Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Carima Tirillsdottir Heinesen

Ex giornalista per MODERN TIMES.

Ministero della pace

Possiamo fermare la guerra con la guerra? No, credi a diverse organizzazioni nel movimento pacifista norvegese. Fino alle elezioni di settembre, stanno intensificando il loro lavoro per il loro Ministero della Pace. 

La verità dell'uno, la verità dell'altro e la verità

Andrei Nekrasov: The Magnitsky Act – Behind the Scenes
I registi di documentari norvegesi sono stati ingannati? Ny Tid indaga sulle accuse in un film controverso che NRK sta ora valutando di mostrare. 

Vuoi assegnare il tuo tesoro alla pace?

I TEMPI MODERNI hanno calcolato che le organizzazioni di pace avrebbero potuto trasferire 100 milioni attraverso un tale schema. Quando un governo può rispettare il diritto dei cittadini di rifiutare di partecipare direttamente alla guerra, lo Stato dovrebbe anche essere in grado di concedere ai cittadini il diritto di rifiutare di pagare per la stessa guerra, ritiene l'Alleanza fiscale per la pace in Norvegia. ?

Movimenti fiscali per la pace a livello internazionale

Il movimento fiscale per la pace è sostanziale, con attivisti in una vasta gamma di paesi.

Medico asilo xenofobo a Trandum

"Costruisci un muro di confine contro la Svezia – non aspettare fino a quando l'invasione è in corso!"

Assistenza sanitaria inadeguata

Numerosi tentativi di suicidio, uso frequente dell'isolamento e mancanza di follow-up psichiatrico: il servizio sanitario di Trandum deve affrontare sia preoccupazioni che critiche.

Punito per aver protestato

Gli agricoltori e le popolazioni indigene in America Latina sono soggetti a sanzioni governative e militari.

Resistenza palestinese sul poster

Cosa combattono esattamente i palestinesi con l'occupazione israeliana? Questa è una domanda pervasiva quando il Comitato misto sulla Palestina organizza la conferenza di quest'anno il 16 ottobre.

Vuoi mostrare un'altra Siria

Di recente, Space ha organizzato una conferenza di tre giorni presso la Literature House di Oslo. "Le persone non fuggono in Europa o in Norvegia perché vogliono una nuova vita. In effetti, la maggior parte delle persone preferirebbe rimanere nei paesi vicini ", afferma l'attivista siriano per i diritti umani.