Ordina qui l'edizione estiva

- Razzismo

L'attenzione dei media norvegesi sul colore della pelle nei casi di stupro è oltraggiosa, afferma il leader del consiglio comunale di Oslo Erling Lae.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[stigmatizzazione] Nelle ultime settimane il leader del consiglio comunale di Oslo Erling Lae (H) è stato pesantemente coinvolto nel dibattito sullo stupro. A Ny Tid la scorsa settimana, l'organizzazione Menn Mot Vold (MMV) ha lanciato una proposta per pubblicare i nomi di tutti gli stupratori condannati. Lae non sostiene la proposta, ma ritiene che tale pubblicazione aiuterebbe a correggere l'attenzione dei media sugli autori di reati di origine straniera.

- La rappresentazione dei media è mostruosa, dice Lae. Statistisk Sentralbyrå (SSB) ha precedentemente criticato le statistiche sugli stupri della polizia di Oslo. Statistiche Le statistiche più rilevanti della Norvegia mostrano che quasi nove su dieci condannati per reati sessuali, compreso lo stupro, hanno origini norvegesi.

Herdis Magerøy del centro risorse Dixi per le vittime di stupro pensa che la proposta di MMV sia interessante.

- Sono sicura che la pubblicazione avrà un effetto particolarmente preventivo, afferma, ma ritiene che prima debbano essere testate altre proposte. – Devono essere denunciati più stupri e le denunce devono arrivare prima. E la polizia dovrebbe creare una squadra itinerante di investigatori di stupri,

dice Mageroy. Erling Lae ha recentemente fatto coming out con la richiesta di occupare 200 posti di polizia vacanti a Oslo in modo da poter dare la priorità ai casi di stupro.

Ritiene inoltre che il governo debba assumersi la responsabilità della grave situazione. Allo stesso tempo, i media hanno la responsabilità di mostrare il tutto.

- Ma i media norvegesi non si assumono questa responsabilità, dice Lae.

- I giornali contribuiscono al razzismo?

- I media generalizzano e contribuiscono a un pensiero di gruppo che sfocia nel razzismo, risponde Lae.

Il ministro della Giustizia Knut Storberget afferma che l'aspetto dello stato di diritto si oppone alla proposta di MMV e non ha ulteriori commenti.

Potrebbe piacerti anche