Teatro della crudeltà

Le criptovazioni alternative – Governance 2.0

I criptoanarchici di tutto il mondo stanno sviluppando "bitnations" – comunità virtuali basate su blockchain. Ny Tid ha incontrato la fondatrice di Bitnation, Susanne Tarkowski Tempelhof. Cosa la spinge a creare tali comunità online?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Susanne Tarkowski Tempelhof ha fondato quattro anni fa Bitnation, un sistema di comunità online volontarie con i propri "cittadini", che funzionano come le cosiddette "nazioni" decentralizzate. Quest'anno Bitnation ha superato più di 15 utenti che utilizzano sistemi basati sulla tecnologia blockchain ed ethereum. Bitnation facilita le proprie "leggi costituzionali", contratti di commercio e matrimonio, passaporti globali, atti di proprietà, certificati di nascita e documenti di identità per i rifugiati bisognosi. Stanno scommettendo su un cosiddetto governance open source – un tipo di fallo da solo-strategia – dove le piccole comunità creano le proprie leggi e regole. Le “Bitnations” si basano su contratti intelligenti, alimentati dall’intelligenza artificiale, che rendono superflui costosi avvocati. Le bitnazioni ora funzionano in pratica come governance alternativa, nei confronti delle autorità pubbliche e di altre autorità private. Le comunità sono costituite da piccoli forum pubblici che funzionano come arene di negoziazione e in cui anche tu come partecipante sei classificato in base al tuo comportamento, in modo che il sistema possa fidarsi di te. Ora è possibile stipulare polizze assicurative, contratti e certificati, che in seguito non potranno essere falsificati o persi. Forse i documenti d'esame saranno i prossimi? 

"Vogliamo un sistema separato che sia internazionale, senza essere soggetto alla corruzione."

Bitnation ha già ricevuto maggiore pubblicità su The Economist e Wall Street Journal per il suo uso sperimentale della tecnologia blockchain, che è stata utilizzata, tra le altre cose, per porre rimedio alla crisi dei rifugiati fornendo ai rifugiati carte d'identità virtuali. 

Il marito di Susanne Tempelhof, James Fennell Tempelhof, che è anche socio di Susanne e comproprietario dell'azienda, la accompagna nei suoi viaggi intorno al mondo. In un "manifesto" aggiornato su tse.bitnation.co, loro e altri con loro dichiarano che lo scopo della bitnation è liberare "l'umanità dall'oppressione e dalle sanzioni della sovranità consolidata, dell'apartheid geografico, della xenofobia e della violenza, promosse dalla nazione- oligopolio statale”.

Dalla Svezia all'Afghanistan

Incontro Tarkowski dopo un seminario segreto che ha organizzato per un gruppo di separatisti a Barcellona, ​​che vogliono fondare una piccola nazione catalana. I suoi valori e la sua mentalità sono ciò che mi incuriosisce di più. Quale personalità si nasconde dietro questa donna che è riuscita a riunire gruppi di cripto-anarchici per scegliere comunità alternative per le proprie nazioni? 

Tarkowski dice di avere una madre francese, mentre suo padre polacco è stato un rifugiato apolide per 10 anni. Dopo la sua nascita in Svezia, la famiglia si trasferì di paese in paese: 

“Non ho mai veramente capito il senso di uno stato nazionale. Quando tornai in Svezia a 20 anni, fu difficile per me seguire tutte le regole della società. Perché non scegliere tra i sistemi di governance dei diversi paesi? Oppure, ad esempio, ottenere dei coupon per scegliere dove acquistare i servizi sanitari?” lei chiede. 

"Immagino un mondo senza autorità centrali." Susanne Tarkowski Tempelhof

Tarkowski non rimase a lungo in Svezia: 

"Il consiglio svedese assume funzioni vitali. I genitori non devono prendersi completamente cura dei propri figli, e nemmeno i bambini devono prendersi cura dei propri genitori. I vicini si ignorano a vicenda. Ti aspetti che lo Stato faccia tutto." 

Per sette anni ha lavorato per l'amministrazione americana, compresi diversi anni in Afghanistan. Qui ha assistito gli afghani nel lavoro di costruzione della propria nazione e nello sviluppo del sistema di governo afghano. Ha anche trascorso un anno a Bengasi in Libia, devastata dalla guerra, e ha lavorato in Egitto, Pakistan e Washington DC. 

Il suo scetticismo sui sistemi di governo pubblico è cresciuto come risultato di queste esperienze. Tarkowski ha trovato nutrimento per le sue vecchie visioni:

“Durante i sette anni in cui ho lavorato per gli Stati Uniti, sono stato testimone di molta miseria. Ho visto persone uccise, fatte a pezzi, rapimenti. Invece dell’apparato statale, erano piuttosto altre comunità a prendersi cura del popolo. Ad esempio, quando sono arrivato nelle zone ribelli e dopo il bombardamento di Bengasi in Libia: mi aspettavo il caos totale, ma in realtà era una delle zone più civili in cui sono stato. Alcuni "esploratori" dirigevano il traffico, i volontari organizzavano stessi a raccogliere la spazzatura. Ho visto una società civile che funzionava senza governo”, afferma. 

Tarkowski prosegue raccontando le sue esperienze in Afghanistan:

"Ho visto la stessa organizzazione civile in Afghanistan, dove le autorità sono deboli, ma il paese ha ancora una società ben funzionante. Sebbene i cittadini sperimentino la crudeltà e la guerra in questo paese pericoloso, ho davvero incontrato una forma di comunità umana e di sostegno che raramente vedo nel nostro mondo occidentale”.

Tarkowski aveva circa 300 lavoratori alle sue dipendenze quando lavorava in Afghanistan. La società da lei guidata lavorava alla raccolta e all'analisi statistica per conto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Ma la preparazione delle statistiche poteva richiedere diversi mesi e i pagamenti subivano ritardi.

“All’improvviso non potevo più pagare gli stipendi in tempo e molti lavoratori talebani volevano uccidermi perché non potevano mantenere le loro famiglie. Hanno occupato il nostro ufficio”. 

Tarkowski chiamò la madre francese, con la minaccia di morte che incombeva su di lui. 

“Mia madre è una persona amorevole, ma proveniente da un altro universo. Quando le ho spiegato che volevano uccidermi e le hanno chiesto dei soldi, lei ha risposto qualcosa del tipo: 'Amore mio, ti amo, ma sto ristrutturando il bagno, quindi non è una buona soluzione in questo momento'." 

Piuttosto, l’aiuto è arrivato dalla parte locale, poiché Tarkowski aveva molti amici afgani: 

"Ho partecipato alla celebrazione dei vostri matrimoni, conoscevo le famiglie. Vi aiutate a vicenda. In un certo senso sono diventato afghano”. 

Il suo autista alla fine vendette la sua macchina e suo padre contribuì con i soldi dalla vendita di una casa. Questo l'ha salvata.

Bitcoin e bitnation

Tarkowski ha scoperto la tecnologia bitcoin nel 2011, cosa che ha portato uno sconvolgimento nella sua vita: 

"Ciò che immaginavo da tempo ora è possibile. Per me è cambiato tutto", dice. 

Oggi, quattro anni dopo la fondazione di Bitnation, Tarkowski ha alle sue dipendenze circa 20 dipendenti a tempo pieno a Londra. La metà di questi lavora come programmatori, mentre il resto si occupa di comunicazione e questioni legali. 

Secondo Tarkowski, Bitnation deve essere diffuso come strumento "perché le persone possano modellare la propria vita come desiderano". 

Hanno anche creato una criptovaluta separata (PAT), per coloro che utilizzano il sistema. Ma i dipendenti vengono attualmente pagati in “denaro fiat”, come le sterline inglesi. Bitnation ora ha anche un certo numero di "ambasciatori" volontari in tutto il mondo. 

"Sono contrario alla possibilità che la maggioranza imponga la propria volontà ai singoli individui. La mia volontà non dovrebbe essere governata da una maggioranza”.

Nel numero precedente di Ny Tid abbiamo parlato di bitcoin e tecnologia blockchain. Tutte le criptovalute si aprono alla speculazione finanziaria, che a nostro avviso è negativa rispetto agli aspetti più sociali della blockchain. Mi oppongo quindi che Bitnation, con la propria criptovaluta (PAT), possa anche essere speculativo, dove gli stessi fondatori siedono con parti del "denaro PAT" virtuale e auto-creato. Tarkowski mi dice che vivono bene, ma non approfondisce. Le chiedo quindi se trova un lato solidale con i cripto-anarchici e la criptovaluta.

“Le criptovalute sono un’alternativa che può minare, ad esempio, l’economia che finanzia l’industria militare. Oppure ci si rifiuta di pagare le tasse nazionali a un governo che funge da organismo di controllo. Vogliamo un sistema separato che sia internazionale, senza essere soggetto alla corruzione. Si sta ora aprendo un mondo completamente nuovo di automazione senza precedenti che può aiutare molte persone”. 

L'ambasciatore della nazione catalana "Manel" ha mostrato a Ny Tid il passaporto catalano con cui alcuni tifosi hanno giocato negli aeroporti quando erano in giro – una piccola protesta contro lo Stato spagnolo.

Comunità o maggioranza?

Riporto la conversazione sulla sua enfasi sulle comunità, o sui piccoli comuni. Tarkowski può immaginare un mondo in cui gli stati vengano aboliti e si muovano invece verso comunità cosmopolite o federali? 

"Penso che l'importanza di molte nazioni scomparirà con la globalizzazione in corso, con più trasporti, Internet e più commercio", risponde. 

E che dire della regione catalana?

"Qui in Spagna si combatte contro il governo centrale spagnolo, che decide come dovrebbero vivere e funzionare le regioni. Quello che immagino è un mondo senza governo centrale. Preferirei una combinazione di aree, città-stato, villaggi e comunità autonome. Immagino una combinazione di governi virtuali come le nostre bitnazioni, che operano geograficamente in modo indipendente e senza confini nazionali. Spero che più persone seguano questa visione”.

Tarkowski è scettico nei confronti delle autorità statali e degli stati sociali
– ma anche la democrazia stessa:

"Sono contrario al fatto che la maggioranza possa far valere la propria volontà nei confronti dei singoli individui. La mia volontà non dovrebbe essere governata da una maggioranza”. 

Mi oppongo che la democrazia, attraverso le costituzioni nazionali, debba proteggere gli interessi delle minoranze.

"Non si tratta dei diritti delle minoranze. La minoranza più piccola sei tu. Ad esempio, una maggioranza di consumatori di carne dovrebbe decidere che non dovrei essere vegetariano? Oppure la maggioranza dovrebbe essere in grado di commettere violenza contro un individuo che definisce stronzo, solo perché fa parte della maggioranza?"

Modelli di ruolo? Mi chiedo chi potrebbe aver ispirato una persona come Tarkowski. Può ricordare un arciliberale come la filosofa russo-americana Ayn Rand, nota per libri come La fonte meravigliosa (1943) e La rivolta di Atlante (1957) 

"Molte persone mi dicono che sono una copia fedele di Ayn Rand, cosa che non mi piace. Ho provato a leggerla, ma è una pessima scrittrice che scrive in modo noioso. Non trovo davvero il suo individualismo molto interessante, attraente o valido."

Dice che invece le piace leggere Claude-Frédéric Bastiat, o il globalista Thomas Friedman. 

A differenza dei liberali, gli anarchici di oggi promuovono la solidarietà – quindi alla fine chiedo a Tarkowski come, ad esempio, sostenere coloro che cadono fuori: 

"Sono per la solidarietà, ad esempio per la redistribuzione del cibo. Ma il punto è che questo dovrebbe essere volontario. Lo stesso vale per l’idea che si dovrebbero pagare le tasse per aiutare i tossicodipendenti o sostenere la guerra militare in altri paesi”. 

Se bitnation.co
Oh bitcoin, quello il problema principale nel documento precedente.

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Potrebbe piacerti anche