Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

- Tutti devono avere successo in tutto

I marinai sono molto più duri dei rocker norvegesi, credono altri scrittori rock. – La maggior parte dei rocker che conosco non fa uso di droghe né violenza e vive in relazioni stabili, afferma l'autore Ole Idar Kvelvane.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In che modo i romanzi rock norvegesi dovrebbero competere con le storie "più grandi della vita" tratte dalla realtà? Le biografie di Mötley Crüe, Neil Young, Bob Dylan ed Eminem? Forse è proprio per questo che molti si concentrano invece su chi non ci è riuscito? Le band di maggior successo, i perdenti, i fan ei giornalisti rock.

- C'è molta buona letteratura nella sconfitta. Le storie di successo sono forse più adatte come biografia che come romanzo. La sfida è raccontare quello che hai da raccontare in modo interessante. Che i membri dei Mötley Crüe scrivano quattro donne ogni giorno va benissimo, ma può essere altrettanto buona letteratura leggere di un rocker norvegese che cammina per le strade di Namsos per farsi la fica dopo un concerto con 12 persone paganti, crede Ole Idar Kvelvane.

Suona il basso nella band pop Lano Places, e ha fatto il suo debutto nel romanzo l'anno scorso con Astronauti – sullo studente disoccupato Dag-Olav Sørensen, che è fanaticamente interessato alla band inglese The Stone Roses e sogna un lavoro alla Platekompaniet di Stavanger. Kvelvane non pensa che sia una coincidenza che ora riceviamo così tanti romanzi legati alla musica.

- Una volta ero un musicista e ne ero felice. I libri sono stati scritti da autori. Oggi puoi fare quello che vuoi in misura maggiore. Anche il fatto che il rock norvegese venga ora presentato sotto forma di libro con un peso maggiore rispetto a prima sembra essere parte di un processo di istituzionalizzazione, che comprende anche il museo del rock norvegese e le serie televisive sulla storia del rock norvegese. Finalmente anche in questo paese il rock viene preso sul serio.

Il satanista nazionale

Erlend Erichsen è un ex batterista dei Gorgoroth e dei Molested, e debutta con il suo romanzo in ottobre con Il satanista nazionale. Si svolge nell'ambiente black metal di Bergen nella prima metà degli anni '1990, all'ombra di notizie su incendi di chiese, omicidi, nazionalismo e satanismo.

- Recentemente c'è stata un'ondata pop e rock all'interno del romanzo, ma il mio libro si distingue dalla massa. Questo non è un romanzo chiave della scena black metal norvegese, ma sto scrivendo di un universo soggettivo colorato dagli aspetti più estremi della scena black metal.

Il black metal è oggi una sottocultura mondiale, dove la Norvegia e le band norvegesi occupano una posizione speciale. Pertanto Erichsen non si sorprende se gli editori francesi, tedeschi, svedesi e giapponesi esprimono il loro interesse.

- Questo non è un tipico romanzo rock. Non contiene né klining né alcol e la storia in realtà non si sposta mai fuori Bergen. È un romanzo di educazione al contrario, un "romanzo divisivo", su persone che non cercano denaro e fama, ma che vogliono diffondere ideologia e odio. È più un romanzo rosa che un romanzo rock; un po' Hamsun e un po' Dracula.

Roccia quotidiana

Anders Bortnes Una buona band è più in linea con i cliché del rock. La storia della band di Bergen The Seculars è l'avventura di una band socialdemocratica; dove cocaina, groupie e fama vanno di pari passo con rappresentazioni di ambienti rock incestuosi, clamore mediatico e grigia vita quotidiana nella sala prove e nel backstage del pub studentesco di Volda. Bortne concorda con Kvelvane sul fatto che la vita quotidiana di un rocker norvegese raramente è particolarmente glamour.

- Un backstage insieme al Rauma Rock, va bene, ma questo scopare e prendere a calci il continente intossicati da cocaina si applica solo a una piccola percentuale di rocker norvegesi. È un mito a cui è facile credere in questo paese, perché puoi effettivamente diventare una playlist su P3 e finire come una rock star sulla copertina di Dagbladet Friday senza aver suonato un solo concerto.

Bortne ritiene che il flusso dei romanzi rock possa essere spiegato altrettanto facilmente con i nostri desideri sempre crescenti di autorealizzazione.

- L'inferno dell'autorealizzazione non ha vergogna in questo paese. Tutti devono riuscire in tutto adesso. Mentre dieci anni fa l'uscita di un disco era un sogno lontano per le band in erba, oggi è solo questione di una scheda audio sul PC e qualche migliaio di copie da stampare. Può sembrare che pubblicare un libro sia diventata la prossima barriera dell’ego da abbattere, ed è già diventato anche troppo facile. Inoltre, non si nasconde il fatto che gli editori norvegesi oggi potrebbero anche iniziare con un nome invece che con una scrittura. E poi nel mucchio compare anche qualche rocker stanco.

Bortne suonava la chitarra nei Whopper, che si risvegliarono nell'acqua della crosta dell'industria musicale norvegese all'inizio del millennio. Una buona band è stato scritto con il desiderio di raccontare la storia di una di queste band più piccole.

- Le biografie dei Black Sabbath e dei Mötley Crüe sono divertenti, ma non dicono nulla della mia vita. Volevo raccontare una storia sulle piccole bande, di cui non sono scritte biografie. Si stanno ammalando là fuori e non troveranno un posto nel lessico rock norvegese nemmeno una volta. Volevo provare a capire perché tutte queste persone suonano in gruppi e non smettono mai di sognare di diventare una rock star, non importa quanto possa sembrare senza speranza? E non è universale? Tutti vogliono essere una rock star.

Potrebbe piacerti anche