intelligenza.

Ma nessuno dovrebbe dire che il presidente non può essere efficace. Nella prima battaglia hurlumheide tra Trump e Joe Biden le parole gli uscirono: "Voglio un'acqua cristallina e pulita". Avere? Gli esperti concordano sul fatto che le manifestazioni più devastanti della crisi climatica sono solo la superficie dei disastri che ci attendono. Trump ha costantemente azzerato le normative sul clima e ha offerto pacchetti regalo all’industria del petrolio e del carbone. Un elenco dettagliato, pubblicato dalla Harvard Law School, contiene 75 punti.

Ma l'avversario più pericoloso è microscopico ma mortale. L'assassino ha provato ogni strategia di guerra immaginabile, compresa l’affermazione che la pandemia del coronavirus scomparirà miracolosamente. Ma 230 morti (al 000 novembre 3) non possono essere evocati.

Brinkbäumer e Lamby si chiedono se l'America sia irrimediabilmente intrappolata nella sua follia. Individuano il momento in cui tutte le crisi si sono fuse in qualcosa di veramente nuovo, in una catastrofe: quando i bambini al confine meridionale sono stati strappati ai loro genitori e rinchiusi. La risposta è che è giunto il momento di smantellare il trumpismo. Ci vorranno anni. Ma non c'è scelta. Se gli americani vogliono ritrovare se stessi.

Ranveig Eckoff
Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche