Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Scorri in avanti

L'architetto Einar Krog Grimsgaard (84) non è solo un "primo fantascienza" che ha iniziato ad abbonarsi a Orientering nel febbraio del 1953. Quattro anni prima iniziò la sua carriera radicale insieme a Johan Galtung, mentre studiavano matematica. Ora è pronto per celebrare il 60° anniversario del giornale.





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Anniversario. C'è un lettore e un abbonato più fedele in Norvegia di Einar Krogh Grimsgaard (84), il politico veterano del Partito Socialista Popolare (SF), poi SV? Pochissimi.

In poco più di due settimane, Grimsgaard sarà un abbonato a pagamento di Orientering, poi Ny Tid, per ben 60 anni. Non solo ha tenuto il giornale sin dalla prima edizione regolare di Orientering è stato pubblicato il 19 febbraio 1953. Nel soggiorno e nella stanza attigua ha anche le annate complete di entrambi Orientering e Ny Tid, che riceve ancora nella cassetta delle lettere a Nesodden ogni settimana.

- Mi è piaciuto il giornale non appena è uscito nel 1953. Ero coinvolto in politica estera e Orientering è stato l'unico giornale che ha messo in dubbio l'accaduto, dice Grimsgaard, dove siede con due volumi rilegati di Orientering e l'ultimo Ny Tid davanti a lui sul tavolo da pranzo.

Fax: Nuovo Tid 1 febbraio 2013.

Edizione di prova di OrienteringAnche lui se ne impadronì rapidamente dal dicembre 1952. E anche quando all'inizio degli anni '1970 lavorò per due anni come architetto per Norad a Nairobi, in Kenya, riuscì a leggere il giornale settimanale dell'Africa orientale. Ora non vede l'ora che arrivi la celebrazione Orienterings 60° anniversario al Litteraturhuset il 7 febbraio, lì in precedenza Orientering- Saranno presenti collaboratori come Torild Skard, Erling Borgen, Lars Alldén, Hilde Bojer, Lise Winther, Tore Linné Eriksen e Gro Standnes:

- Sarà bello rivedere così tanti volti familiari, dice Grimsgaard. È apparso anche quando Ny Tid ha celebrato il suo quinto anniversario come rivista di notizie due anni fa. Oltre al Ny Tid, gli unici giornali che gli piacciono sono Dagens Næringsliv e Dagsavisen.

Come Galtung

Grimsgaard è chiamato "SFer originale". Non solo fu coinvolto fin dall'inizio a favore di SF nella primavera del 1961. Cominciò il suo lavoro politico radicale alla fine degli anni '1940, prima Orientering- il circuito era previsto.

Grimsgaard studiò poi matematica all'Università di Oslo e finì nello stesso gruppo di colloquio di Johan Galtung, che aveva due anni meno. Insieme al futuro professore Erik Alfsen, tra gli altri, furono attivamente coinvolti nelle questioni internazionali.

RIUNITO: Grimsgaard mostra i suoi giornali: Ultimo numero di Orientering (tv) dal 13 agosto 1975, prima edizione di Ny Tid – in cui occupava Orientering – due giorni dopo, così come Ny Tid di venerdì scorso.

Il piano era diventare un matematico, se fosse diventato il migliore della sua classe. Solo il successivo maestro di matematica norvegese, Alfsen, lo superò nell'esame. Galtung e Grimsgaard hanno ottenuto lo stesso punteggio nello scritto, con un voto di 1,5. Ma il futuro ricercatore e dibattitore sulla pace Galtung ha avuto un vantaggio durante l'esame orale. Perché già allora era un retore:

- Galtung mi ha battuto di un decimo in matematica orale. Allora sono diventato architetto, dice Grimsgaard.

Di conseguenza, scelse di studiare architettura a Trondheim, ma portò con sé l'attivismo politico dell'era Blindern. Ha contribuito a fondare il gruppo studentesco Radical Socialists.

- È stato un momento difficile politicamente per coloro che erano radicali in politica estera. La particolarità del gruppo a cui appartenevo all’epoca è che tutti sono ancora ugualmente socialisti radicali. Nessuno ha svoltato a destra.

- Perché non tutti dell'era SF/SV sono rimasti a sinistra, o almeno hanno fatto il passo verso Ap?

- Sì, ma ricordo bene quando persone come Paul Chaffey, ora Høyre, e Raymond Johansen, ora Ap, si unirono al partito da giovani e si unirono al comitato di politica estera dell'SV. Ho capito subito che si trattava in realtà di persone del partito laburista. Quindi il fatto che poi siano passati al Partito liberale o, come Chaffey, al Partito conservatore, non è stato sorprendente, anzi del tutto naturale, dice Grimsgaard.

I bombardamenti della NATO

Egli ritiene che vi siano diversi parallelismi tra le questioni sollevate OrienteringNascita del 1953 e quelle che la Norvegia deve affrontare nel 2013: la spaccatura all’epoca riguardava principalmente l’adesione della Norvegia alla NATO, ora riguarda gli sforzi militari – o la guerra – norvegesi in Mali, Libia e Afghanistan.

- E l'ala destra del partito laburista non è migliore oggi di quanto fosse allora, aggiunge Grimsgaard. Si riferisce a Jens Stoltenberg, al ministro della Giustizia Grete Faremo e al ministro degli Esteri Espen Barth Eide.

- La differenza tra allora e adesso è che le discussioni hanno un valore diverso. All'epoca era una denominazione della Guerra Fredda. Allora era di prim'ordine Orientering è iniziata, ma oggi sono altrettanto contrario alla NATO quanto lo ero allora, afferma Grimsgaard.

Allo stesso tempo, chiarisce che la guerra del Vietnam significava che non poteva più dichiararsi un eterno pacifista. Grimsgaard ha indubbiamente sostenuto la scelta del SV di sostenere il bombardamento della NATO sul regime di Milosevic nella primavera del 1999. Ma era contrario alla guerra in Libia. E indossa sempre la sciarpa palestinese. Grimsgaard ebbe un ruolo centrale quando la dichiarazione radicale sulla Palestina del SV fu adottata nel 1977.

Nel corso dei 60 anni dalla prima edizione del Orientering – che si è formato sulla base dell'ala radicale del Partito laburista – sono successe molte cose: nel 1961 è emerso il Partito popolare socialista, dopo Orientering- Il circolo è stato escluso dal Partito Laburista. Orientering-L'opposizione del circolo alla NATO, alle bombe nucleari e al riarmo era troppo grande per un Ap con Haakon Lie. Nel 1975, San Francisco fu chiusa e la SV portò avanti l'eredità, per un po' Orientering è stato chiuso e occupato a Ny Tid.

Diverse battaglie politiche sono state vinte e alcune perse, mentre i dibattiti sulla politica estera hanno assunto nuove forme, mentre il muro tra Est e Ovest è caduto. Grimsgaard ritiene che i cambiamenti siano stati naturali e corretti:

- È naturale che le cose cambino. Io stesso ho sostenuto, dopo aver riflettuto a lungo, che la SF dovesse passare all'associazione SV. E quello Orientering doveva passare nei Nuovi Tempi. Non c’è un tirante fisso tra i giornali di allora e di oggi, né dovrebbe esserci, ma c’è chiaramente un filo conduttore Orientering nel 1953 e alla New Age di oggi, dice Grimsgaard.

Legge ogni numero in modo critico. Qualche settimana fa, ad esempio, ha notato nell'articolo principale di Ny Tid il leader di LO Flåthen, che viene criticato sia per il suo impegno nell'industria degli armamenti che per l'industria petrolifera nelle Lofoten.

FAX: Orienterings prima edizione 19 febbraio 1953.

- Flåthen non ha capito il problema quando ha risposto. Ma l'ho fatto, sorride maliziosamente Grimsgaard. – È chiaro che Flåthen dovrebbe essere consapevole della sua responsabilità come leader di LO e dimettersi dal consiglio di amministrazione di KongsbergGruppen. Ai miei tempi il "fucile rotto" era ancora un simbolo naturale per i lavoratori. Chiaramente non è più così, dice.

Le elezioni di Gustavsen

In vista della celebrazione del 60° anniversario, consiglia al Ny Tid di non scegliere i presunti articoli. Crede che alcuni degli articoli di Ny Tid dei partiti di opposizione a Cuba lo siano stati.

- È importante evitare pretenziosità. Cercatelo piuttosto deliberatamente. Ecco perché non leggo certi altri quotidiani di sinistra. Noto ancora questa assertività, dice Grimsgaard.

Da adulto, era felice di discutere di politica con i giovani SUF (ml) alla fine degli anni '60, ma non li capiva quando si unirono all'AKP (ml), si staccarono da SF/Orientering nel 1969 e formò un proprio giornale. In pratica, Grimsgaard stava per Sigurd Evensmos e OrienteringLa sua linea di ricerca della "terza via" tra i blocchi di potere, ma senza cadere nella trappola di coltivare totalitari come Stalin o Mao, come era altrimenti popolare tra i giovani studenti radicali negli anni '70.

- Nella questione palestinese, ad esempio, l’AKP (ml) si è preoccupato principalmente di combattere per i propri correligionari ideologici. Anche qui una distinzione netta

- Per molte persone oggi è forse difficile vedere le differenze tra la "terza via", la linea SF e le direzioni più di sinistra?

- NO. Non riesco proprio a vederlo. Le differenze sono quindi chiarissime, risponde Grimsgaard.

Grimsgaard fu anche un pragmatico, che lavorò affinché l'ex leader dell'NKP Reidar Larsen diventasse leader parlamentare dell'SV nello Storting dopo la fusione:

- Avevo dubitato che la formazione di un partito fosse giusta nel 1975. C'era molto disaccordo sull'opportunità di includere i comunisti, ma una volta deciso che dovevano essere inclusi nel nuovo partito, ho pensato che fosse giusto dare a Reidar Larsen, il posto come leader parlamentare nel gruppo Storting al posto di Finn Gustavsen. Quando ho spiegato la mia posizione, è stato utile che altri fossero favorevoli alla stessa. Gustavsen era furioso con me e mi ha chiesto cosa avevo fatto, ma continuo a pensare che sia stata la decisione giusta, conclude Grimsgaard.

Probabilmente sarà pronto a discutere di questa e di altre decisioni giovedì 7 febbraio dalle 18 fino a sera al Litteraturhuset. ■

- Il congedo di paternità colpisce la madre

Torild Skard crede che gli uomini di oggi dimentichino che l'uguaglianza non è la stessa cosa della liberazione delle donne. Si sta preparando per un nuovo dibattito nell'anno di votazione 2013.

DI TORBJØRN TUMYR NILSEN torbjorn@nytid.no

Partita femminile. – Ho difficoltà a respirare quando la gente parla della Norvegia come del "paese dell'uguaglianza".

Così dice Torild Skard, mentre sta preparando il suo incarico per il 60° anniversario della Orientering. Skard è un pedagogo e psicologo qualificato ed è stato rappresentante parlamentare della SV. Ha lottato per i diritti delle donne e dei bambini attraverso la politica e nel sistema delle Nazioni Unite, ed è stata direttrice delle questioni femminili presso l'UNESCO. È stata anche direttrice regionale dell'UNICEF nell'Africa occidentale e centrale. Oggi è a capo dell'Associazione delle donne norvegesi.

Skard incontra il leader dell'SV Audun Lysbakken e il politico dell'SV Gülai Kutal per discutere del ruolo delle donne, di seguito Orientering- anniversario al Litteraturhuset di Oslo il 7 febbraio.

IMPEGNATO: Torild Skard ritiene che molti politici di oggi mescolino un concetto diluito di uguaglianza con la lotta per i diritti delle donne.

- Sono passato dall'essere uno scrittore a Orientering per preparare la politica delle donne per la SV, fino ad ora, attraverso il mio lavoro nell'associazione delle donne, per essere in parte in opposizione alla politica delle donne del governo rosso-verde, dice Skard.

Crede che l'attuale governo, guidato da uomini molto progressisti, promuova l'uguaglianza più delle questioni femminili.

- L'uguaglianza non è la stessa cosa della liberazione delle donne. Il termine è diventato molto diluito e in politica le reali differenze tra donne e uomini, siano esse determinate biologicamente o socialmente, ad esempio in relazione al congedo di maternità, vengono spesso ignorate, dice Skard.

- Potete concedere agli uomini un assegno di paternità di 12 mesi, se lo ricevono anche le donne. Ma ora c'è la tendenza che il congedo del padre supera quello della madre. Soprattutto per quanto riguarda il bambino non dobbiamo fingere che non ci sia differenza tra madre e padre nel primo anno di vita del bambino, dice Skard.

Dominato il maschio

Skard sta anche pianificando l'anniversario del suffragio femminile in Norvegia, ma:

- Non vedo l'ora di Orientering- anniversario, dice Skard.

Nota che la presentazione di Orientering-il circolo e il giornale danno spesso l'impressione che abbiano contribuito solo gli uomini. Lei stessa è stata probabilmente la donna che ha scritto di più per la rivista.

- Ed era un ambiente dominato dagli uomini, ma c'erano anche alcune donne. Dobbiamo ricordarcelo nei primi anni Orientering è iniziata l’era glaciale per l’uguaglianza. Era l’era delle grandi casalinghe e il Partito Laburista contava di raggiungere le donne attraverso i loro coniugi. In generale, le lavoratrici erano felici di stare a casa e liberate dal pesante lavoro industriale, dice Skard. Secondo lei è stato solo dopo gli anni '1960 che i politici hanno cominciato a chiedersi quale dovrebbe essere il posto delle donne. Allora c’era bisogno di più manodopera, dice Skard.

All'inizio il dibattito riguardò soprattutto la politica sociale, ma fu solo durante la seconda ondata di questioni femminili, alla fine degli anni '1960, che la lotta delle donne divenne più esplicita. La liberazione delle donne e la lotta contro il patriarcato oppressivo divennero allora concetti importanti. Secondo Skard questa battaglia non è ancora finita.

- Si ha l'impressione che non ci sia più nulla per cui lottare quando si parla di "Paese dell'uguaglianza". Ma c'è ancora tanta strada da fare.

- Ma sicuramente la Norvegia ha fatto molta strada in questo settore?

- Sì, abbiamo fatto molta strada in diversi ambiti rispetto ad altri paesi, ma c'è ancora molta strada da fare prima di poter dire che siamo veramente uguali e che la lotta delle donne è finita.

- Per cosa devono ancora lottare le donne?

- Tornerò su questo Orientering-anniversario il 7 febbraio, ma si tratta del fatto che portiamo ancora con noi tradizioni patriarcali senza necessariamente esserne consapevoli. C'è ancora una sottovalutazione della vita e del lavoro delle donne, conclude senza specificare.

Ma promette di diventare concreta per chi verrà ad ascoltarla il 7 febbraio. ■

Dottorato in corso Orientering

Giornali Orientering posto nella storia norvegese del dopoguerra sarà oggetto di un nuovo dottorato. Erling Borgen confessa: – Ciò che ho imparato dal giornalismo, l'ho imparato in Orientering, dice Borgen a Ny Tid.

DI TORBJØRN TUMYR NILSEN torbjorn@nytid.no

Orientering. – Non vedo l'ora di Orienteringanniversario ed è orgoglioso di poter contribuire.

Questo è ciò che dicono i registi di documentari e in passato Orientering-giornalista Erling Borgen, quando lo chiamiamo poco più di una settimana prima dell'anniversario. Il 7 febbraio, insieme alla scrittrice del Ny Tid Mina Adampour e Hallgeir Langeland (SV), parteciperà a un panel e discuterà la partecipazione del partito SV al governo negli ultimi otto anni, nonché le diverse strategie per le elezioni generali dell'autunno.

IL CASTELLO: Erling Borgen non lo permetterà Orientering- le idee muoiono, ma hanno un nuovo dibattito di politica estera.

- L'SV in realtà fa parte di un governo che ha amministrato la guerra in Afghanistan per otto anni. Sarà emozionante sentire quali lezioni ha imparato il partito e quale potrebbe essere la via da seguire, dice Borgen.

Crede che con SV al governo, il movimento pacifista norvegese sia stato emarginato senza rappresentanza politica nella Norvegia democratica.

La sociologa, ricercatrice nel campo dei media ed ex giornalista del Ny Tid Birgitte Kjos Fonn terrà una tesi di dottorato venerdì 15 febbraio Orientering – Recensioni di Rebellenes presso l'Università di Oslo.

Contro la chiusura

Il dottorato si basa sull'omonimo libro di Fonn del 2011. Lei consegue lo storico dottorato appena quattro giorni prima che siano trascorsi 60 anni dalla pubblicazione del primo numero del giornale.

- OrienteringLa storia del paese è una parte emozionante e importante della storia norvegese del dopoguerra. Guardando Orientering- cerchio, acquisire una visione delle correnti politiche e giornalistiche che hanno caratterizzato la Norvegia per diversi decenni nel XX secolo e fino ai giorni nostri.

- Perché il piccolo giornale è diventato così importante?

CONTRO IL SOVIETICO. Orientering era critico nei confronti dell'Unione Sovietica, così come degli Stati Uniti. Qui il giornale protesta contro l’invasione sovietica della Cecoslovacchia nell’agosto 1968.

- È diventato un luogo in cui l'opposizione poteva dire la propria a favore di ciò che l'opinione pubblica pensava in politica estera. Un luogo dove i radicali potessero cercare il pubblico, raggiungere un pubblico più vasto e quindi essere qualcosa di più di un forum di dibattito chiuso per pochi addetti ai lavori, dice Kjos Fonn.

Erling Borgen lo ricorda ancora con tristezza Orientering fu interrotto nel 1975 ed entrò a far parte del progetto del giornale di partito Ny Tid dell'SF/SV, che solo nel 2006 si liberò completamente dalla proprietà politica del partito e divenne di nuovo indipendente.

La chiusura del 1975 fu difficile da digerire per Borgen e molti dei suoi colleghi:

- Ero fortemente contrario al cambiamento e continuo a pensare che sia stato un grave errore. Pochi in redazione hanno sostenuto che un giornale libero, radicale e indipendente si trasformasse in un organo di partito retto da documenti ideologici. ■

Questa è l'introduzione alla storia principale nel settimanale Ny Tids numero 05 del 01.02.2013/XNUMX/XNUMX. Maggiori informazioni nel numero di questa settimana, in vendita nei negozi a livello nazionale. Ricevi il problema gratuitamente iscrivendoti (abo@nytid.no)O clicca qui.

Torbjörn Tumyr Nilsen
Torbjorn Tumyr Nilsen
Ex giornalista in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche