Teatro della crudeltà

- Trattare i poveri con dignità

- I poveri hanno bisogno di soldi per sopravvivere, ma è altrettanto importante che tutti abbiano lo stesso diritto di essere rispettati con dignità e rispetto in tutte le situazioni, affermano Ben Borgen e Bjønnulv Evenrud di Slumbyen a Soria Moria.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In due tende appena fuori Soria Moria, nella foresta dietro Holmenkollen, diverse persone si sono stabilite in quello che chiamano Slumbyen. Altri portano le proprie tende e passano la notte qui. Rimarranno lì fino a quando non otterranno garanzie dal Partito Laburista, dal Partito di Centro e da SV che faranno qualcosa contro la povertà nel paese più ricco del mondo. Hanno stabilito requisiti specifici che vogliono soddisfare, prima di fare le valigie e tornare a casa. Quelli che hanno una casa.

Gli iniziatori di Slumbyen sono Ben Borgen e Bjønnulv Evenrud.

- Consideriamo naturale che i rappresentanti dei poveri incontrino per primi gli Storting quando si riuniscono di nuovo. E ci aspettiamo che il governo sia d'accordo con noi sul fatto che la lotta contro la povertà è anche il loro lavoro numero 1. Non abbiamo un'ora da perdere se nessuno morirà per strada quest'inverno, dice Ben Borgen.

- Ben, io e tutti gli altri che hanno preso parte alla distribuzione di cibo e vestiti ai poveri in Norvegia, sappiamo che qui abbiamo un problema molto grosso e serio. Dobbiamo avere un sistema in cui ognuno riceva ciò di cui ha bisogno per sopravvivere in modo dignitoso. Nessuna persona può sopravvivere con 22 corone norvegesi al giorno per cibo, vestiti e altre necessità. Nessuna famiglia composta da padre, madre e una coppia di figli può sopravvivere con 50-60 corone norvegesi al giorno per cibo e vestiti. Questi sono esempi dalla Norvegia 2005. Non abbiamo bisogno di parole. Abbiamo bisogno di azione, afferma Bjønnulv Evenrud.

- Ma chi è povero in Norvegia?

- Non sappiamo con certezza quanti siano i poveri. Quello che sappiamo è che ci sono molte persone che hanno bisogno di una mano ogni singolo giorno per affrontare la giornata. Se guardiamo le statistiche, il numero dei poveri in Norvegia è compreso tra 200.000 e oltre 400.000 persone. La cifra più bassa è quella che l’attuale governo sceglie di utilizzare. Se utilizziamo i metodi di calcolo dell'ONU, la cifra sale a oltre 400.000, afferma Ben Borgen

- Quelli di noi che conoscono la situazione a Oslo possono vedere i problemi ogni singolo giorno. Ma il problema più grande è che coloro che hanno più bisogno di aiuto sono i più invisibili nella società. Quelli che non vediamo per strada o altrove. Molti di noi sono poveri in questo paese e abbiamo visto attraverso la politica sulla povertà dell’attuale governo di destra. Ora resta da vedere se l'alternativa rosso-verde sarà migliore. Un paio di anni fa, Kristin Halvorsen dell'SV avrebbe affermato che avrebbe potuto abolire la povertà entro quattro settimane. Ora dice che le servono quattro anni. Daremo loro la possibilità di iniziare, ma non hanno abbastanza tempo, afferma Bjønnulv Evenrud.

- Pensi che la povertà sia visibile in Norvegia?

- Chi vuole vedere, vede. Quando distribuiamo cibo ai poveri nella chiesa di Jakob a Oslo, vediamo che le code si allungano. Molte persone nella società odierna non ricevono alcuna assistenza sociale. Molti vivono in cabine e piccoli vespai che non sono stretti o caldi. Oppure dormono nelle scale da cui entrano. Quando dovevamo tenere una riunione di pianificazione prima di questa azione nella città dei bassifondi sabato, siamo stati accolti da una persona che dormiva nel corridoio dove dovevamo incontrarci. Ecco com'è ogni notte a Oslo e nelle altre città della Norvegia. Molti non ricevono l’aiuto di cui hanno bisogno e vengono rifiutati da un sistema quadrato, afferma Ben Borgen.

- Cosa chiedi al nuovo governo?

- Non chiediamo altro che che il governo norvegese segua le convenzioni internazionali delle Nazioni Unite sui diritti umani. La Norvegia deve riconoscere e attuare il diritto di ognuno ad avere uno standard di vita soddisfacente per sé e per la propria famiglia, compresi cibo, vestiario e alloggio soddisfacenti. E le persone devono avere l’opportunità di migliorare la propria situazione di vita. Ciò è risolto dall’articolo 11 della Convenzione internazionale sui diritti economici, sociali e culturali. Troviamo le stesse garanzie nel paragrafo 110c della Costituzione. Se il governo sottoscrive le condizioni di questo articolo e segue la nostra Costituzione – e fa qualcosa per risolvere la situazione, allora siamo sulla buona strada, dice Bjønnulv Evenrud.

- Mentre Bondevik ha parlato di come un compito importante per il paese più ricco del mondo, la Norvegia, sia quello di abolire la povertà, la povertà in Norvegia è aumentata. I leader dell'alleanza rosso-verde hanno dato garanzie alle quali dovranno dare seguito, dice Ben Borgen.

- Questo è un requisito aperto con molte soluzioni possibili. Avete dei requisiti specifici per coloro che formeranno un governo e per la maggioranza dello Storting che adotterà i cambiamenti?

- Abbiamo detto che se quelli seduti a Soria Moria firmeranno le cinque richieste che abbiamo consegnato alle delegazioni, allora faremo le valigie e torneremo a casa. Ma resteremo qui finché non firmeranno queste richieste, se necessario finché non torneranno a casa con un nuovo governo in tasca.

Abbiamo cinque requisiti specifici:

1. Cibo, salute e dignità per tutti coloro che soggiornano in Norvegia.

2. Hausmannsgate 37 e Osterhausgate 10 a Oslo devono essere aperti ai più poveri. Qui riceveranno ricovero, assistenza sanitaria e vivranno esperienze positive.

3. Nel nuovo bilancio dello Stato si dovrà tener conto di garantire a tutti una vita dignitosa. La norma SIFO per il sostentamento dovrà essere introdotta entro il 1° dicembre e i pagamenti ai bisognosi non dovranno dipendere dalle finanze comunali del singolo comune. Ciò significherà, ad esempio, un aumento delle tariffe per i single di oltre 2000 NOK al mese – da NOK 4300 a NOK. 6500.

4. Il governo deve istituire immediatamente una commissione sulla povertà ampiamente composta, composta in maggioranza da organizzazioni che lavorano quotidianamente con i poveri.

5. I rappresentanti dei poveri devono essere invitati a incontrare il nuovo Storting – e noi dovremmo essere la prima delegazione che riceveranno.

Questi sono cinque punti sui quali non dovrebbe essere difficile trovare un accordo. Ciò richiede ancora che coloro che governano il paese vedano le sfide che ci attendono per correggere la situazione dei più poveri, afferma Ben Borgen.

- Cosa vuoi che una commissione sulla povertà esamini e proponga?

- Abbiamo ricevuto un sostegno molto ampio e solido per la nostra azione. Tra coloro che sostengono la nostra rivendicazione per i poveri troviamo, tra gli altri, LO-Oslo, Kirkens Bymisjon, Attac Norge, Fattighuset e l'Associazione degli inquilini. Finora, 16 organizzazioni hanno sostenuto la richiesta.

Ciò dimostra che non siamo soli, ma abbiamo molti che comprendono la situazione. Ora l’obiettivo è svegliare i politici.

La commissione sulla povertà dovrebbe essere composta, tra le altre cose, da rappresentanti dei poveri, del movimento sindacale e di altri che nella loro vita quotidiana incontrano coloro che sono in difficoltà. Attraverso audizioni e riunioni aperte, la commissione deve ricevere input da coloro che conoscono le sfide, e il mandato della commissione deve anche essere quello di fornire input su come la legislazione norvegese dovrebbe essere aggiornata in modo da rispettare anche gli obblighi internazionali che abbiamo nel campo dei diritti umani. La commissione dovrebbe avere un risultato da presentare sei mesi dopo l'inizio dei lavori, afferma Bjønnulv Evenrud.

- Le nostre richieste significano che il nuovo governo rosso-verde è disposto a utilizzare i fondi necessari per ricostruire il Comune-Norvegia e per correggere i pregiudizi presenti oggi nel sistema. Servono inoltre fondi e, non ultimo, la disponibilità ad andare incontro ai poveri con dignità e rispetto in ogni situazione. Il sistema di welfare ha bisogno di un atteggiamento nuovo e sano nei confronti di tutti i gruppi vulnerabili. Troppe persone sperimentano ogni giorno che i rappresentanti statali negli uffici di previdenza sociale e in altri uffici pubblici fanno di tutto per impedire alle persone di ottenere ciò a cui hanno diritto. È importante che la partecipazione degli utenti venga introdotta come principio guida nella progettazione e nella garanzia della qualità di tutte le misure di aiuto. Dobbiamo anche avere un sistema in cui ognuno riceva ciò di cui ha bisogno per sopravvivere in modo dignitoso. Le tariffe minime sono un argomento importante qui, dice Ben Borgen.

Potrebbe piacerti anche