Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

#CorruptToo – nuovo dono nella lotta alla corruzione?

Due terzi di tutti i paesi del mondo sono alle prese con gravi problemi di corruzione. Mostra l'Indice di percezione della corruzione (CPI) di Transparency International 2017 che è stato rilasciato questa settimana. 

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Un'analisi dei risultati dell'indice del 2017 mostra che la società civile e i media hanno il minor margine di manovra nei paesi che risultano i peggiori. La mancanza di stampa, la libertà di espressione e la protezione degli informatori rende pericoloso denunciare la corruzione. I giornalisti e le organizzazioni della società civile sono perseguitati con molestie, minacce e burocratica "burocrazia" nella lotta alla corruzione.

Colpisce tutti. L'aspetto della sicurezza non è eccezionale in quei paesi in cui l'apertura è maggiore e in cui l'abuso di potere è minore, ma il rischio di corruzione e la mancanza di trasparenza si applicano a tutti i paesi e non dobbiamo guardare ciecamente all'indice.

La Norvegia è anche esposta al rischio di corruzione nei comuni e nel governo centrale, e la cooperazione con paesi e mercati esposti alla corruzione è una sfida per le imprese e le organizzazioni umanitarie norvegesi. Inoltre, i grandi documenti rivelati attraverso "Panama Papers" e "Paradise Papers" danno un'idea dell'entità dei flussi di cassa illegali e della segretezza a livello globale con filiali anche agli attori norvegesi.

Uno strumento importante nella lotta alla corruzione è raccontare storie e in questo modo aumentare la consapevolezza, mobilitare proteste e attuare misure. La dichiarazione del primo ministro Solberg alla conferenza stampa al World Economic Forum su una sorta campagna MeToo contro la corruzione è quindi una buona idea che deve essere seguita. Quindi la domanda è: cosa ci vuole per farlo accadere?

La soglia per denunciare la corruzione è alta anche in Norvegia: spiccano solo i più coraggiosi.

- annuncio pubblicitario -

Cosa si può fare? La trasparenza su ciò che sta accadendo è fondamentale sia per rilevare che per prevenire la corruzione. Le leggi e i regolamenti che promuovono la trasparenza sono un supporto per gli informatori, e c'è ancora molta strada da fare per mettere in atto un registro pubblico degli azionisti, la segnalazione delle società paese per paese e un registro delle lobby nello Storting, solo per citarne alcuni. Inoltre, la pratica delle norme esistenti in materia di segnalazione di irregolarità e delle norme in materia di pubblicità è un buon inizio per portare gli informatori sul campo.

Anche in questo paese la soglia per denunciare la corruzione e le frodi finanziarie è alta e solo i più coraggiosi si distinguono. È pertanto necessario prendere accordi migliori per segnalare le frodi e dare un seguito migliore alle segnalazioni di preoccupazione sul posto di lavoro. , rruptToo può contribuire a questo e diventare parte del programma anti-corruzione delle aziende.

Negli ultimi mesi #MeToo è diventata una campagna globale all'interno di molti gruppi professionali. La gente ne aveva abbastanza delle molestie sessuali. Molti ne hanno anche abbastanza di corruzione e abuso di potere. Tempo di salutarsi orruptToo?

Gro Skaaren-Fystro
Skaaren-Fystro è consulente speciale di Transparency International Norvegia.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.