Decolonizzare il femminismo!

Un femminismo decoloniale
Forfatter: Françoise Vergès
Forlag: La fabrique éditions (Frankrike)
FEMI-Imperialismo / Le femministe in Occidente devono guardare in alto e vedere che con le loro lotte stanno tenendo a bada le sorelle, è il messaggio nel nuovo e ben scritto libro della politologa francese Françoise Vergès.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

La scrittrice e attivista francese (con un dottorato in scienze politiche) Françoise Vergès ha scritto un libro forte e di alta leggibilità sulla decolonizzazione del femminismo. Dopo la sua pubblicazione in Francia nel febbraio di quest'anno, la maggior parte dei giornali e delle radio nazionali lo hanno recensito o intervistato l'autore. Il suo messaggio è chiaro e importante: le femministe occidentali consumano altre donne invece di lottare con loro per condizioni di vita migliori. Chiama le altre donne "racisée". La parola si trova in francese, ma non può essere riprodotta così facilmente in norvegese. Sarebbe sbagliato tradurlo con “etnico”, perché così si perde l'allusione politicamente scorretta alla razza. Per lo stesso motivo non può essere tradotto con "colorato". "Rasializzato" è probabilmente la migliore traduzione norvegese, anche se questa parola non è stata parte attiva del vocabolario – fino ad ora.

Françoise Verges

L'uno la libertà, l'altro la schiavitù. Françoise Vergès crede che le donne bianche occidentali abbiano conquistato molte delle loro libertà continuando a tenere sotto controllo le donne razzializzate. Scrive provocatoriamente che "l'esistenza confortevole delle donne ricche della classe media è possibile solo perché milioni di donne razzializzate vengono sfruttate quando producono gli abiti che indossano le donne della classe media, puliscono le case in cui vivono e gli uffici in cui lavorano, prendersi cura dei figli e soddisfare i bisogni sessuali dei coniugi e dei fratelli". Le donne ricche della classe media sono più interessate a ottenere lo stesso stipendio dei loro uomini che a che le donne (e gli uomini) razzializzati abbiano condizioni di lavoro e salari accettabili con cui vivere.

Le donne razzializzate sono completamente dimenticate dalle femministe. Vergès è decisamente incazzata nei confronti del femminismo egualitario e privilegiato, che secondo lei non fa altro che perpetuare le disuguaglianze e l'oppressione nel mondo. Le donne bianche ricche combattono solo per se stesse, senza preoccuparsi del fatto che la loro lotta richieda che qualcuno si occupi dei lavori schifosi. E quando le donne benestanti della destra politica hanno iniziato a definirsi femministe, pur facendo dichiarazioni omofobe e islamofobe, il femminismo perde credibilità e rilevanza. Dobbiamo quindi cambiare il nostro punto di vista e riprendere il femminismo.

Decolonizzazione

La prospettiva delle femministe occidentali di oggi è troppo ristretta ed egocentrica; il femminismo deve essere decolonizzato, così come deve essere decolonizzato il mondo accademico, in modo da poter guardare il mondo da un punto di vista diverso rispetto all’Occidente bianco, sostiene l’autrice.

Le donne razzializzate sono completamente dimenticate dalle femministe.

Allora cosa significa decolonizzare il femminismo? Si tratta di due importanti cambiamenti di prospettiva, sostiene Vergès. Il primo è accettare l’oppressione mondiale delle donne (e degli uomini) razzializzati e smettere di credere che l’uguaglianza di genere per le donne ricche della classe media sia qualcosa di più di una piccola parte del femminismo. Il secondo cambiamento di prospettiva significa che le (poche) femministe di oggi interessate alle donne razzializzate cambiano il loro atteggiamento dal volere aiuto loro di volere gigante insieme a loro. L'atteggiamento assistenzialista chiama Françoise Vergès "femminismo civilizzatore", con chiaro riferimento alla politica coloniale francese. Il mantra principale de "la mission civilisatrice" era che i sudditi coloniali diventassero come i francesi: imparassero la stessa lingua, indossassero gli stessi vestiti, credessero nella stessa religione e avessero gli stessi valori.

L'autrice ritiene che questo atteggiamento caratterizzi anche le femministe di oggi; si vedono come aiutanti che libereranno le donne razzializzate dall’oppressione del patriarcato. Ma ciò a cui effettivamente contribuiscono è simile alla soppressione della civiltà à la Francia durante l’era coloniale. E ci ricorda che anche se l’era coloniale è finita, il colonialismo, l’ideologia coloniale, continua.

«Femi-imperialismo»

 

Quando le femministe francesi manifestano per vietare l'hijab nelle scuole, Vergès lo chiama "femi-imperialismo". Le donne cattoliche bianche sanno cosa è meglio per le donne musulmane razzializzate. Vogliono aiutarle a diventare libere, cioè come loro stesse, ironizza Vergès affrontando il dibattito sul divieto del burkini – un costume da bagno coprente ideato da e principalmente per le donne musulmane – in 15 città francesi nell'estate 2016 Le femministe francesi erano così ansiose di aiutare le donne razzializzate che le costrinsero a spogliarsi per andare in spiaggia. Scrive magnificamente che "in estate must la donna si spoglia, perché solo così può mostrare la sua libertà". Sebbene un tribunale francese abbia dichiarato illegale il divieto del burkini più tardi quell'estate, secondo Vergès si tratta di un buon esempio di imperialismo femmi.

Solo decolonizzando il femminismo potrà ancora avere rilevanza nel mondo di oggi. Se il femminismo continua a mantenere il suo sguardo eurocentrico, ha perso. Le femministe della classe media in Europa devono smettere di credere di poter “aiutare” le donne razzializzate in altri paesi economicamente più poveri. Devono capire che l'aiuto è temporaneo. E devono smettere di sfruttare la “classe premurosa” essenzialmente razzializzata che fa lavori di merda in modo che loro stesse possano essere uguali ai loro uomini. La lotta unitaria, nazionale e globale, in cui donne (e uomini) di ogni tipo di origine lottano insieme per una liberazione comune dal patriarcato, dal sessismo, dal liberalismo e dal capitalismo, è l’unica cosa che può salvare il femminismo, conclude Françoise Vergès. Parole forti da uno scrittore forte.

Abbonamento NOK 195 al trimestre