Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Assistenza sottobanco

Il denaro degli aiuti norvegesi raggiunge i palestinesi attraverso controversi canali secondari.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[gaza] La Norvegia e altri paesi donatori utilizzano i canali secondari per continuare a sostenere finanziariamente i palestinesi durante il boicottaggio di Hamas. La Norvegia non eliminerà tuttavia le sanzioni contro il governo di Hamas.

- Abbiamo utilizzato più fondi di quelli previsti. Paghiamo il più possibile attraverso l'ufficio del presidente Mahmoud Abbas e le strutture che si trovano sotto di esso, afferma il consigliere politico del ministero degli Affari esteri Torbjørn Urfjell (SV).

Ma tali meccanismi alternativi sono controversi. Lo scorso inverno, diverse organizzazioni norvegesi hanno dichiarato che non sarebbero state utilizzate come canale di ritorno. Il Norwegian People's Aid, il Church's Emergency Relief e il Norwegian Refugee Council hanno invece chiesto la revoca delle sanzioni. Avvertono del collasso dei territori palestinesi se ciò non accade.

- Pensiamo che sia sbagliato sostenere il blocco da parte di un governo eletto. Il pericolo di indebolire il governo è stato il motivo per cui ci siamo rifiutati di agire come un canale segreto, afferma Liv Tørres, responsabile degli affari esteri presso Norwegian People's Aid.

Gli aiuti a un certo numero di istituzioni palestinesi sono stati parzialmente mantenuti attraverso il meccanismo temporaneo di finanziamento internazionale istituito all'inizio di quest'anno, afferma Urfjell del Ministero degli Esteri. Ciò consente di effettuare pagamenti, ad esempio, agli appaltatori che costruiscono scuole, come alternativa alla donazione di denaro direttamente al Ministero dell'Istruzione di Hamas.

Dall'inverno scorso la situazione è peggiorata drasticamente, soprattutto a causa dell'operazione israeliana "Pioggia estiva" contro Gaza. Nel mese di luglio il Ministero degli Affari Esteri ha stanziato 150 milioni di aiuti d'emergenza a favore dei palestinesi. Gran parte di questo denaro va all’ONU, ma i destinatari saranno anche la Croce Rossa e altre organizzazioni di volontariato.

L'organizzazione di assistenza medica Norwac ha ricevuto 25 milioni di corone norvegesi. Con i soldi l’organizzazione ha acquistato attrezzature mediche e materiali di consumo per gli ospedali di proprietà pubblica a Gaza e a Gerusalemme Est.

Jon Eivind Jensen, responsabile del bilancio della Norwac, conferma che si stanno facendo sforzi per trovare canali alternativi per far arrivare i soldi nelle aree. In particolare si sta lavorando con i canali per il pagamento degli stipendi ai tanti dipendenti pubblici che non vengono pagati da marzo. In tal caso, ciò sarebbe completamente contrario all’intenzione alla base delle sanzioni.

- Il problema principale sono i salari. Il problema dovrebbe essere risolto attraverso la Banca Mondiale, l’ONU o l’UE. Anche la Norvegia parteciperà qui. Si crea una sorta di meccanismo temporaneo in cui si aggirano le autorità palestinesi, dice Jensen.

Liv Tørres in Norwegian People's Aid è molto critico nei confronti di questa pratica.

- Tali canali avranno un effetto indebolente sul governo palestinese e potranno intensificare le contraddizioni tra Hamas e la presidenza guidata da Abbas, che rappresenta Fatah. Se si ottiene un governo senza governance, ciò indebolirà le possibilità di negoziazione, afferma Tørres.

Lei dice che l'Aiuto Popolare norvegese deve valutare continuamente cosa si può fare per rendere la vita quotidiana più facile per i palestinesi, ma che per loro è decisivo ciò che vogliono i palestinesi stessi.

Dopo le consultazioni con la Rete Palestinese per le Organizzazioni Non Governative (PNNGO), People's Aid continua a rifiutarsi di essere utilizzato come canale alternativo.

La Norwac, dal canto suo, non rifiuta la soluzione del pagamento dei salari attraverso canali alternativi. Jensen si riferisce alla discussione sull'opportunità di dare soldi al cosiddetto personale chiave negli ospedali.

- Dimostra una mancanza di comprensione della complessità di un ospedale. Non c'è personale chiave qui, è necessario un addetto alle pulizie tanto quanto un medico. Ecco perché vogliamo partecipare a tale discussione, dice.

Di Maren Sæbø post@nytid.no

Potrebbe piacerti anche