Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Danno la priorità all'estero

Cosa hanno in comune l'artista Marion Raven, il creatore della serie Jason e il drammaturgo Jon Fosse? Danno la priorità all'estero, in modo che la Norvegia debba aspettare i loro nuovi lavori.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

I lanci culturali dell'autunno sono in pieno svolgimento e la scorsa settimana la pop star Marion Raven ha dominato i media norvegesi in occasione dell'uscita del suo debutto da solista Eccomi qui. La frenesia dei media non è stata così intensa attorno al fumettista John Arne "Jason" Sæterøy, ma l'album Lascia che ti mostri qualcosa… ha già ricevuto recensioni entusiastiche dopo che è stato rilasciato lunedì.

Questi due artisti molto diversi hanno qualcosa di molto speciale in comune: i lanci in Norvegia sono solo una parte di un piano mondiale più ampio e per entrambi la Norvegia arriva seconda. Eccomi qui è stato rilasciato in sei paesi del sud-est asiatico all'inizio dell'estate, mentre Lascia che ti mostri qualcosa… è stato pubblicato in Svezia e Francia già nel settembre dello scorso anno. Solo ora vengono pubblicati nel loro paese d'origine e la storia che c'è dietro è un buon esempio della globalizzazione del mercato culturale.

Stella internazionale

Marion Ravn e Marit Larsen di Lørenskog sono diventate pop star globali con il duo M2M. Questa estate, Ravn sarà lanciata come artista solista Marion Raven nel sud-est asiatico, in Scandinavia e in Messico attraverso la casa discografica americana Atlantic Records, che a sua volta è di proprietà della gigantesca compagnia Warner. Ed è stato il lancio in Asia la prima priorità.

- Questo non è comune nell'industria discografica norvegese, ma qui è la Warner negli Stati Uniti, non noi, a decidere dove verrà lanciato per primo il disco. Non è insolito che i musicisti norvegesi lavorino per etichette discografiche straniere, ma di solito si sceglie di lanciare prima l'artista nel proprio paese d'origine. Sia Annie che Magnet hanno contratti discografici con case discografiche inglesi, ma sono stati pubblicati per la prima volta in Norvegia tramite noi, afferma Guttorm Raa, product manager della Warner Music Norvegia.

L’industria discografica multinazionale è strutturata gerarchicamente. In cima ci sono le superstar internazionali, come U2, Coldplay ed Eminem, che vengono lanciate contemporaneamente in tutto il mondo – per evitare che i dipartimenti locali perdano grandi soldi in download, pirateria e importazioni. In fondo troviamo gli artisti locali, che solo eccezionalmente vengono lanciati fuori dai confini nazionali dopo il successo interno. Marion Raven appartiene a una classe media. Ha già un pubblico internazionale grazie al successo di M2M, ma allo stesso tempo non è più grande del fatto che in ogni regione è necessaria una promozione intensa e approfondita in relazione all'uscita del disco. L'artista deve comparire per interviste e apparizioni sui media locali, e questo richiede tempo e fatica. Se Atlantic decidesse di lanciare completamente Marion Raven negli Stati Uniti, ciò comporterebbe diversi mesi di duro lavoro promozionale.

- Il M2M era forte in Asia, motivo per cui hanno scelto di lanciarlo prima lì. Le star più grandi vengono lanciate in tutto il mondo contemporaneamente, ma per il resto ci si concentra su un'area alla volta, semplicemente perché l'artista non può essere ovunque nello stesso momento. Ora tocca al Messico per Marion e, se andrà bene, probabilmente il resto del Sud America sarà in attesa. Penso che il suo prossimo album verrà lanciato in tutto il mondo nello stesso periodo, dice Raa.

Anche l'ultimo album dei M2M è stato pubblicato prima in Asia, e poi la Warner è stata criticata per non aver dedicato abbastanza tempo alla stampa norvegese. Quindi, questa volta la Warner voleva dare a Raven un vero e proprio lancio in Norvegia, ma quella decisione significava che i negozi di dischi e i giornalisti norvegesi dovevano aspettare due mesi. Ciò ha portato a nuove critiche.

- Ce lo aspettavamo. Ci abbiamo pensato più volte prima di decidere di aspettare agosto per l'uscita e il lancio. Ai giornali piace molto scrivere che non capiscono perché scegliamo di aspettare, ma spero che lo capiscano adesso. L'abbiamo ricevuto in borse e sacchi e l'unico inconveniente è stato che l'album è stato disponibile per due mesi tramite Internet e importazioni.

Borsa e sacco sì. Anche i media norvegesi hanno dedicato l'uscita asiatica Eccomi qui grande attenzione, e VG ha recensito l'album basandosi su una copia d'ascolto su MTVAsia.com – con scarsa qualità del suono e ordine pazzesco delle canzoni. È stato anche citato diligentemente dalle interviste di Marion nelle riviste asiatiche, senza che superasse l'interesse quando Raven stessa ha fatto il viaggio a Oslo la scorsa settimana. Ha fatto 30 interviste nel corso di tre giorni.

Piccoli pesci in Francia

Il rumore dei media non è così intenso intorno al Jason Moldensen, ma mentre Marion Raven si concentra sull'Asia, Jason è diventato un piccolo pesce nell'enorme stagno dei cartoni animati francesi. Ora lavora con la Francia e gli Stati Uniti come obiettivi principali, mentre i rilasci nella sua nativa Norvegia sono per lo più un ripensamento. Realizza fumetti in inglese per gli editori francesi Carabas e Atrabiles, che poi traducono la sceneggiatura in francese. Jason deve quindi tradurre nuovamente le sue serie in norvegese, quando alla fine verranno pubblicate qui a casa. Lascia che ti mostri qualcosa… è uscito in francese, svedese e inglese prima di uscire questa settimana in norvegese.

- Lascia che ti mostri qualcosa… è stato commissionato da un editore francese ed è realizzato in stile francese pensando al mercato francese. In realtà ho quasi finito con una sorta di seguito, Forse domani…, che uscirà in Francia quest'autunno, e ha già iniziato a pianificare l'album numero tre. Gli editori francesi sono più interessati alle serie di album con personaggi di revisione fissi, ma anche se il personaggio principale avrà lo stesso aspetto nei miei album, ci sono personaggi e storie diverse. Se c’è qualcosa in comune è che tutte le storie si svolgono nelle città europee – rispettivamente Bruxelles, Parigi negli anni ’1920 e Berlino. Ho intenzione di raggiungere il mercato norvegese prima o poi, dice Jason.

L'editore americano di Jason, Fantagraphics Books, lo descrive Lascia che ti mostri qualcosa… come una sceneggiatura dimenticata di Hitchcock trasformata in un film da Jim Jarmusch. Se consideriamo che Jason si avvicina più che mai a uno dei suoi grandi modelli, Hergé (l'uomo dietro Tintin), iniziamo ad avvicinarci. Il mix di animali divertenti, malinconia distintiva e storie originali di Jason lo ha portato a essere pubblicato in ben 15 paesi.

- Sono cresciuto leggendo album francesi di questo tipo; storie indipendenti a colori su circa 48 pagine. È un formato impegnativo in cui lavorare e con cui Lascia che ti mostri qualcosa… In realtà dovevo scrivere la mia prima sceneggiatura. In passato ho elaborato la storia mentre la disegnavo.

Jason ora vive a Montpellier, in Francia, dove ha visto il mercato francese degli album rafforzarsi dopo una piccola crisi nei primi anni '1990. Gli editori piccoli e affamati hanno spinto i veterani affermati a pensare in modo più progressista, e la maggiore concorrenza ha portato a un’esplosione dell’offerta. I grandi venditori vengono stampati a centinaia di migliaia, mentre i giganti come Asterix og Titeuf arriva in milioni di copie. 500 Jason è ancora un pesce piccolo con i suoi 000 in circolazione, ma il passaggio dagli album in bianco e nero ai sontuosi album a colori è un grande passo nella giusta direzione. In Norvegia vengono pubblicati pochissimi nuovi album del tipo di quelli creati da Jason, e senza il mercato francese su cui fare affidamento Lascia che ti mostri qualcosa… difficilmente sarebbe stato realizzato.

- Il mercato francese è la mia prima priorità, ed è per questo che vivo in Francia. Ecco come funziona il mercato oggi. Se vuoi fare serie comiche, la Norvegia è buona, e se vuoi disegnare supereroi, vai negli Stati Uniti. Voglio fare album di cartoni animati, e poi è la Francia a candidarsi, conclude Jason.

Potrebbe piacerti anche