Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Assange e la parola libera

L'arresto di Assange riguarda un "arresto della democrazia".

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Il teologo conservatore e poi presidente del Consiglio mondiale della Chiesa Martin Niemöller pronunciò le seguenti parole sui nazisti dopo essere stato imprigionato nei campi di concentramento dal 1937 al 1945:

Prima hanno preso i comunisti
ma non mi importava
perché non ero un comunista.

Quindi presero i socialdemocratici
ma non mi importava
perché non ero un socialdemocratico.

Quindi hanno preso le persone del sindacato
ma non mi importava
perché non ero un sindacalista.

- annuncio pubblicitario -

Quindi presero gli ebrei
ma non mi importava
perché non ero ebreo.

Alla fine mi hanno preso. Ma poi a nessuno fu lasciato preoccuparsene.

I media sono unidirezionali

Esistono diverse versioni della poesia di Niemöller. Storicamente, i nazisti hanno prima arrestato comunisti, socialdemocratici e leader sindacali. Il punto è che il potere di governo attacca gruppo dopo gruppo, e presto non è rimasto nessuno che osa dire qualcosa.

I media stanno diventando sempre più unidirezionali. Gli istituti accademici sono allineati e chiunque dica qualcosa di critico viene attaccato e lavato all'indietro. C'è una lettera o una telefonata da qualcuno all'editore / direttore, che sta cercando di sbarazzarsi del critico. Molte volte, anche oggi, si scopre che è solo a causa dei sindacati che è ancora possibile dire qualcosa, perché non è possibile licenziare immediatamente le persone in una posizione permanente.

Oggi sappiamo che tutti i veri argomenti per la guerra in Afghanistan, Iraq, Libia e Siria sono stati segreti. Tutto ciò che leggiamo sui giornali allo scoppio della guerra su Saddam Husseins Armi di distruzione di massa e la minaccia di Muammar Gheddafi a Bengasi era una bugia – e i responsabili lo sapevano. Centinaia di migliaia, forse un milione di persone sono state uccise a causa di queste bugie. Tutti i principali quotidiani e canali televisivi ci hanno fornito informazioni false. È solo attraverso le fughe del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, dell'ex intelligence e dei dipendenti Email di Hillary Clinton che oggi sappiamo qualcosa di ciò che è realmente accaduto. Queste perdite – come Julian Assange e WikiLeaks pubblicato – reso necessario per i principali quotidiani di scrivere sul caso. Le perdite hanno permesso agli accademici e ai giornalisti di dire qualcosa, senza rischiare la propria posizione e senza essere messi sul terreno nudo.

Senza queste perdite, nel mondo di oggi non potremmo parlare di democrazia. A tale proposito, l'arresto di Assange riguarda un "arresto della democrazia", ​​la possibilità di dire qualcosa di aperto.

Rondella posteriore Assange

Già nel marzo 2008, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha presentato piani per abbattere la credibilità di WikiLeaks e per lavare indietro Assange. Ciò ha portato molti giornalisti a dire che a loro non importa perché non hanno più nulla per Assange. Ma se vengono presi, "non c'è più nessuno a cui preoccuparsi".

Assange è stato criticato non solo per aver trasmesso fughe di altre persone, ma per aver presumibilmente violato il server del Comitato Nazionale del Partito Democratico (DNC), che avrebbe dovuto essere illegale e immorale. Questa è una bugia, dice William Binney. È un ex direttore tecnico della National Security Agency (NSA) e quello al mondo che può sapere di più su queste cose. Ha analizzato il materiale DNC insieme ad altri analisti della NSA. L'analisi tecnica mostra che Assange non ha potuto accedere al materiale attraverso un "hack". Le tracce nel materiale mostrano, secondo l'analisi tecnica di Binney e di altri, che il materiale era stato scaricato internamente su un chip di memoria o CD-ROM. Non era stato trasmesso su Internet. Binney poteva provare che ce n'era stato uno perdita dal DNC e non un "hack".

Il presidente Donald Trump chiese all'attuale segretario di Stato, l'allora capo della CIA Mike Pompeo, di parlare con Binney per scoprire cosa fosse successo. Binney e Pompeo (che hanno descritto WikiLeaks come un servizio di intelligence ostile) hanno parlato per un'ora, ma secondo Binney non è mai stato più contattato, nonostante si tratti di informazioni di grande importanza per il presidente Trump.

Prova tecnica

Robert Mueller – che ha consegnato il suo rapporto su Trump a metà aprile – afferma che si trattava di "hacking". Ma non è stato in grado di confutare Binney e il suo team NSA – Mueller non li ha contattati. Mueller, per inciso, era il capo dell'FBI del presidente George W. Bush, nel febbraio 2003 concluse che l'Iraq aveva e avrebbe colpito con armi di distruzione di massa. Ma tutto era una bugia – quasi un milione è morto nella guerra in Iraq. Qui, molti altri furono uccisi in seguito alle affermazioni di Mueller e di altri nel 2003 di quanto non fossero stati uccisi nei campi di concentramento in Germania al tempo in cui Martin Niemöller fu preso dai nazisti.

Perché i mass media si fidano di Mueller ora, sapendo che in precedenza aveva fornito informazioni false? Perché si fidano di lui quando afferma che Assange o qualcuno nella sua cerchia avevano violato il server DNC – nonostante i precedenti esperti della NSA affermassero che le prove tecniche mostrano il contrario? Come è possibile per tutti i principali media dire lo stesso senza fare domande? Le prove tecniche non sembrano più avere importanza. Nessuno nei media più grandi osa parlare più apertamente. L'unica cosa che conta è la perdita, e quando viene arrestato l'informatore, sono molte meno le persone che osano dire qualcosa.

LEGGI ANCHE: Sono Julian di John Y. Jones
e: Oggi è Assange, chi sarà la prossima volta?

Se Jason Ross intervista William (Bill) Binney l'11 aprile
in relazione all'arresto di Assange.

 

Ola Tunander
Tunander è professore emerito di PRIO. Guarda anche wikipedia, hos PRIO, oltre a una bibliografia su Pietra d'acqua

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Surreale / Le sette vite di Alejandro Jodorowsky (di Samlet e a cura di Bernière e Nicolas Tellop)Jodorowsky è un uomo pieno di arroganza creativa, illimitato impulso creativo e completamente senza desiderio o capacità di scendere a compromessi con se stesso.
Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato