La cieca doña Maria vede un paesaggio senza confini


LIBRO: Il libro Doña Maria und Ihre Träume offre un viaggio eccezionale attraverso il paesaggio aspro e misterioso del Venezuela con un tocco di realismo magico.

Geraldo è un lavoratore e curatore culturale portoghese.
E-mail: bizzwizzconsulting@gmail.com
Pubblicato: 2019-12-13

L'iconico libro Doña Maria e il suo sogno è basato su fotografie documentarie fra Horst Friedrichs' molti viaggiano verso Venezuela, che nel 2008 ha ricevuto il premio pesante di precisione Portare Oro premio per. Il libro è arrivato sotto l'incantesimo di un viaggio alla scoperta in un triste e cupo Venezuela che sta lentamente guadagnando slancio nel petrolio e nella politica, mentre spaventosamente guadagna una reputazione sempre più forte come provetta per la teoria e la pratica fallite.

Il libro inizia a nord-ovest del paese, nello stato di Lara, e si sposta verso la regione di Falcón. Per un periodo di dodici anni, Friedrichs ha incontrato le stesse famiglie allo stesso tempo ogni singolo anno - una riunione molto gradita - mentre cercava ombra e sorrisi sotto i piccoli tetti che sono riusciti a resistere sia al dente di un tempo che a una tempesta o due.

L'orizzonte sembra infinito, completamente incolore: non ci sono arcobaleni colorati e l'acqua ha più valore dell'oro.

Qui, cento anni di solitudine sono stati trasformati in dodici anni di amicizia e la fiducia tra loro fotografo e le persone fotografate non hanno trovato un punto d'appoggio.

Doña Maria And Her Dreams, foto di Horst Friedrichs
Tutte le foto: Doña Maria And Her Dreams, foto di Horst Friedrichs

Niente pirati, niente notizie

Ma perché qualcuno dovrebbe fare volontariato per viaggiare per migliaia di miglia per fotografare un paesaggio dimenticato, dorato e inospitale privo di pirati, dove non c'è guerra né dramma e non sembra esserci valore per le notizie? Perché qualcuno dovrebbe voler andare in posti dove il tempo si è fermato, come una lucertola in attesa della sua preda, o cercare ceramisti ciechi, presidenti rugosi e bruciati dal sole o tagliatori di pietre senza vita? Perché scegliere alcuni corvi neri invece di lucenti pappagalli di piume?

Abbonamento NOK 195 quarti

Questo è un posto dove i bambini non hanno mai sentito parlare o sognato Robinson Crusoe o I viaggi di Gulliver, dove le coppe sciolte sarebbero state organizzate per una festa dagli abitanti di Lilliput, mentre la libertà e l'immaginazione fluiscono liberamente nel corso degli anni e negli aridi letti dei fiumi qui.

Irene
Irene

Sebbene il paesaggio sia dorato e deserto, è anche un luogo di sacrificio e sopravvivenza in cui la fortuna e il caso non entrano in gioco, ma dove le routine quotidiane della famiglia si basano su decenni di tradizione orale; storie che sussurrano attraverso porte e finestre aperte mentre i vecchi volti affrontano scorci di ombre del passato. Volti ruvidi e protettivi come la corteccia degli alberi, sfregiati dal caldo e in silenziosa protesta contro gli elementi. Personaggi come il señor Aranguren, con un tocco di distinto signore inglese, le cui galline sono più preziose di tutti i grandi semi del mondo di Savile Row.

Perché qualcuno vuole andare in luoghi in cui il tempo si è fermato, come una lucertola in attesa della sua preda, o cercare vasai ciechi, sedie spiegazzate e abbronzate o
tagliatori di pietre senza vita?

E la 114enne - se c'erano prove cartacee - doña Ruperta con tutte le infinite storie dei suoi numerosi figli e nipoti che non smettono mai di affascinarla o divertirla, storie che avrebbero riempito centinaia di pagine di libri polverosi. Si siede con le mani storte elegantemente piegate in grembo, ascoltando il vento che non porta mai notizie, solo la promessa di una pioggia lontana ma molto necessaria. A volte, quando il vento soffia da quartieri inaspettati dalla Valle del Quíbor e in Guadalupa, dice che gli spiriti maligni possono visitare, senza preavviso o invito. Ecco perché pensa che ogni ospite sia prezioso: non sai chi puoi incontrare a tavola.

Margherita
Margherita

Incontri indimenticabili

Friedrichs va e viene, permettendogli di incontrare i personaggi e le storie in un modo silenzioso che modella il libro. Persone indimenticabili come doña Maria Castillo, con il suo viso fragile e la testardaggine che hanno una distinta espressione fisica, sono diventate la copertina di tutta la serie. Non lascia che la cecità le impedisca di formare bellissimi vasetti di argilla con mani forti e rugose, e ha una volontà che non manca mai al suo modo di "guardare" - cose che gli altri possono solo immaginare nei sogni.

L'orizzonte sembra infinito, completamente incolore: qui non ci sono arcobaleni colorati e l'acqua ha più valore dell'oro.

La fotografa e doña Maria Castillo si sono incontrate completamente per caso nel 1993. Morì pochi anni dopo, ma attraverso le conversazioni con lei e poi il figlio Aquilino - che continua a creare in argilla come ha fatto per decenni - il libro ha iniziato a trovare la sua forma e nitidezza espressione.

Ruperts
Ruperts

È la stessa espressione che troviamo nella collezione di pietre di Diego Crespo. Le pietre sono esposte nella sua piccola stanza nell'oscurità quasi oscura, oppure sono nascoste tra alberi contorti e scatole di metallo. Diego non è un curatore di musei o un noto collezionista d'arte, ha solo un fascino per la pietra - come se i loro bordi formassero il cuore delle persone a cui tiene.

Troviamo la stessa passione silenziosa e necessaria con il signor Eustiquio, che, dal prezioso nettare della pianta di agave, produce la bevanda fermentata di cocuy, che è necessaria per placare la sete che sperimentate in una terra così sterile. Ma anche se è scarso, questo è il paesaggio che doña Maria potrebbe "vedere", senza confini; caratterizzato da silenzio, tranquillità e coincidenza.

Traduzione di Iril Kolle