Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Armare la polizia


(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

A seguito del tragico omicidio di un poliziotto durante la rapina a Stavanger, è riemersa la richiesta di ulteriori armamenti della polizia. La richiesta è promossa da politici che vorrebbero essere tra i migliori amici della divisa e da rappresentanti delle organizzazioni dei funzionari pubblici. Ma ci sono anche avvertimenti: i padroni della polizia, che hanno una lunga esperienza nell'affrontare situazioni in cui possono essere richiesti armamenti, sono scettici. Perfino Willy Haugli, il feroce ex capo della polizia di Oslo, mette in guardia contro un aumento degli armamenti in una cronaca di Aftenposten il 23 aprile.

L'esperienza acquisita nella maggior parte dei paesi è che un ulteriore armamento della polizia porterà a ulteriori armamenti tra i criminali – e quindi un maggiore uso delle armi da fuoco. Haugli mostra nel suo articolo una "intuizione" di cosa significhi essere un agente di polizia, quando sottolinea che anche la polizia stessa in pratica può essere più felice di ciò che è sia giustificabile che legale. L'ex capo della polizia sottolinea che la pratica dell'armamento è occasionalmente sfuggita, come quando la pattuglia cinofila di Oslo si permetteva di portare armi nascoste sotto la giacca dell'uniforme negli anni '1970. Il risultato è stato il cosiddetto Il caso Fornebu nel 1975, dove un ufficiale della pattuglia cinofila ha sparato alla schiena a un ladro di auto. Il caso ha fatto da sfondo a "Boka om Kalle og Reinert" di Espen Haavardsholm e al film "At dere dare!", E ha creato un acceso dibattito. Il poliziotto è stato assolto, ma il caso illustra anche come gli agenti di polizia con armamenti aumentati possano essere messi in situazioni in cui giudicano male e nel peggiore dei casi vengono resi assassini, rovinando le loro carriere e la reputazione della polizia.

La polizia attualmente ha accesso alle armi, ma queste sono conservate sigillate nell'auto. Quando la situazione lo richiede, i funzionari possono rompere il sigillo e armarsi, normalmente con il permesso del capo della polizia. In pratica è molto raro che i dipendenti pubblici debbano armarsi, ma nei casi in cui è necessario è anche possibile. Probabilmente ci sono buone ragioni per sostenere che la polizia abbia unità speciali costantemente armate, e anche che queste abbiano accesso ad armi più pesanti rispetto ad altre forze di polizia. Ma l'accesso a tali armi richiede formazione e sensibilizzazione continue, una gamma di formazione che non è né realistica né desiderabile per la polizia ordinaria.

La discussione sull'armare la polizia dovrebbe anche essere basata – come sottolinea Willy Haugli – che se si sceglie prima di armare la polizia, non si torna indietro. Armare la polizia porterà a un aumento degli armamenti tra i criminali, e quindi i funzionari diventeranno dipendenti dalle loro armi. Dopo aver acquisito esperienza, "disarmare" la polizia diventa impossibile. Pertanto, è necessario che sia il servizio di polizia, le organizzazioni dei dipendenti pubblici che i politici della giustizia mostrino una maggiore sanità mentale di quanto alcuni di loro gestiscano subito dopo un drammatico e tragico procedimento penale.

- annuncio pubblicitario -
- annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.