Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

I nuovi barbari

MIGRAZIONE / Quali esperienze si possono collegare alla teoria dell'Altro quando si visita un'isola di migranti come Lampedusa? Forse alcuni filosofi possono indicare la via. A meno che i migranti non siano le migliori guide.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

L'aereo a elica atterra bruscamente Lampedusa. Quest'isola italiana tra la Tunisia e la Sicilia accoglie un gran numero di rifugiati, o “migranti” come sono prima di ricevere lo status di rifugiato.

Come è noto, molti annegano durante la traversata. Non sembra lontano, dato che da qui potremmo quasi intravedere la costa della Tunisia, nelle belle giornate. Ma le barche sono spesso in pessime condizioni, nel caso in cui il migrante non possa permettersi quello che chiamano un 'viaggio vip' a 6000 euro. E ne voglio uno migrante dimezza il prezzo abituale di 5000 euro, è lui al timone della barca, ma rischia di essere punito come contrabbandiere quando fa scalo a Lampedusa.

Lavoratori ausiliari
(Paola Pizzicori A destra.)

Ci incontriamo Paola Pizzicori qui (a destra nella foto centrale), che racconta una serie di eventi. È stata un'attivista comunitaria volontaria per alcuni decenni dopo essere arrivata a Lampedusa all'età di 23 anni. Quando nel 10 ne arrivarono 000 in breve tempo, la gente del posto intervenne e preparò migliaia di pasti che distribuirono ai nuovi arrivati ​​mentre sedevano per strada. Lampedusa stessa conta solo 2011 abitanti... La capienza del centro di accoglienza qui è di 5000 persone, ma più volte ne sono arrivati ​​​​un numero enorme, tanto che la popolazione locale ha dovuto aiutare. Le condizioni possono diventare insopportabili quando la capacità è costantemente in esaurimento.

Nel cimitero qui a Lampedusa, tutti gli italiani sepolti hanno una loro foto sul torso con il nome camere sepolcrali. A Lampedusa non esiste la cremazione. Ma i migranti ogni tanto vengono sepolti sotto terra con qualche croce, senza nome. Sì, in un paio di posti a un migrante è stata data lo stesso tipo di camera funeraria, con un design grafico, di "Welela" (vedi foto). Una signora del posto aveva finanziato la sua ultima dimora.

Ho provato a visitare il campo di internamento qui, ma c'era del filo spinato e la polizia mi diceva di andarmene. Almeno abbiamo osservato da lontano una barca piena di profughi entrare nel porto locale guidati dalla guardia costiera. Questa volta la maggior parte è sopravvissuta. Ho girato l'isola alla ricerca delle barche di profughi distrutte da fotografare. Ma ho trovato solo alcuni vestiti, come un paio di pantaloni da bambino e un paio di gilet. Le barche sono state legalmente sequestrate e distrutte dalle autorità. Qui, dove anche i turisti amano sdraiarsi sulle spiagge sabbiose, evidentemente non bisogna confrontarsi con i migranti.

Qui all'obitorio Pizzicori racconta della puzza, perché i migranti possono giacere lì per settimane, ammucchiati uno sull'altro. Sottolinea inoltre come abbiano lavorato per rintracciare i nomi dei migranti morti, invece di lasciare che diventassero solo un numero. La gente del posto qui – nonostante sia un po' aggressiva xenofobia – e gli operatori umanitari internazionali trattano con dignità i vivi e i morti che arrivano.

Tomba comune
Tomba comune

Cosa può fare l’Europa?

Le lavoratrici civili delle ONG Forum Lampedusa Solidale, Maldusa e Mediterranean Hope hanno raccontato il loro lavoro, proprio accanto alla scultura costiera Porto d'Europa a Lampedusa (vedi foto principale). Chiedo cosa dicono Ursula von der Leyen dell'UE e Giorgia, il primo ministro italiano melone è nato dopo la sua visita qui, quando a settembre dello scorso anno arrivarono 8000 migranti in 3 giorni. Con sdegno rispondono che è stato messo in piedi un vero e proprio spettacolo per conto della grande politica. Il centro di accoglienza ha improvvisamente mostrato un numero normale di migranti ed è stato ripulito per essere esposto. Ma la Croce Rossa, da parte sua, ha sottolineato che il centro di accoglienza aveva recentemente stipato 2500 persone dove avrebbero dovuto esserci posto solo per 400.

La Meloni aveva chiesto aiuto a von der Leyen. Il numero dei migranti è raddoppiato dal 2022 al 2023. Il punto forte dei due politici dopo la visita è stato che dovevano essere adottate misure più severe per fermare la traversata verso Lampedusa. Si doveva stabilire un accordo con la Tunisia per limitare il flusso.

Von der Leyen? Recentemente ha tenuto un discorso di tributo a Israele, definendolo il paese che ha costruito il prospero paese nel “deserto” che occupava. Non provava alcun sentimento per l'“Altro”, i palestinesi che furono massacrati e sfollati dall'area che Israele colonizza da oltre 75 anni. Questo è nessuna empatia per profugouno nell'inferno di Gaza.

Pizzicori sottolinea anche come abbiano lavorato per rintracciare i nomi dei migranti morti, invece di lasciarli diventare solo un numero.

Ma è una discussione, no? Europa dovrebbe fare, poiché le frontiere aperte potrebbero cambiare completamente il continente. E nelle discussioni che ho avuto su Lampedusa c'era la questione se uno è un rifugiato “economico” o “politico”. Quest'ultimo significa, ad esempio, in fuga dalla guerra, dalla carestia o dalla persecuzione. I primi dalla povertà, oppure dalla ricerca di una vita diversa e preferibilmente più significativa. Ma la domanda di controllo che i migranti disperati spesso devono affrontare da parte della polizia all’accoglienza qui è se vogliono un lavoro in Europa. Cosa che i più ovviamente confermeranno – con la conseguenza di essere etichettati come “migranti economici” – senza la stessa tutela di quella politica.

Migranti arrivati

Una pace prima di ogni inimicizia

Lungo il percorso, mi è stato chiesto di tenere una conferenza sull'“Altro” (il migrante) ad un certo numero di studenti siciliani e maltesi che erano in visita con noi a Lampedusa. Ho considerato gli scritti di Emanuel Levinas sull'Altro – con note del defunto professor Asbjørn Aarnes' precedentemente insegnando su di lui all'Università di Oslo (vedi avviso a pagina 26). Ho provato ad aprire alcune menti agli incontri con estranei:

Un termine è "asimmetria". Per Levinas lui il Andre più significativo di te, come lei o il suo viso ti imposta per "risposta": devi "rispondere". In un certo senso "chiamando" la faccia su di te, con una relazione pre-teorica e pre-riflessiva una vulnerabilità nel dire: "Non uccidermi". (Pensa solo a come i piccoli cadaveri a Gaza lo rendono chiaro.) Qui sta l’umiltà per l’irriducibilità di tutti noi. esteriorità, questo ambiente che fin dall'inizio della tua educazione ti ha definito: come il volto di qualcun altro, preferibilmente quello di tua madre, ti ha dato linguaggio e gesti, e come hai adottato pratiche dal tuo ambiente per trovare significato, stabilire comportamenti, trovare valori. Come soggetto, quindi, non sei creato da te stesso. L'etica (pre-filosofica?) di Levinas si riferisce proprio al rapporto di fiducia che deve prima sorgere – qui è in linea con il danese Knud Løgstrup (L’esigenza etica). La sfiducia e la critica devono venire dopo. Ma il punto di partenza è questa comunità, a cui è vicino amoreuno. Colui che si ritrova ostinatamente nel suo individualismo è di conseguenza nel dominio del “medesimo”, non aperto all'“Altro”.

Sul retro del libro di Levinas Altro che essere o oltre l'essenza ("Altro che essere o oltre l'essenza", 1974) si legge: "Alla memoria di coloro che furono più vicini tra i sei milioni assassinati dai nazionalsocialisti". Ha rintracciato le radici della crescita nazionalismo dove distinguiamo tra noi stessi e gli "Altri". Generalizzazioni come “gli ebrei sono avidi” e “i musulmani sono terroristi” – categorizzazioni così semplici, riduttive e quasi allergiche degli “Altri” – portano facilmente all’aggressione, ai confini e ai muri.

Porto M

L'"Altro" è sempre più che semplici categorie e ci spinge a vedere l'"infinito" nell'altro. Ovviamente qualcosa che possiedono gli operatori umanitari a Lampedusa, la capacità di vedere se stessi sia come ospite che come ostaggio migrantei propri bisogni. La relazione con l'Altro ci definisce. Ospitalità, l'accoglienza dell'altro è il fondamento della comunità umana in quanto tale – con Lévinas una pace prima e al di sopra inimiciziaet.

Con la cultura odierna generata dalla paura (vedi anche la mia intervista Modern Times con Grimonprez) i “nemici” vengono utilizzati per aumentare i budget militari e l’uso delle armi. La filosofia di responsabilità, amore e comunione di Levinas con lo straniero è sempre più necessaria.

Ma la domanda sarà probabilmente l’ultima: come si può cambiare la politica più importante per includere pacificamente tutti noi che siamo sullo stesso globo (vedi anche il saggio su Kant). Perché la migrazione non scomparirà in un’epoca di cambiamenti ambientali e di social media che mostrano come ci si trova dall’altra parte del confine, non importa quanto duramente l’Europa la utilizzerà.

Agamben e l'ospitalità

Dato che mi trovo in Italia, è stato naturale citare il filosofo Giorgio nella conferenza agamben, che si è costantemente rivolto alle persone vulnerabili, impotenti e apolidi – Homo sacer. Ha scritto anche nel 1994 su Hannah ArendtÈ un vecchio saggio Noi rifugiati (1943), dove sottolinea "il diritto di avere". più insieme', tale cittadinanza lo garantisce. Dopotutto, lei emigrò dalla Germania di Hitler e dalla persecuzione degli ebrei come "senzatetto" a New York.

«I rifugiati espulsi da un Paese all'altro rappresentano l'avanguardia del loro popolo.»

Ma vediamolo con Agamben positivo dal migrante: scrive che il rifugiato che ha perso ogni diritto “smette di volersi assimilare ad ogni costo ad una nuova identità nazionale”, ma realizza come sconosciuto un grande vantaggio: «Per lui la storia non è più un libro chiuso, e la politica cessa di essere privilegio dei gentili. I rifugiati espulsi da un paese all’altro rappresentano l’avanguardia del loro popolo”. Con confini fisici e mentali più fluidi, così come con la dissoluzione dei valori tradizionali, il migrante può essere esemplare come essere umano del futuro. La stessa Arendt ha dedicato un capitolo nel suo libro Le origini del totalitarismo (2024/1951) al problema dei rifugiati.

Chiedetevi: oggi la pratica plurisecolare degli stati sovrani (che possono fare quello che vogliono, cfr. Israele/Gaza) non è forse un po’ discutibile – in un possibile mondo più comune che sembra e suona più globale? Perché quale Europa, o quali valori umani europei, possiamo preservare se non ci prendiamo tutti sul serio? Né sono il primo a desiderare un vero 'USO', et Stati Uniti d'Europa, come una federazione (un po’ diversa dall’UE) che dovrebbe avere determinate leggi europee per tutti: non solo diritti umani, ma preferibilmente leggi sostenibili sovranazionali per una migliore migrazione, clima e ambiente.

Nel porto di Lampedusa c'è il bar Port M, dove 'M' si riferisce alle barche mediterraneo og migranti – è decorato con gli avanzi dei migranti. Anche una piccola biblioteca "europea" – tra cui Antonio Gramscis Scritti politici og Per la veritàà. E il proprietario di Lampedusa era un musicista, poiché l'ultima sera ha cantato e suonato da solo su quattro strumenti diversi – con un'ospitalità che brillava.

Il viaggio a Lampedusa si è concluso con una traversata di 17 ore in mare mosso con un'altra barca a vela Malta, con vomito e nausea. Ma quell’esperienza era lontana da ciò a cui sono esposti i migranti. E a Malta? No, lì non accettano migranti. Un passaporto norvegese, invece...

Tomba degli Ignoti

Ripensare Lampedusa

L'evento con cui ho viaggiato dalla Sicilia, ovvero 'Rethinking Lampedusa', voleva considerare il migrante positivamente. Insieme al filosofo Leonardo Caffo abbiamo parlato come Agamben del migrante o del rifugiato come persona per il nostro tempo e per il futuro, dove i confini statali dovrebbero essere superati, dove le persone si spostano, comunicano oltre i confini e vivono in una modernità sempre più “fluida” (cfr Zygmunt Bauman ). Abbiamo preso un modello dal libro Impero (2000) di Toni Negri e Michael Hardt (vedi successivo TEMPI MODERNI), dove un capitolo tratta del migrante come 'il nuovo barbarouno'. Questi filosofi sono, come Kant, cosmopoliti, guardano oltre i confini statali.

i barbari sono coloro che sono sfuggiti ai limiti locali della loro situazione di individui, ma che devono anche ricostruire la propria vita. Potrebbe anche essere un viaggio violento e barbaro, ma come Walter benzoino ha detto: “Barbarie? Esattamente. Affermiamo questo per introdurre un concetto nuovo e positivo di barbarie”. [mia traduzione] Il barbaro non vede nulla come permanente, ma vede nuove strade ovunque, come scrivono Negri e Hardt. Lui o lei vuole un "corpo" che non si conformi alle strutture dominanti. Come scrisse una volta Baruch Spinoza, deve essere "un corpo potente" creato da una coscienza elevata, mescolata con amore.

Beh ottimista? Spero di no.

Un breve filmato del viaggio sarà disponibile in seguito.
Vedi anche il libro della norvegese-maltese Kristina Quintano
Il messaggero dall'inferno, capitolo 5 su Lampedusa.
Di lei riportiamo notizie nell'edizione autunnale.

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Articoli Correlati