Marco De Angelis, www.libex.eu
ILL: Marco De Angelis, vedi www.libex.eu

Brexit: il prezzo della disonestà


SFIDE DELL'EUROPA: Il caos sulla Brexit sembra culminare nel lasciare gli Ue degli inglesi - ora che l'elezione di Boris Johnson è stata rinviata. La Brexit è il prezzo che gli inglesi devono pagare per non aver avuto una discussione onesta su immigrazione, multiculturalismo e impero britannico. Ma i problemi della Gran Bretagna sono unici?

Gary Younge è uno dei redattori di The Guardian.
E-mail: gary@nytid.com
Pubblicato: 2020-01-01

Vi sono tre momenti rilevanti per la situazione nel Regno Unito - e per referendum proposto il Regno Unito adesione all'Unione europea - che penso sia meno rilevante altrove in Europa. Se c'è un comune denominatore qui, però, è disonestà - una falsa dichiarazione di chi sono gli inglesi, chi possiamo essere e quanto ci costa la disonestà.

Primo: immigrazione

La Gran Bretagna ha sempre avuto immigrazione, ma c'è stato un aumento significativo del numero di immigrati immediatamente dopo la seconda guerra mondiale. Alcuni provenivano da ex colonie britanniche - nei Caraibi, in Australia, nell'Africa meridionale e in Asia - mentre inizialmente c'erano diversi immigrati provenienti da altri paesi europei come Irlanda, Italia, Cipro, Polonia e Baltico.

Durante tutto il dopoguerra, l'establishment politico ha evitato di impegnarsi nella questione dell'immigrazione. Sebbene più della metà di tutte le persone dalla pelle scura nel Regno Unito siano nate nel Regno Unito, erano ancora considerate immigranti. La parte destra giocava sul pregiudizio, perché sapeva che era un modo per abbassare i voti, mentre la sinistra si arrendeva perché avevano paura di perdere voti. Il risultato fu che pochissime persone capirono sull'immigrazione, capirono quali fossero i meccanismi sottostanti, che chi guadagna su di esso e hvorfor lo fanno.

Non abbiamo parlato delle guerre, degli accordi commerciali o del degrado ambientale a cui abbiamo partecipato, che ha causato l'emigrazione delle persone. Inoltre, non abbiamo discusso delle esigenze dell'invecchiamento della popolazione o di come l'economia a basso salario di uno stato sociale che ha rotto le articolazioni abbia reso necessaria l'immigrazione. Un esempio: il SSN, il sistema sanitario nazionale, ha reso gli inglesi più orgogliosi di essere britannici di quanto facesse la monarchia. Ma senza immigrazione, il SSN non sarebbe stato possibile. Nel 1972, il 12% delle infermiere nel Regno Unito proveniva dall'Irlanda; All'inizio del secolo, il 73% dei medici di famiglia nella valle di Rhondda in Galles proveniva dall'Asia meridionale.

Eravamo ignoranti. Oggi, tre quarti di tutti i britannici ritengono che l'immigrazione dovrebbe essere ridotta. Ma credono anche che gli immigrati costituiscano il 31 percento della popolazione, mentre in realtà è il 13 percento.

Abbonamento NOK 195 / trimestre

Quando ha avuto luogo il referendum sulla Brexit, abbiamo dovuto pagare il prezzo per tutti i difficili dibattiti da cui ci eravamo allontanati e le semplici scelte che avevamo fatto.

Oggi, tre quarti di tutti gli inglesi credono che l'immigrazione dovrebbe ...


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?


Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)