Ordina qui l'edizione estiva

- Parlare con due lingue

Organizzazioni che spesso stanno insieme stanno ora combattendo affinché gli stracci sorvolino sul commercio di prodotti agricoli.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[nuove linee di divisione] La temperatura è alta e le linee di divisione sono nuove e sorprendenti nel dibattito su commercio internazionale e agricoltura in vista della conclusione di un nuovo accordo in seno all'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), che potrebbe tradursi in regole di il gioco per la produzione alimentare globale sta cambiando.

16 organizzazioni di solidarietà, sindacati e organizzazioni agricole, tra cui Attac, Utviklingsfondet e Norges Farmers' Association, hanno unito le forze su una piattaforma di politica commerciale sotto il nome di Handelskampanien.

- La parte agricola della campagna commerciale è caratterizzata da una stretta interazione con gli interessi commerciali norvegesi, afferma Mekonnen Germiso, responsabile della ricerca presso Framtiden i våre hands.

- La campagna commerciale dimostra lo scetticismo ideologico sul commercio attraverso i confini nazionali di per sé, indipendentemente dai risultati della ricerca su ciò che questo significa per l'ambiente e lo sviluppo, dice.

- Siamo tutt'altro che contrari al commercio, ma siamo preoccupati che sia necessaria una serie di regolamenti per sostenere i più poveri, contro una politica neoliberista. Il commercio non può essere visto come separato dall'ambiente e dalle condizioni di vita. Anche il trasporto di cibo attraverso i confini nazionali è un problema ambientale, afferma Aksel Nærstad, portavoce della campagna per il commercio.

Mekonnen Germiso risponde che le emissioni durante il processo di produzione stesso sono molto più importanti del trasporto.

- I pomodori coltivati ​​all'aria aperta in Marocco e poi trasportati in Norvegia rilasciano un ottavo delle emissioni di gas serra generate dalla quantità equivalente di pomodori provenienti dalle serre norvegesi, afferma.

Anche il Consiglio congiunto per l'Africa e Church Aid sono critici nei confronti della campagna commerciale. Magnus Bjørnsen del Joint Council for Africa ritiene che la campagna commerciale stia continuando un modello dei tempi coloniali.

- Sono sorpreso che così tante organizzazioni di solidarietà credano che la sovranità alimentare in Occidente sia importante. La campagna commerciale parla con due lingue quando dicono che vogliono importare di più dai paesi in via di sviluppo, ma vogliono decidere da soli cosa esporteranno i paesi in via di sviluppo. La campagna commerciale concorda sul fatto che le esportazioni alimentari possono portare sviluppo: preferirebbero avere zucchero dal Mozambico piuttosto che dalla Danimarca. Ma quando si tratta di cibo che produciamo noi stessi, chiaramente non vogliono importazioni in un volume davvero sufficiente. Quindi il Mozambico potrà esportare zucchero, ma non carne o latticini, afferma Bjørnsen.

- La campagna commerciale riguarda l'aumento delle importazioni di prodotti dai paesi meno sviluppati e dai piccoli produttori poveri di altri paesi in via di sviluppo, mentre allo stesso tempo vogliamo garantire a tutti i paesi il diritto di produrre il proprio cibo, risponde Nærstad, che ritiene la campagna commerciale non ha detto nulla su ciò che i paesi in via di sviluppo dovrebbero e non dovrebbero esportare.

Gunstein Instefjord in Church Aid ritiene che la Trade Campaign sia stata spesso incondizionata nelle sue critiche all'OMC.

- L'OMC è l'arena in cui i paesi in via di sviluppo possono tentare collettivamente di correggere l'UE e gli USA. Ciò non significa che ogni accordo debba essere accettato. Ma una critica facile che non tenga conto del fatto che l'alternativa a un nuovo accordo dell'OMC sono più accordi bilaterali in cui i paesi in via di sviluppo devono affrontare da soli i paesi ricchi, e quindi sono molto più deboli, non è costruttiva, afferma Instefjord.

Aksel Nærstad non riconosce le critiche di Instefjord e sottolinea che la Trade Campaign è molto attenta a ciò che dice a nome della campagna, perché i membri possono avere opinioni diverse.

- Gli accordi bilaterali vengono negoziati parallelamente all'accordo dell'OMC e un accordo nell'OMC non impedirà la pressione sui paesi in via di sviluppo nei negoziati bilaterali, afferma Nærstad. Spiega che la campagna commerciale esaminerà quindi il contenuto specifico dei vari accordi di prevendita, al fine di valutare cosa è buono e cosa è cattivo.

Potrebbe piacerti anche