Ordina qui l'edizione estiva

- La Norvegia deve ritirarsi dalle missioni in Sri Lanka

- È davvero un peccato che la Norvegia stia facilitando il processo di pace in Sri Lanka e allo stesso tempo guidi gli osservatori del cessate il fuoco, afferma Morten Høglund (Frp).

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

- Sono domande molto delicate, afferma Morten Høglund, rappresentante di lunga data di Frp nella commissione per gli affari esteri dello Storting, sulle questioni relative al ruolo della Norvegia in Sri Lanka.

- Sono d'accordo che è molto deplorevole che la Norvegia sia sia il facilitatore del processo di pace che il leader degli osservatori del cessate il fuoco. La Norvegia dovrebbe quindi ritirarsi dagli osservatori del cessate il fuoco, afferma Høglund, che conosce bene i problemi dopo aver visitato lo Sri Lanka.

- Ci sono molte accuse contro la Norvegia in Sri Lanka. Dobbiamo prenderlo sul serio e andare fino in fondo.La Norvegia dovrebbe essere reattiva e particolarmente attenta nei confronti delle Tigri Tamil (LTTE), che hanno problemi con la loro legittimità, afferma il politico FRP.

Høglund ritiene che le stesse accuse mosse nello Sri Lanka secondo cui le Tigri Tamil avrebbero ricevuto addestramento alle armi nel campo militare di Rena ricadano sulla loro stessa irragionevolezza.

- Questa è stata una visita, non una sessione di allenamento. Tutto ciò che fa la Norvegia deve essere trasparente, in modo da non essere percepiti come pro-LTTE. Ma se l'UE inserisce effettivamente le Tigri Tamil nella sua lista dei terroristi, e la Norvegia diventa così un rifugio per loro, allora abbiamo un problema, dice Høglund.

Altri politici della commissione per gli affari esteri sono più parsimoniosi nei loro commenti sulle critiche mosse contro il ruolo della Norvegia in Sri Lanka nel Ny Tid della scorsa settimana.

- Qui è in corso un processo. È naturale che attori diversi abbiano punti di vista diversi. Abbiamo piena fiducia nel lavoro svolto dal ministero degli Esteri e dalle autorità norvegesi, afferma in una e-mail il capo della commissione per gli affari esteri, Olav Akselsen (Ap).

- Al momento non ne so abbastanza di questo conflitto. Ma è naturale che ci sarà un dibattito sul ruolo della Norvegia in un processo di pace in una guerra che dura da così tanto tempo, afferma Ågot Valle (SV), recentemente diventato membro della commissione per gli affari esteri.

Tuttavia, il politico SV si chiede quali motivazioni abbiano gli esperti Ny Tid per le loro critiche alla Norvegia.

- Inoltre, secondo quanto sono riuscito ad ottenere, c'era piena trasparenza sia in Norvegia che in Sri Lanka in merito alla visita delle Tigri Tamil al campo militare di Rena. La visita, durante la quale è stato mostrato loro come sminare, è stata approvata dalle autorità dello Sri Lanka. È quindi strano che questo venga sollevato come problema oggi. Ma è chiaro, è naturale che ci sarà un dibattito sul ruolo della Norvegia in un tale conflitto, dice Valle.

Potrebbe piacerti anche