Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Bjørneboe, Streetavisa e il post-anarchismo

È possibile che i tratti dell'anarchismo abbiano ancora oggi grande validità per una parte di noi?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

La "PROSPETTIVA" di 20 pagine di questa edizione è dedicata a Jens Bjorneboe. Avrebbe compiuto 100 anni ad ottobre. Sono anche passati 50 anni Giornale di strada fu fondato. Entrambi promuovevano l'anarchismo all'epoca. Ma quanto è importante essere anarchici oggi?

Bjørneboe parlò all'epoca nel 1971 all'Associazione studentesca norvegese di Oslo che "una società è un società sana solo nella misura in cui mostra caratteristiche anarchiche». Qui, l'anarchismo è più un aggettivo, così come la misura in cui una società riesce ad essere democratica.

Percepisco l'anarchismo come libertà e solidarietà e, come ha detto Bjørneboe, "esiste e basta gradi di libertà». E la libertà deve essere concreta, non astratta o troppo idealistica. Come ha detto agli studenti, il comunismo leninista è “ostile alla libertà”.

Un paio di anni prima, aveva lasciato il personaggio Ilja nel romanzo La torre della polvere da sparo (1969) raccontano del suo periodo da anarchico russo perseguitato: Marx credeva che l'obiettivo finale del comunismo fosse la dissoluzione del potere statale centralizzato. Ma Lenin “ha creato l’odio degli intellettuali” e “il mito dell’inaffidabilità degli intellettuali”. Ilya i La torre della polvere da sparo si riferisce anche a Rosa Luxemburg: "La medicina terroristica di Lenin era peggiore della malattia che avrebbe dovuto curare". Qui, come negli altri due libri della trilogia "Storia della bestialità", ci sono anche molti esempi di come le persone possano diventare malvagie o cinicamente crudeli – individualmente o come gruppo e persone. Qualsiasi deviante o anarchico è una facile vittima di tortura e persecuzione. Oltre a Ilja, Bjørneboe permette anche che venga tenuta una "lezione" sulla storia del boia – tra i pazzi nel manicomio nella vecchia torre della polvere da sparo. La storia della bestialità è ora in scena al Det Norske Teatret ed è basato su questo secondo libro della trilogia.

Dal lato più conservatore, gli anarchici sono detestati come “nichilisti”.» – una designazione che l'apparato giudiziario ha utilizzato anche per Bjørneboe nel processo sul libro pornografico Senza un filo. Ebbene, Bjørneboe ha trovato in un lessico il "nichilismo" spiegato come "Una direzione filosofica che rifiuta di riconoscere le 'verità' ereditate, tramandate e convenzionali prima di aver esaminato la loro 'verità-gehalt'". Sì, piace odiare l'irriverente intelligenza critica.

Bjørneboe descrive in un altro saggio, L’anarchismo come futuro, come le molteplici varianti anarchiche volessero una riduzione del potere statale, lo “statico” in quanto deriva da “stato”. Bjørneboe immaginava "una società orizzontale, divisa in comuni o federazioni libere e indipendenti". Poiché l’anarchismo è sia locale che internazionale, come con il COVID-19 abbiamo bisogno di una cooperazione sanitaria a livello locale, ma non ultimo a livello internazionale e federale.

Lenin definì l’anarchismo sia “un pregiudizio borghese” che “una delle malattie infantili del radicalismo” – che si sarebbe estinta da sola. Ebbene, sia l’Unione Sovietica che gli Stati Uniti cacciarono gli anarchici con la forza.

Bjrneboe, da parte sua, ha descritto l'anarchismo come l'unico tentativo di socialismo libertario. Su nytid.no troverai molti dei suoi articoli del nostro predecessore Orientering, come la serie "Socialismo e libertà" su questo argomento.

Per quanto riguarda il futuro, pensava che l'anarchismo sarebbe diventato "l'impulso politico più vitale d'ora in poi".

Pace

I primi pensatori più importanti dell'anarchismo furono Pierre-Joseph Proudhon, Michele Bakunin,Peter Kropotkin e Leone Tolstoj. Come puoi leggere su dove Pax Forlag ha pubblicato Daniel Libro di lettura anarchico (1970) di Strand/Astorp. Interessante è una citazione nel libro di Guerin che può far luce sull'interesse di Bjørneboe per i devianti e i criminali: "Il criminale è il criminale non autorizzato, a cui sono mancate abilità, fortuna o opportunità di esprimere la sua criminalità all'interno della struttura del potere".

Gli anarchici sono individui ribelli, comunisti, “vagabondi intellettuali”, disadattati – o come li chiamava Proudhon in Anarchismo, hanno una resistenza ad "essere governati, cioè ad essere sorvegliati, ispezionati, spiati, diretti, legiferati, recintati, insegnati, predicati, controllati, valutati, giudicati, censurati, comandati – da uomini che non lo fanno" avere il diritto, la conoscenza o le qualità sufficientemente buone per farlo [...]".

Giornale di strada

Questo probabilmente ha dato il tono a Gateavisa come collettivo a Oslo. Il libro Tutto il possibile da Gateavisa, 1970–1986 sarà ora rilasciato nel mese di ottobre. 15 veterani hanno scritto articoli sul loro lavoro nell'ambiente vitale di Hjelmsgate. Leggere Audun Engh su Gateavisa e BjørneboeO Thomas Hylland Eriksen nel ruolo del "tardo hippie". Il libro di oltre mezzo migliaio di pagine contiene anche 110 copertine espressive di Gateavisa, vecchi manifesti elettorali e vignette "falsi". Scrivono di devianza, disgusto, correnti sotterranee radicali, Bibbie, hashish, potere statale, controcultura, lotte e questioni di cuore dell'editore. O cosa hanno trovato nei bidoni di Gro e Kåre prima delle elezioni generali del 1981.

Essere governato significa essere vigilato, ispezionato, spiato, diretto, dotato di leggi e regole
perché, recintato, insegnato, predicato, controllato, valutato, giudicato, censurato, comandato.

Gli editori del libro Audun Ing e Ulrik Hegnar scrive nella prefazione che si ispirarono al bohémien Christiania, al surrealismo, al dadaismo e all'esistenzialismo. I redattori accettarono l'auto-reclutamento e il collettivo consisteva in processi decisionali informali, lavoro volontario e discussioni. E il "diritto di veto inverso", proposto da Christian Vennerød, permetteva a un individuo di richiedere la stampa di un articolo selezionato. Quando le discussioni fossero approfondite, lei/lui potrebbe essere persuasa a fare diversamente, ma mai forzata. Gli articoli venivano scambiati anche a livello internazionale attraverso l'Underground Press Syndicate (UPS).

Streetavisa ha provocato sia la stampa consolidata che la sinistra più dogmatica. Sono stati denunciati tre volte: per una pubblicità con Hitler e Volkswagen; Kåre Kristiansen di Kristelig Folkeparti in un contesto pornografico; così come in occasione del conflitto con il movimento AKP(ml), che sosteneva che la marcia del 1° maggio fosse iniziata dalla base. Perché no, dietro c’era l’AKP, il treno era controllato dall’alto.

Tutti in redazione scrivevano gratis e avevano una rete di venditori ambulanti. Avevano 4000-5000 abbonati, ma lasciavano che i detenuti nelle carceri ricevessero il giornale gratuitamente.

io dag

Allora cosa resta oggi dell’anarchismo degli anni ’70? Il libro Gramsci è morto – Correnti anarchiche nei più nuovi movimenti sociali  (2005) di Giorno di Richard JF mostra quanto siano stati importanti i “tratti anarchici” per gran parte del lavoro politico e critico degli ultimi decenni. L’anarchismo non può essere un partito politico nazionale. È passato molto tempo anche dalle idee anarchiche della rivoluzione violenta del 1800° secolo, che riproducono facilmente il potere oppressivo che si vuole rimuovere. Come abbiamo accennato in precedenza in TEMPI MODERNI, lo è miseria, una sorta di "depotenziamento", piuttosto preferibile. Vedi anche la mia intervista con Don Lowe, qualcuno che ha scelto di vivere lontano dal nemico e dai rapporti di potere.

Come detto in tedesco Anarchismo 2.0 di Degen/Koblauch (2009), sono preferibili i gruppi autonomi, l’azione diretta e le pratiche anarchiche: attività che demoliscono il sistema autoritario, statale, centralizzato, capitalizzato, militarizzato, patriarcale, razzista e sessista. E preferibilmente organizzati in reti collettiviste, femministe, riformiste, pacifiste o comunitariste.

Qui in MODERN TIMES a volte troverai tratti pragmatici o post-anarchici – e questa volta evidenziamo Bjørneboe e Gateavisa. In tempi recenti, molti hanno trovato ispirazione politica in pensatori come il francese Gilles Deleuze e Felice Guattari, e il loro anti-Øfiga (1972) o Mille altipiani (1987): In quest'ultimo, viene criticato lo "stato primordiale" e i numerosi "dispositivi di arresto" dello stato – così come vediamo sviluppati nell'odierna società di sicurezza e controllo. Piuttosto, ci viene raccomandato uno stile di vita nomade, linee di fuga e un pensiero rizomatico (in trecce) piuttosto che gerarchico. "Non innamorarti del potere!" Michel ha scritto Foucault i Anti-Edipo' prefazione. Sebbene non abbia scritto esplicitamente sull'anarchismo, l'ispirazione sta chiaramente dietro le sue descrizioni di "governamentalità".

Come suggerito nel libro di Day: I tempi sono maturi per il riutilizzo dell'anarchico, per una “soggettività post-anarchica”.

Buona lettura!     

Qui troverai i nostri articoli su e con Jens Bjørneboe

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

I nuovi barbari

MIGRAZIONE: Quali esperienze si possono collegare alla teoria dell'Altro quando si visita un'isola di migranti come Lampedusa? Forse alcuni filosofi possono indicare la via. A meno che i migranti non siano le migliori guide.

Morte: più o meno reale

LA REALTÀ: Percepiamo la realtà in modo molto diverso. Vorrei quindi suggerire tre ambiti in cui la realtà è reale, forte e diretta per tutti noi. Ma anche cosa dice un nuovo libro tradotto di Pier Paolo Pasolini sul contatto del film con la realtà.

Quando la violenza diventa l'unica cosa

POTENZA: Secondo Hannah Arendt l’uso della violenza, delle armi e delle bombe ci lascia politicamente senza parole. Le sue particolari analisi del potere possono insegnarci qualcosa sulla violenza che viene perpetrata oggi da e dentro Gaza?