Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Le nuove città ambientali

È possibile rendere una grande città rispettosa dell'ambiente? Al di fuori di Shanghai, si stanno compiendo tentativi avanzati per creare una città ecologica autosufficiente. Di Ola Wong, Shanghai, Cina




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nell'anno 2007, l'umanità attraversa un confine storico. Per la prima volta, secondo l'agenzia delle Nazioni Unite Habitat, metà della popolazione mondiale vivrà in città. Habitat avverte che quasi un cittadino su tre vive nelle baraccopoli.

Mentre l'Europa, il Nord America e l'America Latina hanno avuto la loro maggiore urbanizzazione

periodo a metà del 1900° secolo, ora otteniamo la crescita più rapida dall'Asia e dall'Africa. L'Africa a sud del Sahara ha l'urbanizzazione più rapida, seguita dal sud-est asiatico e dall'Asia orientale. La percentuale di cinesi che vivono nelle città è aumentata dal 17% nel 1978 al 42% nel 2005.

Dare l'esempio

- I cinesi si stanno muovendo in una direzione in cui consumano tanta energia quanto noi in Occidente. Proprio come noi, si precipitano dritti in un conflitto per le risorse naturali e il disastro climatico, afferma Dennis Pamlin, capo del commercio e degli investimenti dell'organizzazione ambientale World Wildlife Fund (WWF) in Asia.

Pamlin crede che il mondo abbia una fantastica opportunità di trasformare l'urbanizzazione della Cina in un modello per il resto del mondo.

- Se lasciamo che l’urbanizzazione cinese diventi un motore per lo sviluppo di soluzioni sostenibili, allora sarà possibile gestire i due miliardi di persone in più che arriveranno nelle città entro il 2030. Economia e sostenibilità

il potere deve andare di pari passo.

Nel 2003 due ricercatori cinesi scrissero un articolo dal titolo profetico: "Che cosa guadagnerà il mondo dalla crescita della Cina nei prossimi vent'anni?". Lì descrivono come lo sviluppo della Cina sia guidato da tre regioni lungo la costa orientale: il delta del fiume Pearl a sud, la regione Pechino-Tianjin-Bohai a nord e il delta del Chang al centro.

"Nei prossimi vent'anni assisteremo all'emergere di tre enormi "sfere urbane" che rappresentano il 20% della superficie terrestre cinese e il 20% della popolazione del paese, ma che producono il 65-70% del reddito lordo del paese.

prodotto nazionale. Grazie alla trazione di queste enormi potenze urbane, la Cina centrale e occidentale creeranno le proprie cinture urbane”, hanno scritto sulla China Business Review.

Allo stesso tempo, hanno sottolineato che, mentre la metà della popolazione del paese raggiunge questi livelli elevati

un ambiente urbano sviluppato, si consente all'ecologia impoverita in molti luoghi delle vaste terre della Cina di riposarsi e recuperare il ritardo. I ricercatori ritengono che il debito ambientale accumulato nel corso di migliaia di anni possa gradualmente iniziare a essere ripagato.

Hanno ragione: quasi tutti gli studi dimostrano che è più facile risolvere i problemi ambientali quando le persone vivono nelle città.

La classe media è un problema

Ma qui c'è un meeen lungo quanto una coda del traffico di Pechino. La classe media delle città cinesi vive in una società dei consumi basata sul modello occidentale. I loro grandi appartamenti sono riscaldati, rinfrescati e illuminati dal carbone inquinante. Già nel prossimo anno la Cina probabilmente supererà il Giappone e diventerà il secondo mercato automobilistico più grande del mondo.

Entro il 2020, altri 300 milioni di cinesi si trasferiranno nelle città, oltre ai 560 milioni che già vi risiedono. Secondo i piani del Paese, la Cina sarà allora una xiaokang shehui, una società di classe media.

Un europeo normalmente attento all'ambiente non ha bisogno di stare seduto per ore a guardare lo smog nel suddetto ingorgo, prima di iniziare a mettere in discussione il valore di aver installato a casa una doccia a risparmio energetico. E la moltitudine di una società civile attiva – organizzazioni ambientaliste, fanatici e sostenitori degli alberi – necessaria per coltivare la consapevolezza ambientale in Occidente, è difficilmente tollerata in Cina. Gruppi di pressione troppo attivi possono rapidamente trasformarsi in una sfida per il Partito Comunista al potere.

Moderno con ambiente

Lo sviluppo sostenibile è diventato l’ultima parola d’ordine politica a Pechino. Le nuove auto ora devono soddisfare requisiti di efficienza energetica che sono più severi di quelli vigenti negli Stati Uniti. Le autorità centrali si sono dimesse per concedere l’autorizzazione alla costruzione di grandi edifici residenziali ad alta intensità di territorio e, ad esempio, ai campi da golf. Il boom edilizio dei grandi appartamenti di lusso è stato regolamentato. Quasi tutte le città cinesi hanno una sorta di piano per costruire "eco-città", anche se questi piani sono già presenti

molti dei casi possono essere considerati discorsi vuoti.

- La Cina si trova di fronte a una scelta importante. Dovremmo scegliere il modello occidentale? Oppure dovremmo scegliere un approccio più complicato e assumere il controllo dello sviluppo? C'è volontà di cambiamento. Ma purtroppo non è ancora successo nulla, afferma Zhao Min, direttore del Dipartimento di Pianificazione Urbana dell'Università di Tongji.

Forse l’esperimento più avanzato con l’eco-città è in corso a Shanghai. Lì è prevista la costruzione di Dongtan sull'isola di Chongming allo sbocco di Changelva. L’obiettivo è una città autosufficiente con infrastrutture più compatte e produzione di rifiuti e consumo energetico ridotti. Nella migliore delle ipotesi, ciò si traduce in un ambiente urbano neutro in termini di inquinamento che non contribuisce all’effetto serra. Saranno vietati i veicoli alimentati a benzina e diesel. Il trasporto avverrà invece su barche a energia solare e autobus a celle a combustibile. I promotori sperano che possa diventare un modello per il resto del mondo.

Tuttavia, Zhao Min ritiene che Dongtan danneggerà le zone umide sensibili della zona, aree che ospitano specie rare di pesci e uccelli.

- Le preoccupazioni ambientali sono solo una maschera che i promotori immobiliari usano per ottenere sostegno politico. Se vuoi proteggere l'ecologia del posto, è meglio non costruire nulla! lui dice.

Secondo lui ci sono abbastanza terre intorno a Shanghai per creare una città ecologica senza che la natura incontaminata venga danneggiata.

Progetti violenti

Shanghai ha scelto un modello di urbanizzazione che viene chiamato “città dei fiori”. Intorno al centro storico stanno sorgendo nove "città nuove". Inoltre verranno costruite ancora 60 piccole città e 600 città satellite. Shanghai quindi non sta crescendo fuori controllo dal centro. Con diverse nuove città, puoi sperimentare diverse soluzioni progettuali e abitative. Una città ecologica dovrebbe adattarsi bene a questo concetto, dice Zhao Min, ma dubita che entrerà a far parte dei piani di Dongtan. I dirigenti di alto livello sono contrari, dice.

- In Cina tutti parlano di sostenibilità

sviluppo, ma quando si tratta di soldi, i costruttori scelgono sempre il più economico possibile, dice Eva Wang.

Dopo molti anni negli Stati Uniti, gestisce uno studio di architettura a Shanghai e ha disegnato progetti per diverse piccole città nel delta del Chang, compresi edifici residenziali

l'area Jingwei Urban Oasis a Shanghai, premiata dall'UNESCO e dal Ministero dell'Ambiente.

Eva Wang pensa che le autorità prendano

le sfide ambientali sono già abbastanza serie, ma quando i progetti arrivano agli appaltatori, le considerazioni ambientali scompaiono nel tentativo di ridurre i costi.

- Le autorità vogliono davvero creare uno sviluppo sostenibile, ma non sanno come. Le società immobiliari si preoccupano solo di questo nel loro marketing, dice Eva Wang.

- Cerco di proporre quelli a risparmio energetico

soluzioni, come i tendalini ad abbassamento

la temperatura interna o doppi vetri, ma viene sempre rifiutata. Vogliono solo profitti rapidi, dice.

Altro sul campo

Dennis Pamlin ritiene che il Ministero dell’Ambiente cinese sia inefficace. A suo parere, affinché le promesse siano valide, occorre coinvolgere anche i ministeri del Commercio e dell'Industria.

Il WWF lavora per portare prospettive sull’efficienza delle risorse e analisi della sostenibilità nei negoziati commerciali in corso tra l’UE e la Cina.

C'è ancora molta strada da fare. Come racconta Pamlin: Molti in Cina parlano di ambiente e sostenibilità come un modo per garantire che la Cina rimanga nella povertà, dal momento che lo stile di vita in Occidente è molto più dannoso per l'ambiente rispetto alla vita media cinese.

Tradotto da Gro Stueland Skorpen

post@nytid.no

Potrebbe piacerti anche