Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Disposto a cambiare la tua vita e incontrare il momento

The Journey – A Story of Love (Ever and Ever)
Regissør: Fanny Bräuning
(Sveits)

LIVSGNIST: Ti år etter Fanny Bräunings debutfilm No More Smoke Signals, har hun laget en av de mest personlige og intime dokumentarfilmene du noensinne vil se – om foreldrene.

(Translated from Norwegian by Google Gtranslate)

Quando la vita è buona e tutto procede bene, è facile fare promesse vincolanti. Tutte le coppie iniziano la vita insieme con la sensazione di avere un tempo infinito davanti. Ma cosa succede quando la vita offre un cambiamento nei piani, che cambia libertà e apertura a un punto in cui il cambiamento è irreversibile? E se ti viene chiesto di lasciar andare tutto ciò che sei per affrontare questa sfida? Come cambia l'amore? Cosa vuoi fare e chi vuoi essere? Il Viaggio tocca queste domande.

Vent'anni fa, la madre del regista Fanny Bräuning, Annette, finì in coma. Sua madre soffriva di sclerosi multipla e quando si è svegliata dal coma era paralizzata dal collo in giù. È diventata dipendente da altri che dovevano aiutarla, non ultimo suo marito Niggi. Per lui, non è mai stato rilevante collocare Annette in una casa di cura. Invece, ha abbracciato pienamente il suo nuovo ruolo di cura, ha lasciato il lavoro e si è adattato alla nuova vita quotidiana della coppia. La vita è cambiata, il che ha portato a grandi aggiustamenti e ha richiesto molta forza di volontà da entrambi.

L'utilizzo di primi piani, interviste e filmati della famiglia racconta Il Viaggio la storia ispiratrice dell'amore reciproco di Annette e Niggi. La loro storia è la storia di due persone che hanno preso la promessa "nei giorni buoni e cattivi, finché la morte non ci separi" letteralmente.

Roulotte appositamente costruita

- annuncio pubblicitario -

Ora la coppia ha 60 anni e sta facendo il meglio della vita: viaggia molto, contro ogni previsione, in una roulotte appositamente costruita che si adatta alle esigenze di Annette. Man mano che entrambi crescono, prendersi cura di Annette è diventato un compito sempre più difficile per Niggi e la sua malattia dovrebbe peggiorare.

Le foto d'archivio ei filmati della famiglia raccontano una vita felice insieme: due artisti e i bambini in viaggio, sono felici, si godono la natura o lavori diversi. I loro primi anni di vita ne mostrano uno normalmente la vita, dove la vita di tutti i giorni era più semplice e facile, dove la malattia minacciava certamente sullo sfondo, ma non era ancora così evidente.

The Journey è un tributo a entrare nel momento con tutta la forza, un promemoria importante
sulla caducità delle cose.

È il contrasto tra allora e oggi che fa impressione, perché ci ricorda che la felicità e la gioia non sono un vaccino contro le tragedie future. La loro storia può diventare la nostra storia.

La malattia di Annette le tolse la vita come l'aveva sentita e le diede una nuova, una vita in cui solo i suoi occhi e il suo cervello sono ancora suoi.

Ma anche Niggi è cambiato. Ha smesso di lavorare come fotografo per prendersi cura di Annette, perché sentiva di non poter fare entrambe le cose. "Questo è più importante", dice a sua figlia dietro la telecamera, riferendosi al lavoro a tempo pieno di prendersi cura di Annette, ma senza traccia di autocommiserazione o rimorso.

Ma la sua vena creativa c'è comunque. La telecamera rivela che Niggi scatta costantemente; è un uomo che non indulge nell'autocommiserazione né fantastica su ciò che avrebbe potuto essere, ma che è creativo in fondo. Un uomo che quando deve scegliere tra seguire la sua vocazione creativa e sacrificare tutto per il suo partner, sceglie quest'ultimo e usa le sue capacità creative per rendere la loro convivenza il più significativa e bella possibile.

Gratitudine

Quando Bräuning intervista individualmente i suoi genitori, pone domande difficili sulle esperienze e sui pensieri che hanno avuto e su come vedono il futuro. Le loro risposte sono ben ponderate; i due sembrano grati e rivelano complicati strati di valori interiori e di come si sentono.

The Journey – A Story of Love (Ever and Ever)
Direttore Fanny Bräuning

Bräuning segue il viaggio dei suoi genitori attraverso l'Europa e, con molto calore del cuore, cattura il modo in cui le cose vengono percepite come pesanti e leggere allo stesso tempo: due lati alla volta. Vediamo come Niggi fatica a gestire il corpo senza vita di Annette, quanto sia difficile non potersi muovere e fare anche le cose più semplici. Tutti questi momenti sono pieni sia di lotta che di poesia.

Avere la libertà di vedere posti nuovi e godersi la bellezza dei paesaggi che vivono è una gioia che ancora condividono. In molti modi, i due osano più di quanto farebbero altre coppie sane della loro età in circostanze normali. Tuttavia, il film non presenta una versione truccata della realtà della coppia. Le scene trasmettono la realtà con dignità, ma non sono idilliache: la loro somma è una prova di devozione e di non arrendersi; per essere in grado di ottenere il massimo dalla vita.

Entrambi sanno cosa la vita dà e prende da loro e l'uno dall'altro. Non cedono alle sfide, ma sperimentano che è la volontà di non arrendersi ancora correttamente che fa superare i limiti.

Il Viaggio è un tributo all'ingresso nel momento con piena forza, un importante promemoria della caducità delle cose, delle scelte che abbiamo e che facciamo e di ciò che due persone possono fare in circostanze difficili se sono entrambe determinate ad affrontare le paura.

Traduzione di Iril Kolle

Bianca-Olivia Nita
Nita è una giornalista freelance e critica per Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.