Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Cinema Palestino

L'Accademia ha dovuto riconoscere la Palestina come nazione. Solo allora il film Paradise di Hany Abu-Assad potrebbe essere nominato.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

[film] "Se non hai paura della morte, hai il controllo della vita", dice Saïd nel film Paradise Now, che avrà la sua prima norvegese venerdì prossimo. Nel film, incontriamo Saïd e l'amico Khaled, che vivono una vita grigia e senza incidenti sotto l'occupazione israeliana, e poi scoprono che devono toccare il fondo nelle loro menti e opinioni quando la loro promessa di sacrificarsi come attentatori suicidi deve improvvisamente essere adempiuta.

Il regista Hany Abu-Assad ora sente che il film che stava girando per $ 14 milioni a Nablus e Nazareth sta conquistando il mondo.

  • Il film incontra reazioni molto diverse. Alcuni israeliani lo odiano e lo hanno definito un film nazista, alcuni giornalisti arabi pensano che sia un film sionista, mentre altri ancora hanno detto che è il miglior film che hanno visto e penso di scrivere la storia palestinese. Riuscite a immaginare un incontro cinematografico con reazioni così diverse? dice il regista Hany Abu-Assad a Ny Tid.

Arabi-americani

Paradise ha appena vinto un Golden Globe per il miglior film in lingua straniera e il 6 marzo può vincere un Oscar nella stessa categoria. Inoltre, Abu-Assad è in pieno svolgimento con due nuove registrazioni di film negli Stati Uniti. Il regista palestinese ha giornate impegnative a Hollywood.

  • LA Cairo sarà un piccolo film indipendente sugli arabi e la nostra visione del sogno americano. Il prossimo film sarà una produzione più ampia, che riguarderà la paura degli "altri". Perché temiamo gli estranei e le persone di cui non sappiamo nulla? Mi interessano gli arabi americani, una minoranza che finora è stata abbastanza invisibile nei film. Mi piace dare una faccia alle persone che non ce l'hanno, e ce ne sono molte.

Come gli attentatori suicidi palestinesi. Conosciamo meglio le ripercussioni delle loro azioni, ma Paradis ora racconta le ultime 48 ore prima che la bomba esploda. Il film ci mostra due uomini disperati e dubbiosi, in una storia con forti elementi di umorismo nero, serietà e autoironia.

- annuncio pubblicitario -

Mentre Saïd e Khaled stanno registrando i loro video dei martiri, che saranno venduti allo sportello a Nablus, Khaled è turbato dal fatto che gli autori dell'azione scelgono di fare la pausa pranzo nello stesso momento, e Saïd si rende conto che si è dimenticato di dì a sua madre dove può comprare di meglio i filtri dell'acqua. La mancia sarà la sua ultima parola.

Non in bianco e nero

  • Da un punto di vista politico, spesso si vuole ritrarre il conflitto palestinese in bianco e nero, ma il mio film non è propaganda politica. Non si tratta di notizie difficili, ma di persone vive. Voglio raccontare una storia di qualcuno che affronta grandi sfide personali, come in qualsiasi altro film, cioè. Ho scelto di utilizzare il linguaggio cinematografico dei film western e thriller, allo stesso tempo cerco di creare personaggi più profondi e versatili del solito nei film di genere.

Il regista è preoccupato che un film debba anche intrattenere e crede che i messaggi siano qualcosa di cui i postini dovrebbero prendersi cura. Insegnamento lascia agli insegnanti.

  • Non sono un insegnante e insegnare è la cosa peggiore che puoi fare in un film. È molto peggio del semplice intrattenimento. Il film parla di narrazione, ma si dovrebbe evitare la semplificazione e invece porre domande sulle verità accettate. Ora ho creato Paradise per porre domande sul linguaggio narrativo del film, sui dilemmi che si incontrano quando si uccide con i propri nemici e se i nostri standard morali sono universali o se variano da luogo a luogo e situazione.

Tendenza mediorientale

Tra le nomination agli Oscar di quest'anno, troviamo diversi thriller politici che vanno dritti al cuore degli accesi conflitti in Medio Oriente. Il Monaco di Steven Spielberg parla dell'attacco terroristico palestinese durante le Olimpiadi estive del 1972, mentre Syriana di Stephen Gaghan (premiere norvegese il 10 marzo) parla della corruzione e delle lotte di potere nell'industria del gas e del petrolio in Medio Oriente.

  • Non pensavo che Monaco fosse così interessante, ma Syriana è eccitante e intelligente. Penso che il Medio Oriente stia diventando sempre più importante per l'intera comunità mondiale, ed ero sinceramente entusiasta di quanto sia critica e intelligente Syriana. La parte migliore è che è fatta da americani, che nello stesso film sono accusati di essere un popolo ignorante. Mostra che negli Stati Uniti c'è stata una maggiore disponibilità a raccontare altri tipi di storie al giorno d'oggi.

Abu-Assad sogna ovviamente un Oscar, ma la nomination è stata di per sé una vittoria. E queste non sono vuote banalità, perché nel 2003 il Divine Intervention di Elia Suleiman è stato bandito dagli Oscar perché la Palestina "non era uno stato".

  • La Palestina non è ancora accettata come stato, ma ora almeno l'Accademia degli Oscar ci ha accettati come nazione artistica e indipendente. È storico.

Hany Abu-Assad

  • Regista palestinese, nato a Nazareth nel 1961. Educato come ingegnere.
  • Ho vissuto nei Paesi Bassi negli ultimi 20 anni.
  • Paradise è ora il suo quinto film. Tra le altre cose, ha vinto il Golden Globe come miglior film straniero ed è stato nominato miglior film europeo durante il Festival di Berlino.
  • Adesso girerà due film negli USA.

Leggi di più nell'edizione cartacea che può essere acquistata in tutto il Paese in edicole e negozi di alimentari

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato