Ordina qui l'edizione estiva

- Le critiche al re sono esagerate

Il re può parlare di questioni politiche, ma non di partiti politici, ritiene Inge Lønning (H).

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[il re] Il re e la famiglia reale hanno superato il loro ruolo e sono diventati troppo politicizzati? Sì, secondo Trond Nordby, professore di scienze politiche all'Università di Oslo.

Dopo che il re Harald, durante la sua visita in Finlandia, ha rilasciato una dichiarazione sulla disputa sullo scudo missilistico tra Russia e Stati Uniti, Nordby ha creduto che il re fosse diventato troppo caldo nella maglia politica.

"Il ruolo politico del re è stato abolito nel 1905, ma ora vediamo continui gocciolamenti in cui il re assume ancora una volta un ruolo politico. Fa saltare in aria la struttura in cui dovrebbe stare", ha detto il professore a Dagbladet.

Nestor nel Partito conservatore, la rappresentante di Storting Inge Lønning, ritiene che Nordby stia superando il limite e costruendo un dibattito in relazione a questo problema. Ma pensa che sia importante che il re e la famiglia reale distinguano tra politica in senso lato e politica di partito.

- Ho criticato Ari Behn per aver segnalato il suo sostegno al partito laburista. I reali non devono sventolare la bandiera di un particolare partito. Ma il fatto che la famiglia reale parli di questioni politiche in senso lato è positivo. Già il re Olav ha trovato un buon e corretto equilibrio in quest'area nei suoi discorsi. Ad esempio, ha messo in guardia contro il razzismo contro i nostri nuovi compatrioti. Ma non ha mai detto che questo o quel partito avesse la migliore o la peggiore politica sull'immigrazione, dice Lønning.

Crede che il buon senso e la definizione dei confini di re Olav abbiano caratterizzato tutti i re e caratterizzano il principe ereditario Haakon.

Potrebbe piacerti anche