Aperto e critico riguardo al lavoro per la CIA

Life Undercover – Diventare maggiorenne nella CIA
Forfatter: Amaryllis Fox
Forlag: Ebury Press (Storbritannia)
SOTTO COPERTURA / L'agente della CIA Amaryllis Fox ha sviluppato algoritmi che prevedono atti terroristici e racconta i metodi di lavoro della CIA nella sua sorprendente ed emozionante biografia.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

"Se c'è stata una cosa che ho imparato ai miei tempi come agente della CIA", ha affermato Volpe Amarillide in un video sul sito web IrishCentral, "è che tutti pensano di essere 'il bravo ragazzo'".

Durante il suo mandato come agente della CIA, Fox ha operato senza immunità diplomatica in 16 diversi paesi in Africa, Asia e Medio Oriente. Non avere l'immunità diplomatica è molto rischioso, in quanto significa che non si ha alcuna forma di protezione dal proprio paese di origine. Volpe se ne andò CIA 2010 e divenne nota quando sei anni dopo iniziò a parlare pubblicamente delle sue esperienze. Trovo che le sue critiche alle autorità americane siano coraggiose, interessanti e importanti.

Una delle cose più preziose di questo libro è che racconta così apertamente come funziona effettivamente la CIA: "Ho un'idea di come le domande diventino risposte", scrive: "Gli agenti sul campo si rivolgono a fonti clandestine, talpe nel terrore organizzazioni o governi stranieri e chiedere loro chiarimenti durante gli incontri automobilistici notturni o le passeggiate nei vicoli secondari”.

Collabora con la giunta in Birmania

A scuola, Amaryllis Fox era molto sola. Ma un giorno un insegnante gliela regala Walden di Henry David Thoreau, e il libro le cambia la vita. Legge anche il libro Disobbedienza civile dello stesso autore e sviluppa un forte impegno per la giustizia sociale.

A 17 anni si prende un anno di pausa dalla scuola e si iscrive per un altro viaggio Tailandia per assistere le persone in fuga dalla giunta militare birmana. Nel campo profughi incontra il dissidente e scrittore birmano Min Zin, che le dice che c'è bisogno di persone che possano smascherare i metodi del regime militare birmano.

Cooperando con la giunta birmana, che ha un disperato bisogno di entrate, Fox ottiene un visto. Poi incontra Daryl, che lavora per una società giapponese che investe in Birmania. Suggerisce di fingere di essere una coppia sposata in viaggio d'affari per ottenere i visti per il paese, dove filmeranno il regime sotto copertura.

Arriva in Thailandia attraverso la Thailandia Birmania e incontra il dissidente Aung San Suu Kyi, che è agli arresti domiciliari, la filma e la intervista. Sia Fox che Daryl vengono privati ​​dei loro passaporti e interrogati dalla giunta birmana, ma sorprendentemente evitano di essere smascherati.

Volpe Amarillide
Volpe Amarillide

Il terrorismo si svela con gli algoritmi

Dopo il soggiorno in Birmania, Fox contatta la BBC con l'obiettivo di pubblicare l'intervista ad Aung San Suu Kyi, mentre contemporaneamente segue un programma di studi internazionali sul terrorismo all'Università di Oxford. Una professoressa le chiede se ha sentito parlare di Al Qaeda.

Fox sviluppa un algoritmo che può essere utilizzato per smascherare i terroristi prevedendo l'attività terroristica e lo offre alle agenzie di intelligence.

Mentre aspetta le risposte dalle agenzie, viaggia con Daryl nel delta del Mekong nel Vietnam sudoccidentale, fa amicizia con gli orfani in Cambogia e viaggia in barca fino a Penang in Tailandia. Da lì il viaggio prosegue verso Timor Est, lo stesso giorno in cui il Paese viene liberato dall'Indonesia. Dopo un po' torna negli Stati Uniti, a Washington (DC) e alla Georgetown University.

Ci si può chiedere di che materiale è fatta questa persona: chi può sopportare di guardarla
centinaia di video di decapitazioni?

Georgetown ha un agente della CIA in azione, un uomo simile a Babbo Natale di nome Dallas Jones. Fox riceve una risposta positiva dalla CIA sull'algoritmo e gli viene chiesto di condividerlo con Jones. Le viene dato l'indirizzo di un hotel ad Arlington. Lì viene intervistata e sottoposta al test del poligrafo e a test psicologici in vista di un possibile nulla osta per la CIA.

Bomba atomica a New York

Poco dopo, le viene detto che deve prepararsi per l'autorizzazione massima per la CIA, ora presso il loro quartier generale in Virginia. Si prepara allo sgombero guardando centinaia di video di decapitazioni. Allo stesso tempo, sta completando la sua tesi di master sul terrorismo alla Georgetown University.

Dopo l'autorizzazione, Fox viene inviato a Karachi per denunciare il lavoro dei militanti di Al Qaeda, dove l'obiettivo è impedire lo sviluppo di una bomba nucleare che potrebbe essere utilizzata sul suolo americano nel prossimo futuro.

Le informazioni che ottiene sono a dir poco spaventose: Al Qaeda probabilmente ha una bomba nucleare piazzata da qualche parte a New York. Fornisce un rapporto dopo l'altro che parla di "una possibile Hiroshima americana" e che l'obiettivo principale dei terroristi è uccidere almeno quattro milioni di americani come vendetta per l'omicidio di civili musulmani.

Anche se nel libro a volte appare politicamente ingenua – ad esempio, manca una versione aggiornata e rivista della politica di Aung San Suu Kyi – il libro è allo stesso tempo emozionante e ricco di contenuti. Tutto è chiaramente possibile finché sei abbastanza intelligente, abile e curioso. Ci si può anche chiedere lentamente di che tipo di materiale è fatta questa persona: chi può sopportare di guardare centinaia di video di decapitazioni?

L'arte di mentire

Amaryllis Fox non è così facile da conoscere, e tutto il rumore delle celebrità intorno a lei rende un po' difficile conoscerla. Dopotutto, il lavoro sotto copertura richiede che tu sia abile nel mentire, per qualsiasi cosa, dalla famiglia ai regimi ostili.

Buona parte delle informazioni che fornisce sembrano basate sulla sua affermazione di avere in cambio informazioni che in realtà non ha.

D'altronde Fox scrive bene di quanto poco serva per essere arrestato e sospettato di organizzazione terroristica per qualcuno che ha un nome dal suono straniero e simile a troppi altri: rischi di essere tenuto prigioniero e torturato per mesi, e poi , se uno è fortunato, viene rilasciato senza né scuse né spiegazioni.

Il messaggio politico del libro è davvero semplice: "Dobbiamo imparare a comprendere il nemico. Non lì vi essere invaso, cioè vi che invade. Sono gli altri ad essere Luke Skywalker, e lo è vi che è 'Gli alieni', non il contrario.»

Abbonamento NOK 195 al trimestre