Il nichilismo dei valori occidentali

La sconfitta dell'Occidente ("Sconfitta dell'Occidente")
Forfatter: Emmanuel Todd
Forlag: Gallimard, (Frankrike)
MILITARISMO / La guerra in Ucraina rischia di diventare il preludio di un inevitabile declino per l’Occidente. I paesi nordici sono oggi tra i maggiori fornitori di armi all’Ucraina. Questo libro è un’illustrazione quantitativa del declino dell’Occidente e della crescente sfiducia nei confronti delle istituzioni da parte di ampi settori della popolazione delle società occidentali. L’Occidente non può più aspirare alla leadership morale nel mondo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Tutti i personaggi famosi hanno diritto alla fama, a un evento che li ha resi famosi. Lo storico e antropologo francese Emmanuel Todd divenne famoso quando predisse la caduta dell'Unione Sovietica nel 1976, in un'epoca in cui l'Unione Sovietica non dava ancora l'impressione di essere un gigante dai piedi d'argilla. Da allora il successo della previsione non ha più abbandonato lo storico francese.

Nel suo ultimo libro La Défaite de l'Occident, pubblicato su Gallimard all'inizio di quest'anno, Emmanuel Todd osa fare una nuova profezia: la guerra in Ucraina, che il ricercatore francese vede principalmente come una guerra per procura tra Occidente e Russia sul suolo ucraino, rischia di diventare il preludio di un'inevitabile declino per l’Occidente. Un declino che qualche anno fa sarebbe sembrato impensabile. Molti di noi sono mentalmente bloccati nel 1989, intrappolati nel discorso autoglorificante dell’Occidente, convinti che l’Occidente potrebbe facilmente imporre il suo modello al resto del mondo. Ma nonostante abbia un PIL molto più alto di quello russo, l’Occidente si è dimostrato incapace di infliggere una sconfitta decisiva alla Russia, e non riesce a produrre abbastanza munizioni per continuare a rifornire l’Ucraina. Alla luce della fallita controffensiva ucraina nell’estate del 2023, la questione dovrebbe essere di grande attualità. Ma ciò, a quanto pare, non ha portato ad alcun cambiamento di strategia in Europa o negli Stati Uniti. La crisi ucraina deve essere risolta con mezzi militari.

Ucraina e Russia

Todd si basa sulla scuola storiografica degli Annales, che ha dato il tono all'introduzione del termine di lunga durata, lo studio di fattori oggettivi e strutturali su un periodo di tempo più lungo – in contrasto con un approccio storico-evento che enfatizza lo studio di nomi, date ed eventi senza necessariamente collocarli in un contesto più ampio. Todd collega quindi la guerra russo-ucraina, l’evento scatenante della (possibile?) sconfitta dell’Occidente, a un Occidente che ha visto assottigliarsi la propria leadership economica e industriale – e che ha ampiamente spostato la propria base industriale. La guerra si fa con l’industria e le armi, non con il denaro. Oggi le università russe formano più ingegneri di quelle americane, sottolinea Todd.

La presenza di un’Ucraina russofona e filorussa era qualcosa di concreto e reale, non solo un’invenzione del Cremlino.

I primi capitoli del libro sono dedicati all'Ucraina e alla Russia. Qui Todd approfondisce la struttura familiare e comunitaria, che è la sua specialità
campo, nel tentativo di spiegare la realtà dei due Paesi da un punto di vista antropologico. Coloro che sono interessati all’Ucraina probabilmente hanno letto o sentito parlare di un’Ucraina di lingua ucraina e di un’Ucraina di lingua russa. Negli ultimi anni è diventato comune affermare, prima in Ucraina e poi in Occidente, che il “mito delle due Ucraine” è in realtà solo una delle innumerevoli bugie della menzognera propaganda russa. Ma Todd dimostra, sulla base di una credibile ricostruzione storica e dei risultati elettorali in Ucraina tra il 1991 e il 2014, che la presenza di un’Ucraina russofona e filo-russa era qualcosa di concreto e reale, non solo un’invenzione del Cremlino. Tuttavia, questa Ucraina russofona e filo-russa ha perso ogni rappresentanza politica dopo la rivoluzione Maidan del 2014. La classe media ucraina russofona è stata quindi in gran parte costretta a emigrare. Il capitolo sulla Russia, invece, si propone di illustrare come e perché l’economia russa si è rivelata più resistente alle sanzioni occidentali di quanto molti si aspettassero.

Antirussisk paranoia

La maggior parte del libro, tuttavia, è, come suggerisce il titolo, incentrata sull’analisi del relativo declino dell’Occidente. La cosiddetta 'letteratura in decadenza', nella quale alcuni scrittori di Cassandra predicono la caduta dell'Occidente, non è certo un fenomeno nuovo, ma in un certo senso un genere letterario ben consolidato, soprattutto in Francia. Molti, però, hanno spesso guardato a questo tipo di letteratura con grande scetticismo, uno scetticismo che appartiene a chi nel corso degli anni ha ascoltato una profezia dopo l'altra senza vederle avverarsi.

Ma in contrasto con gran parte della letteratura sul declino che enfatizza il declino come un fenomeno puramente mentale, questo libro offre una visualizzazione quantitativa del declino dell’Occidente e della crescente sfiducia nelle istituzioni in ampie fasce della popolazione nelle società occidentali, con sintomi quali come l’aumento del populismo e della disuguaglianza dei redditi. I capitoli trattano di Gran Bretagna e Stati Uniti, e un capitolo (breve) riguarda anche la Scandinavia, che, secondo Todd, è stata travolta da un'acuta forma di paranoia anti-russa. Questo è senza dubbio un fenomeno interessante che ha ricevuto poca attenzione:

Secondo Todd la Scandinavia è stata travolta da una forma acuta di paranoia anti-russa.

I paesi nordici, che sono stati tradizionalmente pacifici e hanno mantenuto la parola data per evitare conflitti inutili, sono ora tra i maggiori fornitori di armi all’Ucraina – non solo in termini di PIL relativo, ma anche in termini assoluti. Se si sommano gli aiuti militari provenienti da Danimarca, Svezia, Norvegia e Finlandia, si arriva a 10 miliardi di dollari ed è grande quanto l’aiuto militare della Germania, che ora è diventata uno dei più ardenti sostenitori dello sforzo bellico ucraino. In uno degli ultimi capitoli, Todd cerca anche di mostrare tutti i limiti di un indicatore come il Pil quando si tratta di quantificare la forza e quindi la salute di una nazione e di una società.

Controverso e spiacevole

Il libro di Todd è destinato a essere controverso e spiacevole. Ma si rivela importante, e non è un caso che in Francia sia diventato rapidamente un bestseller nelle sezioni dei libri politici. Per Todd, l'Occidente guidato dagli americani è entrato nella fase zero della religione, la fase della dissoluzione della morale cristiana, per la quale il ricercatore francese ha una data concreta per l'introduzione del "matrimonio tra persone dello stesso sesso" senza volerlo giudicare. Secondo Todd, l’Occidente non può più aspirare alla leadership morale nel mondo. La democrazia occidentale, che era vista come la base della superiorità occidentale, si è ora trasformata in una “oligarchia liberale”. Di fronte al nichilismo dei valori occidentali, il resto del mondo ha scelto di non seguire l’Occidente nel confronto con la Russia. Uno sviluppo che potrebbe rivelarsi fatale per l’Occidente, ritiene lo storico francese.

 

Tradotto dall'inglese dall'editore.

Abbonamento NOK 195 al trimestre