Teatro della crudeltà

Storia ballabile

Barbara Ehrenreich ha scritto la storia della politica dei partiti di strada.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[sociologia] La febbre della danza non è un fenomeno nuovo, secondo Barbara Ehrenreich. E nemmeno qualcosa che funziona meglio in TV. La suggestione della danza, ciò che crea il nostro senso collettivo del ritmo, sorge solo quando siamo partecipanti, e non solo spettatori, come scrive.

In Dancing in the Streets, l'autore versa lacrime amare per il fatto che le persone hanno perso questo contatto con il loro passato ritmico. L'espressione spontanea nelle strade un tempo era il collante che univa le comunità, afferma con sicurezza. Ora l'impulso umano a muoversi nel tempo è stato perso di vista, corrotto dall'industria culturale o intimidito da governanti sordi, siano essi cristiani americani della varietà lunatica o wahhabiti dell'Arabia Saudita.

Mania di ballo

In altre parole, il nuovo libro dell'autore dietro Bought and Underpaid e Lured and Fooled celebra il potenziale umano di esplosioni collettive di gioia in qualsiasi cosa, dai ring games, passando per l'Islam sufi e i rituali tribali africani fino ai Mondiali di calcio.

Tuttavia, Ehrenreich inizia ai vecchi tempi. Forse, immagina, il senso del ritmo è nato come difesa contro i predatori. Seguiamo poi i festeggiamenti passando per le orge dionisiache degli antichi greci, dove i seguaci ballavano di notte nella foresta, e il carnevale del Medioevo. Incontriamo preti estatici e le rivolte rock degli anni '1950, la setta romana di Cibele, dove gli uomini si castravano, e gli scoppi di mania della danza nelle città tedesche e italiane nei secoli XIII, XIV e XVI.

Allo stesso tempo, il libro racconta la storia di una lotta di lunga durata tra la voglia di vivere delle persone e la tendenza delle élite a voler soffocare la fisicità collettiva a cui lavoratori e contadini, colonizzati e schiavi si sono abbandonati come svago o come attività religiosa. pratica nel corso dei secoli. Le sue origini risalgono all'Impero Romano e si rafforzarono nuovamente quando la ribellione divenne parte della tradizione carnevalesca europea nel tardo Medioevo. Al giorno d’oggi, sono gli eventi mediatici spettacolari ma pacificanti che minacciano l’espressione di sé dello spirito libero.

Barbarico e animalesco

Già solo l’analisi della retorica utilizzata in precedenza negli attacchi contro le feste di strada rende il libro meritevole di lettura. C'è una sorprendente somiglianza tra la persecuzione militaristica dei romani contro coloro che adoravano il dio del vino Bacco, il divieto di feste da parte della chiesa nel Medioevo, la visione dei coloni delle tradizioni dei colonizzati e l'opposizione del dopoguerra al rock. I rituali, le feste o i concerti erano considerati barbari e promiscui, peccaminosi e animaleschi. Promuovevano l'omosessualità e – beh, bene – il cannibalismo.

Qui Ehrenreich tocca senza dubbio qualcosa di significativo, vale a dire la percezione dell'Altro da parte delle élite occidentali, nonché una caratteristica molto puritana dell'anima (nord) europea, vale a dire l'esigenza di resistere alla tentazione dei "ritmi della giungla".

Semi-speculativo

Nel complesso, Ehrenreich mostra un'abilità impressionante nel tracciare tali paralleli. Sfortunatamente, molte delle ipotesi originali richiedono un’argomentazione più convincente di quella da lei fornita. Uno dei capitoli più speculativi di Dancing in the Streets, ad esempio, costruisce un collegamento tra l'austerità delle festività del XVII secolo e un'epidemia malinconica che sorse più o meno nello stesso periodo tra i letterati britannici. In altro luogo, l'autore afferma che Gesù e Dioniso erano strettamente imparentati. Sì, forse le prime denominazioni hanno plasmato il mito di Gesù a immagine di Dioniso, scrive. E' solo forse.

Anche il libro diventa più debole man mano che ci avviciniamo al nostro tempo. Il fatto che un fenomeno come la Love Parade, la festa di strada annuale di Berlino con oltre un milione di partecipanti, venga menzionato solo alla fine della postfazione è sintomatico della inadeguata presentazione degli sviluppi dopo – diciamo – Woodstock. Probabilmente potrebbe essere collegato al fatto che l'autore non si è quasi sciolto i capelli anche negli ultimi decenni.

Potrebbe piacerti anche