Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

In attesa attiva

Questa settimana è stata un anno dall'inizio della ribellione contro il regime di Assad. Mentre Svezia e Canada reagiscono con la propria politica estera, il ministero degli Esteri norvegese attende l'UE. La Norvegia è stata il paese numero 46 a riconoscere l'opposizione in Libia. Il governo rosso-verde ha promesso a Soria Moria di stare al passo. Dopo il dialogo di Hamas nel 2006, la Norvegia è ora terminata tra le ultime, sottolineano i ricercatori.


(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Provvisorio. Il 15 marzo, è trascorso un anno da quando la ribellione contro l'unico sovrano siriano Bashar Al-Assad è iniziata quando i bambini hanno protestato nella piccola città di Daraa. Un anno dopo, 8000 civili sono morti, secondo le Nazioni Unite.

Il 5 marzo il Canada ha deciso di chiudere la sua ambasciata a Damasco, in segno di protesta per l'attacco del regime alla popolazione civile. Lo stesso è stato fatto da paesi europei come Svizzera, Spagna, Regno Unito e Francia. In Svezia, saranno stabiliti contatti formali con l'opposizione siriana, Consiglio nazionale siriano (SNC).

Segretario di Stato canadese John Baird ha trasmesso al regime la scorsa settimana il seguente messaggio: "Continuiamo a ripetere: Assad deve andarsene. Il cambiamento avverrà. I siriani avranno la loro giornata – e il Canada è al fianco del popolo siriano nella lotta per una vita migliore e più brillante futuro. "

Ma dall'altra parte dell'Atlantico, e contrariamente a Svezia e Svizzera, la Norvegia ha scelto di non assumere la guida di una politica estera norvegese indipendente. Il Ministero degli Affari Esteri è stato in ritardo nell'ultimo anno, rispetto ad altri paesi europei, nel riconoscimento dell'opposizione in vista dei cambi di potere in Tunisia, Egitto e Libia.

- annuncio pubblicitario -

Facsimile: New Time 16 marzo

Ora l'attenzione è sul regime siriano. Il ministero norvegese degli Affari esteri fa piuttosto riferimento alle decisioni di consenso dei 27 Stati membri dell'UE. E reazioni più forti, come la chiusura delle ambasciate, non sono all'ordine del giorno:

- Abbiamo sempre creduto che chiudere gli occhi e le orecchie chiudendo le ambasciate sia uno strumento politico inadatto. Insieme, tra gli altri, ai nostri amici nordici, scegliamo altri metodi per segnare la distanza politica dal regime siriano. La presenza fornisce anche un'opportunità per continuare il contatto con i gruppi di opposizione in Siria, afferma il Segretario di Stato Torgeir Larsen (Manodopera) a New Time. 


L'impegno di Soria Moria

La Primavera Araba è l'evento più tumultuoso del periodo di governo rosso-verde dall'autunno del 2005 ad oggi. Dopo la vittoria elettorale nell'autunno del 2005, il governo di coalizione tra il partito di centro, il partito laburista e il partito socialista di sinistra doveva spingere la politica estera norvegese a sinistra. Dovrebbe essere più solidale di Bondevik I-II e Stoltenberg I.

"La Norvegia deve essere una chiara nazione di pace. Il governo rafforzerà il contributo della Norvegia alla prevenzione, mitigazione e risoluzione dei conflitti ", afferma la Dichiarazione di Soria Moria. Con SV al governo, la Norvegia nel mondo sarebbe diventata un attore ancora più progressista. Il progetto di governo, basato sulla dichiarazione di Soria Moria, è stato definito "il progetto di governo più radicale d'Europa".

All'inizio sembrava così a molti. Dopo che Hamas ha vinto le elezioni palestinesi nel gennaio 2006, è stato percepito esternamente che Støre e la Norvegia hanno fatto molto per riconoscere il movimento. Questo è stato solo un paio di mesi dopo che i rosso-verdi avevano assunto gli uffici del governo. In un'intervista a TV 2 nel gennaio 2007, ha detto il leader di Hamas Khaled Meshaal:

"Apprezziamo molto il governo norvegese e le sue politiche, che sono diverse da quelle europee e americane. "Sia per quanto riguarda la questione palestinese in generale che per Hamas in particolare". Nello stesso lungometraggio, Jonas Gahr Støre si confronta con le conversazioni che ha avuto al telefono con il leader di Hamas l'anno prima.

Tuttavia, pochi seguirono la Norvegia. E George W. Bushal governo non piaceva questa arbitrarietà. Il ministero degli Affari esteri ha anche dovuto, dopo diversi resoconti dei media, nel 2010 pubblicare una recensione separata sul suo sito web: "I fatti sull'atteggiamento della Norvegia nei confronti di Hamas" sottolinea che "la Norvegia non ha mai riconosciuto Hamas né stabilito legami a livello politico con il movimento ".

La domanda è se l'approccio ad Hamas, e quello che sembra un successivo ritiro dopo forti critiche, sia l'eccezione nel periodo del governo rosso-verde? È per questo che Støre ha sottolineato i pericoli di essere troppo avanti in politica estera, in un'intervista a Ny Tid a novembre: Là Støre ha messo in guardia sul rischio di essere un pioniere della politica estera: "Se sei un" capofila ", allora devi anche preparati a correre su binari che non portano avanti. Dobbiamo quindi essere realistici e audaci allo stesso tempo ", ha detto all'epoca il ministro degli Esteri.

E a Damasco, l'incaricato d'affari presso l'ambasciata norvegese, Aud Lise Norheim, afferma che nell'ultimo anno la presenza della Norvegia nel paese controllato dal regime nella pratica è cambiata poco.

- Il follow-up della crisi politica interna è diventato sempre più il compito principale dell'ambasciata. I progetti nei settori dell'aiuto allo sviluppo, della cultura, degli affari e della promozione norvegese e della cooperazione bilaterale sono naturalmente diventati meno prioritari durante la rivolta popolare, dice Nordheim a Ny Tid.

107 anni all'estero

L'obiettivo di una politica estera norvegese indipendente era una delle forze trainanti dietro coloro che hanno combattuto per lo scioglimento dell'unione con la Svezia nel giugno 1905. 100 anni dopo, i ricercatori della NUPI Halvard Leira e Iver B. Neumann hanno scritto la storia dello straniero norvegese servizio.

Questo libro è stato ufficialmente nominato Attivo e in attesa. Vita del servizio estero 1905-2005 (Pax Forlag 2005). Ma Ny Tid oggi può dire che il libro dovrebbe effettivamente essere chiamato Attivamente in attesa di 100 anni, che dà un significato completamente diverso. Il Ministero degli Affari Esteri norvegese ha protestato contro la proposta dell'editore e ha chiesto un titolo diverso. O come dice il Ministero degli Affari Esteri:

- Gli autori sono approdati al titolo Attivo e in attesa in consultazione con il comitato di contatto del ministero degli Affari esteri nell'autunno 2004, afferma il consulente per la comunicazione Kjetil Elsebutangen.

Halvard Leira, autore e ricercatore senior presso l'Istituto norvegese di politica estera, dice a Ny Tid che il termine "attesa attiva" è usato per un atteggiamento generale nel sistema del Ministero degli Esteri: si è attenti a lanciarsi in processi interni in altri paesi. Sottolinea che questo non è anormale nemmeno per i servizi esteri di altri paesi. Tuttavia, sembra controverso ammettere che sei seduto sul recinto.

- La diplomazia è per sua natura attivamente esitante. Segui la corrente. Sei sulla situazione, ma non troppo, dice Leira.

- Come descriveresti la politica estera norvegese oggi?

- La Norvegia è pragmatica. In alcuni campi e in alcune situazioni ci mescoliamo al desiderio del cuore, basato su una nozione liberale che conosciamo meglio. Altre volte no. La Norvegia diventa così spesso un paese piccolo e coerente con una linea poco chiara su come ci relazioniamo alla sovranità degli altri paesi, dice Leira.

La linea pragmatica verso la Norvegia prevale quindi in quanto la Norvegia in alcuni casi reagisce in modo molto rapido. Ma in alcuni casi recenti, Støre non è "il primo nella classe dei diplomatici", ma piuttosto tra gli ultimi a prendere posizione:

Già nel 1949 la Norvegia riconobbe la Cina comunista di Mao. Questo avvenne un paio di decenni prima che l'ONU e gli Stati Uniti facessero lo stesso, nel 1971. Anche il contatto con Hamas e il riconoscimento parziale di Hamas come rappresentanti eletti erano in prima linea. Ma durante la rivolta popolare in corso contro i regimi nei paesi arabi, molti hanno sottolineato che la Norvegia sia nel 2011 che nel 2012 è stata sorprendentemente passiva, o esitante.

La politica estera norvegese è quindi anche caratterizzata da un atteggiamento attendista "siediti sulla barriera" e da un coinvolgimento attivo, afferma Leira.

- Uno non è coerente e di principio, ma pragmatico. Il pragmatismo bilancia la considerazione della sovranità statale di altri paesi da un lato e la considerazione delle norme collettive internazionali, come i diritti umani, dall'altro NUPIil ricercatore.

Allo stesso tempo, Leira sottolinea che la visione del mondo di base dei rappresentanti eletti norvegesi si basa su una cosiddetta visione del mondo liberale: la comprensione che il mondo si sta muovendo nella giusta direzione e che è possibile svolgere un ruolo nel cambiamento che sta accadendo.

- Oltre il 90 percento, da SV fino al Partito del progresso, concorderà sul fatto che il mondo può essere un posto migliore e che la Norvegia può svolgere un ruolo nel lavoro per spostare il mondo nella giusta direzione. Questa è anche la linea principale e il punto di partenza per la politica dell'attuale governo, afferma Leira.

- Ma perché sei così titubante, se vuoi anche fare l'attore?

- Il pragmatismo e la realpolitik sono in qualche modo più forti sotto Støre che nel periodo 1990-2005. La Norvegia riconosce che siamo un paese con risorse relativamente limitate, un paese che non può combattere tutte le battaglie. Inoltre, Støre enfatizza gli interessi personali norvegesi in un modo nuovo, afferma Leira.

I successori

È stato con un post di microblog che il Primo Ministro Jens Stoltenberg divenne noto per aver reagito pubblicamente alla crisi in Siria. Domenica 4 marzo alle 12.18, gli oltre 130.000 follower del Primo Ministro su Twitter hanno potuto leggere il messaggio del Ministro del Lavoro:
"Il regime siriano deve smetterla di uccidere la sua stessa gente. Il presidente al-Assad deve dimettersi ".

Ma già il 18 luglio 2011, il ministro degli Esteri svedese, Carl Bildt, ha detto lo stesso, e pubblicamente in una riunione dei ministri degli esteri dell'UE. All'epoca Bildt disse apertamente che il regime di al Assad doveva cedere il passo a un nuovo regime, questo è abbastanza ovvio. Il tempo di questo regime è finito, ha perso credibilità e legittimità ».

Due mesi dopo, il 18 agosto, ba Angela Merkel, David Cameron, Barack Obama og Nicolas Sarkozy piu 'o meno lo stesso. Poi per primo, esattamente un mese dopo il suo collega conservatore nel paese dell'Unione Svezia, seguì anche la Norvegia. Jonas Gahr Støre ha dichiarato ai media norvegesi lo stesso giorno che al-Assad "ha ripetutamente rifiutato le chiamate internazionali a riconsiderare il problema. La richiesta di dimissioni è un chiarimento di un atteggiamento che si è costruito ».

Ma queste dichiarazioni sono arrivate dopo che era chiaro che i 27 paesi dell'UE avrebbero concordato una dichiarazione di partenza. La Norvegia ha seguito i 27 paesi dell'UE il 24 agosto. Il governo ha quindi approvato un testo del Consiglio dell'UE, sulla proroga delle sanzioni dell'UE contro la Siria dal 18 agosto: «L'UE rileva che Bashar al-Assad ha perso ogni legittimità tra il popolo siriano e che deve dimettersi ".

Il ministero degli Esteri nega di essere stato in ritardo nel chiedere le dimissioni di Assad. Sottolineano di aver sempre seguito la linea dell'UE nei confronti della Siria. E che in diverse occasioni si sono incontrati con i rappresentanti del Consiglio di transizione siriano.

- Questo è presentato in modo errato. La Norvegia si è unita a questa richiesta lo stesso giorno dell'UE e degli Stati Uniti, il 18 agosto 2011, ampiamente trattato dai media norvegesi, afferma il Segretario di Stato Torgeir Larsen (Manodopera) a New Time.
Portavoce internazionale del Partito Liberale, Ola Elvestuenritiene tuttavia che la Norvegia debba fare di più.

- La comunità internazionale ha riconosciuto il Consiglio nazionale siriano come partner di dialogo, la Norvegia dovrebbe fare lo stesso, dice Elvestuen a Ny Tid.

Questa è l'introduzione al numero principale nel numero del settimanale Ny Tid del 16 marzo. 2. Ulteriori informazioni nel numero di questa settimana, in vendita nei negozi di tutto il paese. Ricevi l'edizione gratuita iscrivendoti (Abo@nytid.no)O clicca qui

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato