Ordina qui l'edizione estiva

BJARNE HÅKON HANSEN

Poco dopo il triplice omicidio di Oslo, il ministro dell'inclusione Bjarne Håkon Hanssen ha dichiarato: "È un problema per noi che parti della comunità pakistana in Norvegia non si rendano in alcun modo conto di vivere in una democrazia occidentale con valori chiari".

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Perché hai scelto di parlare della mancanza di integrazione prima che qualcuno sapesse quale fosse il movente degli omicidi delle sorelle a Kalbakken?

- È sempre estremamente difficile, ma sono sempre stato molto attento a sottolineare che non volevo commentare il caso di omicidio. È in corso un dibattito generale sull'integrazione e il ricongiungimento familiare in Norvegia e devo essere presente nelle arene in cui si svolge il dibattito.

Ma quando sei invitato a un dibattito il giorno dopo un triplice omicidio, allora è chiaro che quello sarà il punto di partenza del dibattito?

- Ovviamente è difficile prendere parte a tali dibattiti, ma è ancora più problematico non essere presenti.

Sta diventando sempre più chiaro che si tratta in gran parte di psichiatria. Come ci si sente, allora, ad aver gareggiato con la FRP per parlare di differenze culturali?

- Ritengo, del tutto indipendente dal triplice omicidio, che sia importante discutere aspetti delle comunità di immigrati in Norvegia che hanno atteggiamenti verso la violenza nelle relazioni strette che non sono accettabili.

Ma sicuramente c'è un tempo per tutto?

- Sì. Il governo concluderà presto in relazione alla nuova legge sull'immigrazione, quindi il momento per questo tipo di dibattito è adesso.

Il ministro della Giustizia Knut Storberget ha chiarito questa settimana che dobbiamo attendere il dibattito sull'integrazione prima di sapere a cosa serve. Com'è essere rimproverati da un collega ministeriale? – Ho parlato con Knut e sono completamente d'accordo. Non possiamo collegare questo caso al dibattito sull'integrazione.

Se non è un rimprovero dire che non si dovrebbe prendere il dibattito a cui hai partecipato già il giorno dopo i triplici omicidi, allora che cos'è?

- Secondo Knut Storberget, non è un rimprovero. Quindi è abbastanza bene che tu sappia meglio cosa intende con ciò che dice, rispetto a ciò che sa lui stesso.

Come puoi partecipare a un dibattito sul triplice omicidio e affermare che non stai discutendo del triplice omicidio?

- Allora devi fare quello che dico che devi fare – ascolta quello che dice la gente. È un dibattito importante, indipendentemente da ciò che è accaduto in questo caso.

Ti unirai la prossima volta che sarai invitato a un dibattito del genere, il giorno dopo uno serio?

atto criminale?

- Va sempre valutato caso per caso. È impossibile rispondere in generale. Ma sostengo pienamente i dibattiti a cui ho partecipato.

Potrebbe piacerti anche