Ordina qui l'edizione estiva

Essere accusato di caccia alle carezze all'UDI

SOS Racisme crede che Erna Solberg e Bjarne Håkon Hansen stiano conducendo una caccia alle streghe contro la Direzione dell'Immigrazione.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[asilo] – Erna Solberg e Bjarne Håkon Hanssen sono stati in prima linea in una campagna sporca, afferma Ola Melbye Pettersen.

Il vice capo di SOS Razzismo non è indulgente nel suo giudizio in relazione all'indagine della Direzione dell'Immigrazione (UDI). La relazione della commissione Graver è stata presentata lunedì 22 maggio e ha portato immediatamente alle dimissioni di Manuela Ramin-Osmundsen da direttore dell'UDI.

- Solberg e Hanssen sono apparsi in programmi di dibattito televisivi e hanno parlato di quanto siano scioccati dallo scandalo dell'UDI, e hanno minacciato Nordby di azioni legali. Lo "scandalo" che VG ha rivelato a marzo non è affatto uno scandalo, afferma Melbye Pettersen.

Fa riferimento alla sezione 8 della legge sull'immigrazione, in cui si afferma che deve essere valutato se vi siano forti considerazioni umane durante l'esame delle domande di asilo.

- Per un gruppo che ha vissuto in Norvegia per sei anni, e non poteva essere rimandato in Iraq a causa della guerra, c'erano chiare considerazioni umane che parlavano a favore della permanenza. In questo caso, l'UDI ha fatto il suo lavoro e ha concesso la residenza a 182 richiedenti asilo curdi, dice.

Sono questi i perdenti nel caso UDI, ritiene il vice leader di SOS Razzismo.

- Ancora una volta, i 182 curdi del nord dell'Iraq sono gettati nell'insicurezza in cui hanno vissuto per sei anni, dice Melbye Pettersen.

Il vice leader di SOS Racisme è molto deluso dal ministro per l'occupazione e l'inclusione Bjarne Håkon Hanssen.

- Insistendo nel sostenere le critiche di Solberg, lui e il governo hanno sostenuto la politica contro la quale SOS Racism e altre organizzazioni di rifugiati hanno lottato per quattro anni, afferma Melbye Pettersen

Non sapevo fosse sulla lista

[resta] Due settimane fa, il tassista Ismet Abdul-Rahman Mustafa ha saputo di essere nella lista dei 182 curdi per i quali la Direzione dell'Immigrazione ha concesso l'amnistia. Ora si sente incerto sul suo futuro.

- Mi sento impotente. Il giorno in cui ho scoperto di essere sulla lista, sono appena tornato a casa. non potevo lavorare.

Isa Muhammed Abdullah è un altro dei kuder sulla lista dell'Udi, fuggito in Norvegia nel 1998. Lo "scandalo" dell'Udi è stato che hanno preso "considerazioni umane" quando gli hanno concesso il permesso di soggiorno lo scorso dicembre.

- Nel novembre 2003 sono caduto da un'impalcatura durante il lavoro. Mi sono rotto entrambe le braccia e la schiena e sono stato ferito sul lavoro, dice Abdullah, mostrando la documentazione.

Adesso teme che la polemica Udi porti i politici a revocare il permesso di soggiorno.

- Ho ancora un gran dolore alle braccia. Mi è stato rifiutato il supporto per la riabilitazione. Dopo diversi anni senza lavoro, ho accumulato un grosso debito. Il permesso di soggiorno finalmente mi ha dato speranza, dice Abdullah.

Essere informato

[illegale] Il rapporto di indagine della commissione Graver attribuisce all'ex direttore dell'Udi Trygve Nordby la responsabilità di aver stilato una pratica ai limiti della legalità senza informare il ministero.

Il rapporto afferma che Manuela Ramin-Osmundsen è stata informata della pratica illegale dell'UDI quando era vicedirettore.

Il punto di partenza del caso è stato che Nordby ha deciso il 25 ottobre dello scorso anno che a 182 curdi dell'Iraq settentrionale con residenza temporanea senza diritto al ricongiungimento familiare (status Muf) potesse essere concessa la residenza permanente in Norvegia.

Leggete tutta la storia sui profughi curdi nel numero 21 di Ny Tid, in uscita il 2 giugno.

Potrebbe piacerti anche