Ordina qui l'edizione estiva

- Deve rendersi conto della serietà

Mentre sempre meno afgani arrivano in Norvegia, il numero di rifugiati iracheni è in aumento.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[rifugiati] Mentre il numero di richiedenti asilo afghani è diminuito negli ultimi due anni, il numero di iracheni che cercano rifugio in Norvegia è in aumento. I dati della Direzione norvegese degli affari esteri (UDI) mostrano che nel 2006, 1002 richiedenti asilo iracheni sono arrivati ​​in questo paese, rispetto ai 673 dell'anno prima. In confronto, ci sono state, ad esempio, 632 domande da parte di somali e 224 da afgani nel 2006. I dati preliminari per i primi quattro mesi suggeriscono che il numero di iracheni che hanno cercato rifugio qui quest'anno è persino maggiore rispetto all'anno scorso.

- Abbiamo visto un aumento rispetto alla seconda metà del 2006 e questo è continuato nel 2007, gli iracheni sono ora il gruppo più numeroso che abbiamo, afferma il direttore del dipartimento per gli affari dell'asilo presso l'UDI, Karl Erik Sjøholt.

L'UDI non ha ancora ritenuto necessario garantire una protezione generale agli iracheni, ma sottolinea che ognuno deve ricevere un trattamento individuale e viene valutato in base alla situazione in cui si trova e da dove viene nel proprio paese d'origine.

- Valutiamo sempre il caso individuale nei confronti del domicilio. Siamo consapevoli che la situazione in Iraq è grave, ma alcune aree, come il nord dell'Iraq, sono più calme, spiega Sjøholt.

L'aumento del numero di richiedenti asilo iracheni in Norvegia riflette una tendenza internazionale, la situazione in Iraq sta ora emergendo come un importante fornitore di rifugiati. Secondo i nuovi dati dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, l'Iraq è uno dei motivi per cui la popolazione mondiale di rifugiati sta aumentando per la prima volta in cinque anni. La maggior parte dei rifugiati iracheni si stabilisce nei paesi limitrofi della Siria e della Giordania.

- La comunità internazionale deve rendersi conto di due cose, in primo luogo deve aprire gli occhi sul fatto che questa crisi. In secondo luogo, devono riconoscere che la Siria e la Giordania hanno assunto un grande fardello qui, afferma Laurens Jolles, rappresentante dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati in Siria.

Spera di insediare 7500 degli 1,4 milioni di iracheni che hanno raggiunto la Siria in un paese terzo durante l'anno, in base a quote che i paesi industrializzati si sono detti disposti ad accettare. Si tratta di rifugiati vulnerabili, vittime di torture o abusi sessuali e coloro che necessitano di cure mediche speciali. L'Alto Commissario delle Nazioni Unite può chiedere alla Norvegia di accettare alcuni di questi rifugiati come rifugiati contingentati. La Norvegia ha dichiarato all'inizio di quest'anno di essere disposta ad accogliere rifugiati iracheni in base a quote. ?

Potrebbe piacerti anche