Teatro della crudeltà

Rapporti dai coloni

A Hebron, nella Cisgiordania occupata, vivono 600 coloni israeliani che stanno combattendo per il dominio israeliano nella città. Ny Tid li ha visitati. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

 

"Penso che fosse giusto che il soldato sparasse: il terrorista avrebbe potuto avere una bomba. Rimasi sul mio balcone a scattare foto ed era chiaro che le persone sulla scena erano spaventate. E ora il soldato deve essere assicurato alla giustizia perché ha protetto le persone che era stato incaricato di proteggere. È assolutamente incredibile".

Tizpi Schlissel mi guarda e allunga le braccia. Il volume della sua voce è andato su e giù costantemente da quando la conversazione è iniziata poco più di mezz'ora fa – e ora il volume è al massimo:

“I soldati sono qui per proteggerci dalle persone che vogliono cancellare la nostra esistenza – non solo da Hebron, ma da tutto Israele. Agli ebrei è stata assegnata una piccola terra e dobbiamo lottare per mantenerla. Nel peggiore dei casi, questo incidente potrebbe spaventare i soldati a sparare per proteggerci, se necessario”.

L’incidente a cui fa riferimento Schlissel è un episodio accaduto a Hebron il 14 marzo di quest’anno. Due uomini palestinesi sono stati uccisi dopo aver aggredito un soldato nel quartiere di Schlissel. Un palestinese è morto immediatamente per le ferite da arma da fuoco, mentre l'altro è stato inizialmente lasciato gravemente ferito a terra. Un video successivamente diffuso mostra un soldato che si avvicina all'uomo sopravvissuto e gli spara alla testa da distanza ravvicinata. L'omicidio in sé non è unico: si unisce alla serie di attacchi con coltello sia reali che presunti con il successivo omicidio dell'autore. La particolarità questa volta è che l'incidente è stato filmato e il soldato è stato portato in tribunale. "Ma il soldato ha un ampio sostegno in Israele", dice Schlissel.

Coloni nel centro della città. Anch'io ero qui qualche mese fa – nello stesso quartiere, a pochi metri di distanza – per parlare con un'altra persona dello stesso episodio, vale a dire l'uomo che ha filmato (vedi Ny Tid 4/2016, "Omicidio filmato – è stato minacciato" ). Dopo aver pubblicato il film, l'attivista palestinese per i diritti umani Abu Shamsiya ha subito gravi attacchi e minacce da parte dei coloni della città.

"La cosa peggiore è che ne siamo continuamente circondati. Non molto tempo fa è successo anche quassù", racconta Schlissel, una cinquantenne con undici figli. "È pericoloso affrontarlo ed è difficile per i nostri figli crescere." Molti dei suoi figli sono già sposati, dice, e mi mostra le foto dei figli e dei nipoti. Lei e la sua famiglia sono tra i circa 600 coloni ebrei a Hebron, l'unica città palestinese con coloni israeliani all'interno del centro cittadino stesso. Sono considerati i coloni più violenti ed estremisti dell’intera Cisgiordania. La stessa Schlissel è cresciuta a Gerusalemme, ma la storia della famiglia a Hebron risale al 1929, quando sua nonna venne in città per aiutare la sorella che aveva appena partorito. Nello stesso anno, 67 ebrei furono uccisi e quasi un centinaio feriti in una rivolta da parte della popolazione araba della città. La nonna e la sorella sopravvissero e, come la maggior parte dei quasi 400 ebrei che vivevano a Hebron, fuggirono in altri luoghi del paese.

“Ho dei vicini arabi, ma non li conosco. Personalmente non ho nulla contro di loro, ma sfortunatamente la storia ha dimostrato che non possiamo mai essere sicuri di ciò che riescono a inventare”.

Alcuni anni dopo, la famiglia tornò a Hebron, dove visse una vita relativamente tranquilla fino a quando una sera del 1994, un uomo palestinese fece irruzione nella casa dei suoi genitori e pugnalò e uccise suo padre. "È stata un'esperienza assolutamente terrificante. Tali incidenti non rendono più facile non avere paura", dice Schissel. Ora la famiglia vive nella zona contesa di Tel Rumeda. Oggi l'area è popolata sia da israeliani che da palestinesi, ma Schlissel afferma di frequentare il meno possibile i suoi vicini palestinesi: "Ho dei vicini arabi, ma non li conosco. Personalmente non ho nulla contro di loro, ma sfortunatamente la storia ha dimostrato che non possiamo mai essere sicuri di cosa possano inventare. È importante capire la situazione oggi alla luce di ciò che accadde nel 1929. Non dico che tutti vogliano farci del male, ma molti di loro vogliono che spariamo da qui. Dobbiamo lottare per evitare che ciò accada", afferma.

Le chiedo cosa pensa della politica portata avanti dal governo israeliano riguardo a questo conflitto. "Quando Israele tenta di concludere accordi di pace, sono gli arabi a rifiutarsi", ritiene. "Diverse migliaia di israeliani sono stati uccisi in attacchi terroristici dalla conclusione degli accordi di Oslo. Benjamin Netanyahu ha promesso di non dare alcuna terra agli arabi, ma subito dopo ha accettato che Hebron diventasse araba. Ci ha deluso. Non è che gli arabi vogliano un paese palestinese, vogliono uno stato arabo", dice Schlissel, ma scuote fermamente la testa quando le chiedo se ha preso in considerazione l'idea di lasciare la città.

Minacciato con le mitragliatrici. Nel giudaismo, Hebron è considerata una delle quattro città sante, perché qui si trova il complesso funerario dei patriarchi, o la Grotta di Machpelah. La Moschea di Abramo è costruita attorno alla grotta, un importante luogo sacro per i musulmani. La paura e l'insoddisfazione per la presenza degli altri non è difficile da notare a Hebron. Ancor prima dell'inizio dell'intervista, due donne colone – originarie dell'India – mi hanno messo in guardia contro gli arabi quando stavo per chiedere della strada: "Sappiamo in che direzione è, ma non dovresti andarci da sola?" Mi hanno detto. "Oh no, è lontano?" così io. “No”, hanno detto, “ma non è sicuro. Ce ne sono così tanti... come possiamo dirlo..."

"Molti soldati?"

"NO. Molti arabi!”

Gli avvertimenti delle due donne mi fanno pensare ad un negozio della zona, che avevo visitato qualche settimana prima. Il giorno prima del mio arrivo, il proprietario del negozio è stato avvicinato da un colono. Senza una parola, si dice che il colono sia rimasto fermo per 15 minuti e abbia puntato una mitragliatrice contro il negoziante. Alcuni testimoni dell'incidente hanno chiamato i soldati di stanza poco più in là, ma c'era poco che potessero fare. Fortunatamente l'uomo con il fucile è scomparso, ma ha chiarito che sarebbe tornato.

"I coloni qui sono dei VIP," mi disse più tardi il proprietario del negozio.

"Antisemitismo puro." Torna a Tripzi Schlissel, usciamo dal condominio e ci dirigiamo verso il museo ebraico della città, dove lavora part-time. Un gruppo di turisti aspetta qui per essere portato in giro. Bandiere israeliane di varie dimensioni pendono dalle verande su entrambi i lati della stretta strada. Oltrepassiamo una postazione militare proprio di fronte al museo. "Vedi questa scala?" dice Schissel. “Qualche mese fa, un soldato in servizio qui è stato aggredito e accoltellato da un arabo che scendeva le scale. Ne ho un filmato lì dentro, posso mostrartelo.

“Devono smettere di ucciderci, smettere di lavorare per spazzarci via dalla faccia della terra. Allora scompariranno sia i soldati che i posti di blocco."

Dall’ottobre dello scorso anno, la violenza tra palestinesi e israeliani è aumentata. Quella che è stata a lungo definita da molti come una terza intifada, è costata la vita a più di 200 palestinesi e 28 israeliani, molti dei quali civili. Molti degli omicidi sono avvenuti a Hebron, il che ha portato a un maggior numero di soldati nelle strade e a controlli più severi ai posti di blocco della città. Ma Schlissel apprezza la presenza militare. “Vedo i soldati come parte della famiglia israeliana e sono orgoglioso degli sforzi che fanno per proteggerci qui a Hebron. So che a livello internazionale c'è un'opinione secondo cui sia i soldati che i posti di blocco sono un grande fastidio per gli arabi qui, ma, in un certo senso, è colpa loro. Devono smettere di ucciderci, smettere di lavorare per cancellarci dalla faccia della terra. Allora scompariranno sia i soldati che i posti di blocco", dice.

Come immagina Hebron tra dieci anni? "Voglio che Hebron diventi una città ebraica dove gli ebrei possano vivere liberamente senza essere ansiosi", dice Schissel. “Per quanto riguarda gli arabi che vogliono ucciderci, non mi interessa davvero cosa succede loro. Possono essere deportati o soppressi. C'è qualcos'altro in coloro che vogliono vivere in pace con noi", dice. "Israele non è un paese razzista."

Due donne vestite con scialli e gonne lunghe si avvicinano al tavolo dove ci siamo seduti. Hanno ascoltato l'intervista e vorrebbero dare qualche contributo supplementare. "La cosa peggiore sono le organizzazioni internazionali che vengono qui a difendere i palestinesi sulla base della propaganda che sentono nei media", dice una delle donne. “Nessuno verrà a difenderci. Se queste persone si fossero davvero preoccupate dei diritti umani – e intendiamo i veri diritti umani – avrebbero aiutato anche noi", continua. "Ma nessuno è interessato a chiederci se abbiamo bisogno di aiuto per qualcosa. È puro antisemitismo. Se non fosse per le organizzazioni, qui le cose andrebbero meglio: vengono e distruggono."

Il viaggio all'inizio del tempo. La visita guidata inizia con un film. Insieme al gruppo da guidare vengo legato su una lunga panchina, in qualcosa che ricorda i sedili a cui sei legato quando fai una giostra in una fiera. All'improvviso il silenzio è rotto da una voce che echeggia nella sala buia, e le sedie si spostano da una parte all'altra. Alcuni ragazzi dietro di me ridacchiano emozionati. Sullo schermo appare una famiglia: una madre, un padre e un figlio adolescente. Dai copricapi degli uomini possiamo vedere che sono ebrei e, a giudicare dal loro accento, possiamo supporre che siano americani. "Vi riporteremo all'inizio dei tempi", dice il padre. Più movimento, più risatine. Mentre i sedili tremano sotto di noi, viaggiamo nello spazio e finiamo su una pianura erbosa. Intorno a noi ci sono uomini in tunica. Ci viene presentato il profeta Abramo.

La scena cambia e ci ritroviamo su una simile pianura erbosa. Persone giubilanti vanno in giro vestite con gli stessi abiti biblici. Ma questa volta qui è stato eretto un grande edificio: al centro della piazza si erge la grotta Makpela, cioè il suddetto complesso funerario.

Il figlio adolescente della famiglia decide di entrare nell'edificio, ma viene fermato a metà scala da un uomo dall'aspetto arabo. "Non hai il diritto di essere qui!" grida l'arabo in un inglese stentato. Un uomo più in basso, che a giudicare dal suo abbigliamento appartiene anche all'ebraismo, spiega che agli ebrei è vietato l'ingresso nell'edificio.

E ora le cose stanno davvero cambiando. I sedili rimbalzano da una parte all'altra mentre fulmini e tuoni si diffondono nel cielo. La famiglia cerca di scappare attraverso la città vecchia di Hebron, ma vengono separati gli uni dagli altri. All'improvviso, il figlio adolescente viene sopraffatto da un uomo con la pelle scura e una sciabola gigante. All'improvviso sullo schermo sventola la bandiera israeliana, poi vediamo alcuni soldati, un aereo da caccia e alcuni politici. La famiglia è di nuovo sullo schermo, sorridente mentre entra nella grotta Makpela mano nella mano.

"Dobbiamo costruire il Paese e lottare per l'esistenza di Israele". La luce diventa più forte, sento la musica e la stanza si riempie di bolle di sapone che spruzzano dalle pareti dell'ingresso. Durante gli applausi una donna anziana si sporge verso di me: "Era un film forte".

 

Carima Tirillsdottir Heinesen
Carima Tirillsdottir Heinesen
Ex giornalista in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche