Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Catechismo sulla morte

Il libro dei filosofi morti
Forfatter: Simon Critchley
Forlag: Klim (Danmark)

Il necrologio di Simon Critchley è una dimostrazione di ignoranza socratica e può essere un pensiero per molti.

Con questo libro, Simon Critchley approfondisce la tradizione in cui la filosofia non è solo un metodo di comprensione, ma anche uno strumento che i suoi professionisti possono usare per cambiare se stessi creando una nuova relazione con il mondo, per la conoscenza, per verità e storia. Esempi ben noti sono quelli dell'Imperatore Aurelio Pensieri a se stesso; Seneca La brevità della vita; Montaigne Saggi, nonché di Villy Sørensen Seneca. The Humanist presso Neros Hof.

 

Il libro è un'alternativa al "buddismo europeo", dove coltiviamo il nostro potenziale interiore rimanendo apolitici, non coinvolti e infelici.

La vita e il pensiero sono collegati e capiamo perché una "vita irriflessiva non vale la pena di essere vissuta" (Socrate). Il libro della morte di Critchley non parla di dire: "Corri in giro e ti siedi nella ruota del criceto perché sei spaventato a morte, fermati ora". D'altra parte, l'autore mostra che esiste una connessione tra vivere una vita irriflessiva e vivere una vita vuota e falsa. Come rivolgersi al primo? La risposta di Critchley è attraverso la consapevolezza della morte o di tutto ciò che circonda la morte. La sua presa è l'uso dell'esempio concreto di vita in pensatori di ogni tipo. Non una rappresentazione di santi (agiografia) men en dossografia
(descrizione filosofica), dove l'esemplare non sta nella santità del pensatore, ma nel «modo in cui presentano le proprie debolezze e forze».

Credi nei tuoi limiti

Per Critchley, la religione ci insegnava qualcosa che oggi abbiamo dimenticato: l'accettazione della nostra creatività, che dipendiamo da qualcosa al di fuori di noi stessi. Nella religione un Dio. Ma non è necessario andare alla religione per capirlo. Abbiamo la nostra mortalità. Il libro della morte di Critchley è una credenza per coloro che non credono in Dio, ma nella "limitazione dell'esistenza". In una vita riflessiva, scopriamo il buono e il creativo che in realtà ha come fonte la nostra debolezza e i nostri limiti. Di fronte a esami, oneri lavorativi, bambini e rifugiati, incontriamo ovunque le nostre inadeguatezze. L'etica concreta non riguarda innanzitutto le norme scritte, ma il fatto che siamo dipendenti gli uni dagli altri, che siamo deboli. Il libro dei filosofi morti non si tratta quindi di morte biologica, ma di come l'ombra della mortalità – dolore, invecchiamento, malattia, vulnerabilità e debolezza – ci insegna a pensare, vivere in modo meno falso, praticare la cura degli altri. Lo stesso Critchley definisce il suo libro un'alternativa al "Buddhismo europeo" e all'industria dell'auto-aiuto in cui coltiviamo noi stessi, la nostra solitudine e le nostre potenzialità interiori pur rimanendo apolitici, non impegnati e infelici.

Morte: un orizzonte assoluto

- annuncio pubblicitario -

"Per quanto strano possa sembrare, credo che sia solo nel dolore che ti avvicini di più ad essere quello che sei veramente."
? Simon Critchley

La morte non è una costruzione sociale dalla quale possiamo limitarci a relativizzarci, ma un orizzonte assoluto. Il dolore, il dolore e l'invecchiamento sono ciò che non possiamo falso e scappare. La filosofia inizia con questa sfida a qualcosa non quadra, quindi non è questione di conoscenza, ma di opera d'amore. L'orizzonte della morte, la sua realtà e l'incertezza della vita sono la nostra possibilità di trasformazione, di mettere in discussione tutto. La morte e il potere della finalità mettono in moto in noi qualcosa di decisivo che ribalta i coni culturali della tavola. Per Critchley, serietà e umorismo (risate) vanno di pari passo: più accettiamo e comprendiamo i nostri limiti e la nostra fallibilità, più facilmente possiamo ridere di noi stessi, il che può rivelarsi un ottimo punto di partenza per il revival etico e politico. Quando la risata fa male, è come un pensiero che ci sfida.

Debolezza come forza

"Sono i dettagli eccentrici della vita di un filosofo che ce li rendono disponibili: la propensione di Hobbes per giocare a tennis e cantare nella sua camera da letto, la debolezza di Kant per il formaggio inglese e l'ansia per il sudore, e le bolle di Marx". Ci sono quasi 200 esempi di filosofi morti dall'antica Grecia ai giorni nostri. Paolo, che ci mostra che l'idea del valore della vita richiede l'esempio della morte (Cristo); la preparazione di poesie sulla morte dei buddisti giapponesi mostra un modo di «aspettare il momento appena prima della sua morte»; il cinese Zhuang Zi mostra come possiamo vivere correttamente solo una volta che abbiamo imparato ad accettare la nostra umiltà; L'esempio di Lyotard mostra che la fede significa “diventare un enigma per se stessi, invecchiare, sperare in una soluzione.

Eraclito fu soffocato nello sterco di vacca; Diogene morì trattenendo il respiro; Diderot quando ha mangiato un'albicocca.

Abbi pietà di me, Signore, perché sono debole ... "Il dolore è ciò che per Critchley ci avvicina di più alla morte e alla nostra debolezza:" Non importa quanto strano possa sembrare, credo che sia solo nel dolore che ci si avvicina di più essere quello che sei veramente. " Non la conoscenza di sé che coltiva se stessi, ma una visione di quella parte di sé che si è irrevocabilmente persa quando si perde la persona amata. L'arte di vivere riguarda il raggiungimento della pace in relazione alla scomparsa di una persona cara, scrive.

Morire ridendo

La lista di divertenti episodi di morte di Critchley è lunga, da Eraclito soffocato nello sterco di vacca, a Diogene, morto respirando, a Diderot, che fu soffocato a morte mentre mangiava un'albicocca, presumibilmente per dimostrare che si poteva provare piacere fino all'ultimo respiro. Per Critchley, l'umorismo è una categoria etica. Mentre la piccola risata dell'ironia conferma semplicemente il proprio status e la propria identità (gli altri sono degli idioti), nella risata acuta dell'umorismo si ride fondamentalmente della propria fragilità, nulla, fede. Chi non può vedere i propri limiti (anche il filosofo o il colto), non ha saggezza. Forse l'intero libro della morte di Critchley è una dimostrazione della non conoscenza socratica. Personalmente, penso che il suo libro su Bowie sia migliore, più concentrato su un personaggio. Con quasi 200 voci, molti lettori andranno al suo libro mentre navigano sul web. Personalmente, penso che il libro di Villy Sørensen su Seneca (sullo stesso argomento) lasci tracce più profonde. Ma per molti, il libro di Critchley aprirà gli occhi su un tema importante.

Alexander Carnera
Carnera è una scrittrice freelance che vive a Copenaghen.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Giornalismo / Il giornalista di scavo Seymour Hersh – un modelloTra i migliori, regna il giornalista americano Seymour Hersh (83). È annerito sia sul fianco destro che su quello sinistro, ma non si pente di nulla.
Notifica / Il governo non ha rafforzato la protezione degli informatoriIl governo non ha dato seguito alla proposta del comitato di notifica, né al proprio difensore civico per le notifiche né al proprio comitato di notifica.
Finanza / Socialismo nordico – Verso un'economia democratica (di Pelle Dragsted)Dragsted ha una serie di suggerimenti su come i dipendenti possono ottenere una quota maggiore della "torta della comunità" – ad es. chiudendoli nelle stanze dei dirigenti aziendali.
Il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite / Segreti ufficiali (di Gavin Hood)Katharine Gun ha fatto trapelare informazioni sulla richiesta della NSA al servizio di intelligence britannico GCHQ di spiare i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in relazione alla prevista invasione dell'Iraq.
3 libri sull'ecologia / I gilet gialli hanno il pavimento, ... (di Mads Christoffersen, ...)Dai Gilet Gialli vennero nuove forme di organizzazione all'interno delle funzioni di produzione, alloggio e consumo. E con "Decrescita", a partire da azioni molto semplici come la protezione dell'acqua, dell'aria e del suolo. E il locale?
Società / Crollo (di Carlos Taibo)Ci sono molte indicazioni che si avvicina un crollo definitivo. Per molte persone il crollo è già un dato di fatto.
Chic radicale / Desiderio postcapitalista: le lezioni finali (di Mark Fisher (ed.) Introduzione di Matt Colquhoun)Se la sinistra vuole diventare di nuovo dominante, deve, secondo Mark Fisher, abbracciare i desideri che sono emersi sotto il capitalismo, non solo respingerli. La sinistra dovrebbe coltivare tecnologia, automazione, giornata lavorativa ridotta ed espressioni estetiche popolari come la moda.
Clima / 70 / 30 (di Phie Amb)Il film di apertura al Copenhagen DOX: i giovani hanno influenzato le scelte climatiche della politica, ma Ida Auken è il punto focale più importante del film.
Tailandia / Combattere per la virtù. Giustizia e politica in Thailandia (di Duncan McCargo)Una potente élite in Thailandia – la vicina del Myanmar – ha cercato negli ultimi dieci anni di risolvere i problemi politici del paese con i tribunali, il che ha solo esacerbato la situazione. In un nuovo libro, Duncan McCargo mette in guardia contro la "legalizzazione".
Surreale / Le sette vite di Alejandro Jodorowsky (di Samlet e a cura di Bernière e Nicolas Tellop)Jodorowsky è un uomo pieno di arroganza creativa, illimitato impulso creativo e completamente senza desiderio o capacità di scendere a compromessi con se stesso.
Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato