Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

L'estremismo della democrazia

Mentre la popolazione del Myanmar ha acquisito maggiore libertà e voterà alle elezioni parlamentari dell'8 novembre, l'estremismo buddista, gli abusi e la discriminazione contro i musulmani si stanno istituzionalizzando.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

«Non oso più servire cibo ai miei amici buddisti. Se si ammalano di mal di stomaco, ciò può portare a un conflitto violento", afferma Kyaw Thet Naing con un'espressione seria. Il 58enne musulmano ha vissuto tutta la sua vita nella città di Meikthila, dove dirige una moschea locale. Conosce i suoi amici dai tempi della scuola. Di solito celebrano insieme le reciproche festività religiose. "In passato eravamo molto legati e non era un problema prenderci in giro, ma ora stiamo molto attenti a quello che diciamo", aggiunge. Non è il solo a temere in una città dove un'accusa vaga, ad esempio, di intossicazione alimentare può avere gravi conseguenze. "Ho amici musulmani, ma nel profondo non mi fido di loro", spiega Maung Kyaw, un camionista buddista di 55 anni. "È meglio se musulmani e buddisti vivano separatamente. Se vivono vicini, piccoli problemi possono svilupparsi violentemente.»
Meikthila è una normale cittadina di provincia, situata sulla strada principale tra Mandalay e la capitale Nai Pyi Taw, dove buddisti e musulmani convivono pacificamente da decenni. Nel 2013, una piccola disputa si trasformò in un massacro in cui furono uccise più di 100 persone, tra cui molti scolari musulmani. Sono state bruciate circa 1500 case, la stragrande maggioranza abitate da musulmani. "Non capisco perché l'odio sia esploso", spiega il deputato U Win Thein, eletto da Meikthila, uno dei più stretti sostenitori della leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi e massimo leader della Lega nazionale per la democrazia (NLD) dell'opposizione. "Prima era così tranquillo qui." Quando ha saputo dei disordini, si è affrettato dal parlamento alla sua città natale. Invano ha implorato la folla riunita di fermare la violenza. «Ho visto uccidere da sei a sette scolari musulmani proprio davanti a me. Banchetto a morte. La polizia e le autorità distrettuali sono rimaste a guardare e non hanno fatto nulla", spiega. Meikthila è una città di guarnigione con diverse migliaia di soldati di stanza. Solo tre giorni dopo, quando furono schierati i militari, i disordini cessarono.

Conflitto violento. Il conflitto a Meikthila non è isolato. Dal 2012 in numerose città del Myanmar sono scoppiati conflitti locali, molti dei quali con esiti violenti, e nella stragrande maggioranza dei casi sono stati attaccati i musulmani. Nello stato di Rakhine, al confine con il Bangladesh, più di 140 musulmani appartenenti a circa un milione di minoranze Rohingya vivono in campi protetti dopo violenti attacchi. In Myanmar sono considerati immigrati clandestini, nonostante vivano da secoli in questa regione di confine. La popolazione buddista Rakhine si sente sotto pressione da parte del governo centrale e della maggioranza birmana e teme di diventare una minoranza in quello che considera il proprio Stato. Ma il conflitto è più profondo e si è diffuso in gran parte del paese.
Il movimento anti-musulmano in Myanmar è guidato da un certo numero di eminenti monaci sotto questo nome Comitato per la tutela della razza e della religione, meglio conosciuto con l'abbreviazione Ma Ba Tha, che in due o tre anni ha costruito 250 filiali locali e conta più di 10 milioni di membri, secondo U Kyaw Sein Win, che è il project manager di Ma Ba Tha. "Il nostro obiettivo è proteggere dai conflitti razziali e religiosi ed evitare l'estremismo in una società multireligiosa", spiega. Il politologo Khin Zaw Win vede invece Ma Ba Tha «come una proposta radicale
movimento istista che ha acquisito influenza in un momento critico. Di per sé non è una cosa grandiosa, ma ha convinto milioni di buddisti facendo leva su paure e atteggiamenti etno-religiosi.»
Nel 2015 Ma Ba Tha è riuscita a far approvare quattro leggi che limitano le opportunità di cambiare religione, di svolgere missioni e per le donne buddiste di sposare uomini non buddisti. Dà inoltre alle autorità la possibilità di limitare il numero di bambini. Le leggi sono generalmente viste come mirate ai musulmani e sono state criticate dai gruppi per i diritti umani come razziste e oppressive. David Mathieson di Human Rights Watch ritiene che "l'ascesa di Ma Ba Tha come nuovo movimento sociale e politico è l'inizio del periodo di riforme". wild card – un crescente movimento nazionalista con un marcato atteggiamento filogovernativo, xenofobo e violento.» L’organizzazione ha ricevuto ingenti somme di denaro da importanti politici locali del Partito al governo dell’Unione per lo sviluppo e la solidarietà (USDP), che hanno anche partecipato ad alcune delle sue manifestazioni. Tuttavia, la leadership del partito non ha finora espresso un aperto sostegno a Ma Ba Tha, a parte il presidente Thein Sein, che nel 2013 chiamò pubblicamente il membro più importante e radicale di Ma Ba Tha, il monaco Wirathu, "il figlio di Buddha" in risposta alla una copertina del Time Magazine che proclamava Wirathu il «volto del terrore buddista».

È una scelta consapevole che il principale partito di opposizione del paese e destinatario del Premio Nobel per la pace, Aung San Suu Kyi, abbia escluso i musulmani.

A livello di villaggio, Ma Bha Tha ha diffuso efficacemente il messaggio che i musulmani minacciano il buddismo e che i buddisti devono essere vigili. Pertanto, gran parte della popolazione buddista oggi si considera quella in pericolo di abusi – e non il contrario. Paradossalmente, la popolazione musulmana del Myanmar è generalmente pacifista e non ci sono stati esempi di attentati suicidi o di sostegno a gruppi radicali. Il Myanmar ha una tradizione di forte nazionalismo e durante i suoi precedenti tentativi di democrazia negli anni ’1950 prese in considerazione anche l’introduzione del buddismo come religione di stato.

Normalizzazione dell'estremismo. Il potere di Ma Ba Tha si estende ben oltre la sfera politica. Durante la campagna elettorale, nessuno dei principali partiti del Paese ha schierato candidati di origine musulmana. A Ny Tid, U Win Thein della leadership della NLD ammette che è una scelta deliberata che il principale partito di opposizione del paese e destinatario del Premio Nobel per la pace, Aung San Suu Kyi, abbia escluso i musulmani. "Se avessimo un candidato musulmano, ciò darebbe a Ma Ba Tha un motivo per attaccarci – e potrebbe diventare un problema a livello nazionale", dice. La stessa Aung San Suu Kyi è stata più reticente. Alla fine di settembre, durante un grande comizio elettorale a Yamethin, nei pressi di Meikthila, qualcuno tra il pubblico ha chiesto quale sia la posizione della NLD nei confronti delle minoranze religiose. "La NLD non utilizzerà mai la religione e le relazioni razziali per ottenere voti", è la sua risposta.
Durante la campagna elettorale, lo stesso Ma Ba Tha ha tenuto grandi riunioni per “celebrare l'adozione delle quattro leggi e ringraziare i parlamentari che le hanno votate”, e allo stesso tempo ha messo in guardia la popolazione dal votare per la NLD. Solo in ottobre l'organizzazione ha riunito circa 10 persone allo stadio nazionale di Yangon. Tuttavia, ci sono anche atteggiamenti più moderati tra i membri di Ma Ba Tha. Ma Ba Tha, il monaco capo di Yamethin, sottolinea che “il buddismo è una religione minoritaria nel mondo oggi ed è minacciato da tutte le religioni […] ma ognuno ha il diritto di votare come vuole”. Anche lui partecipa al raduno degli elettori di Suu Kyi.
Non tutti sono d'accordo con la decisione della NLD di non schierare i musulmani. U Khin Maung Myint del Partito nazionale democratico per lo sviluppo è di origine Rohingya ed ex membro della NLD. "Molti musulmani hanno sacrificato la propria vita per la NLD per più di due decenni e poi veniamo trattati in questo modo. La NLD è razzista, spaventata e si è venduta a Ma Ba Tha perché è nervosa per la perdita di voti. Ciò che ha fatto la NLD è imperdonabile”. Il suo stesso partito ha visto sette candidati su otto schierati per il parlamento dichiarati non validi dalla Commissione elettorale, insieme alla maggior parte degli altri candidati musulmani. Inoltre, i Rohingya sono stati privati ​​del diritto di voto alle elezioni parlamentari del novembre 2015.

Il ruolo della comunità internazionale. La situazione che ha preceduto le elezioni ha provocato la reazione di diversi paesi. In una dichiarazione congiunta di settembre, tra gli altri, di Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia, Danimarca e Norvegia, viene espressa preoccupazione per il fatto che "la religione viene utilizzata come strumento per creare divisioni e conflitti durante il periodo della campagna elettorale". Matthew Smith ritiene che «la comunità internazionale dovrebbe considerare i progressi in Myanmar in modo più sobrio e realistico. Ci sono stati molti progressi, ma la situazione dei diritti umani è peggiorata». U Khin Maung Myint è più diretto: «Molti Paesi sono interessati solo alle risorse naturali e alla concorrenza con la Cina. La Norvegia, ad esempio, ha guadagnato nelle telecomunicazioni e nel petrolio, mentre i musulmani e i Rohingya stanno morendo”, dice.
A Meikthila le tracce degli abusi sono ancora visibili. L'importante moschea Thiri Mingalar sulla strada principale è stata riaperta, ma 10 delle 14 moschee della città sono rimaste chiuse per ordine delle autorità locali. Un candidato parlamentare locale della NLD preferirebbe non parlare dei problemi.

La paura persiste ancora. I giovani progressisti della città, invece, sono pieni di parole. La band hip-hop Bliss rappa contro il governo, parla di pace, diritti umani e rivoluzione. Il membro della band Ye Wint Maung, 20 anni, spiega come ha aiutato i suoi vicini musulmani durante le rivolte: "Un buddista
Un tizio armato con una pistola è venuto nella nostra strada e mi ha chiesto se avevo visto qualche musulmano. Ho detto di no, perché non volevo vedere più morti,' dice. Nonostante il coraggio della band, non osano suonare a Meikthila. "Uno del nostro equipaggio è nostro fratello musulmano, quindi abbiamo paura che altri ragazzi ci attacchino", conclude.
U Thiszana, il monaco capo del monastero buddista Myitta Ye Kyi, si affaccia sul vasto e bellissimo lago Meikthila. Salvò 160 musulmani che cercarono rifugio nel monastero. La scuola del convento e l'ambulatorio da lui gestito sono visitati da persone del quartiere di tutte le religioni. È anche l’unico luogo sicuro in cui i leader musulmani possono incontrarsi con gli estranei. Fu proprio qui, sulla riva del lago, che molti furono uccisi. "Molti musulmani non sono tornati", spiega tranquillamente, mentre è buddista
Le bandiere ke sasana sventolano sopra l'ex quartiere multireligioso proprio dietro la diga del lago.

Questa è la prima parte di una serie di tre sul Myanmar legate alle elezioni.


Kempel è un giornalista freelance.
susannekempel@gmail.com.

Potrebbe piacerti anche