Ordina qui l'edizione estiva

Blog oltre confine

I blogger israeliani e libanesi non si limitano a urlare a vicenda. Alcuni si ritagliano accordi di pace. I blogger hanno preso parte sin dall'inizio alla guerra in Medio Oriente. Ma tra odio e descrizioni di miseria, si parla di pace: "Se cerchiamo di capirci meglio, forse possiamo costruire un futuro migliore in cui ognuno di noi possa godersi la vita – questo è quello che dico anche agli israeliani, " scrive la donna libanese. Loli” su Lebanesebloggers.blogspot.com. Il 45 per cento della popolazione in Israele è online, mentre tra i libanesi la cifra è del 13 per cento.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[dialogo online] Diversi blogger notano quanto sia positivo che ci siano "persone ragionevoli" dall'"altra parte" e descrivono una nuova tendenza. "Lirun", un attivo blogger israeliano di 30 anni che vive a Tel Aviv, dice a Ny Tid che i commenti sono cambiati nell'ultima settimana.

- Le persone vengono con notizie, fatti e punti di vista più per discutere, meno per bombardarsi a vicenda con la propaganda. Molti di noi bloggano con intenzioni pacifiche, dice Lirun, e fa riferimento a una discussione che ha avuto con un libanese dove hanno negoziato un accordo di pace.

Scrive, tra le altre cose, su www.emspace.blogspot.com e ha una grande fiducia nel blog:

- Ci sfidiamo a vicenda le notizie e rispecchiamo le reciproche storie tristi – insieme diventa una prospettiva molto più equilibrata, dice.

Raja Abu Hassan, un libanese che vive negli Stati Uniti, è un blogger attivo su Lebanesebloggers.blogspot.com. Dice a Ny Tid che il semplice fatto che israeliani e libanesi stiano parlando insieme è un risultato.

- Ci sono anche dialoghi tra iraniani e israeliani nel mio blog, dice.

- In questo momento ci sono dibattiti molto appassionati. I più vocali sono i più negativi e continuano a postare. Sfortunatamente, spaventano gli altri.

- Quale ruolo pensi possa avere il dialogo tra blogger oltre confine?

- Un ruolo minimo, ma almeno esiste. C'è molto cattivo sangue, ma fortunatamente le persone parlano insieme, dice Hassan.

La prima Webtifada

[net] Internet è diventata un'arma importante in tempo di guerra. Gli hacker marocchini che si fanno chiamare "Team Evil" hanno già distrutto quasi un migliaio di siti web israeliani e Israele si è vendicato. I marocchini simpatizzano con i palestinesi e chiamano la loro lotta "webtifada".

- Finché ucciderai i palestinesi, noi uccideremo i tuoi server, si dice che il gruppo abbia affermato.

Altri netizen usano la parola "webtifada" in modo più pacifico e sperano che le proteste online possano porre fine alla miseria.

- Penso che la parola sia bella, scrive l'artista libanese Mazen Kerbaj in una e-mail a Ny Tid.

Dice che la guerra sta diventando sempre meno moderna in televisione, ma che Internet può offrire qualcos'altro, come le storie personali di persone reali.

- La definizione di una vera webtifada per me sarebbe riunire un miliardo di persone su un sito web contemporaneamente. La cosa più importante ora è convincere la gente ad ascoltare e vedere il Libano. Facciamo del nostro meglio, dice Kerbaj, che si trova a Beirut e commenta la guerra con i disegni che pubblica quotidianamente online.

Potrebbe piacerti anche