Ordina qui l'edizione estiva

Accusando l'ONU

L'Eritrea arriva con aspre critiche a quello che il paese chiama l'atteggiamento parziale delle Nazioni Unite nei confronti del conflitto tra Eritrea ed Etiopia.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

In una dichiarazione ufficiale del Ministero degli Affari Esteri del Paese, lunedì di questa settimana, le Nazioni Unite sono accusate di avere "pregiudizi radicati" contro l'Eritrea. Il punto centrale dell'attacco contro l'ONU è che la comunità internazionale non ha obbligato l'Etiopia ad accettare un confine vincolante tra i paesi. Il Ministero degli Affari Esteri eritreo ritiene che questo sia "terribile" e "una parodia della giustizia internazionale".

La dichiarazione attacca anche il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan per il suo ultimo rapporto al Consiglio di sicurezza. Secondo l'Eritrea, l'Etiopia ignora l'accordo nato dopo la sanguinosa guerra tra questi due paesi vicini dal 1998 al 2000, che Annan trascura.

Nel novembre 2005, il Consiglio di sicurezza ha minacciato entrambi i paesi di sanzioni se le ostilità si fossero ripresentate. Il Consiglio di sicurezza ha lanciato un avvertimento speciale all'Eritrea affinché il Paese allenti le restrizioni imposte alle forze dell'ONU. L'Eritrea ha risposto chiedendo all'Onu di ritirare le sue forze dalla zona cuscinetto tra i due paesi. Ciò ha fatto temere a molti un'esplosione di ostilità.

L'Etiopia ha successivamente ritirato alcune truppe dai confini, mentre l'Eritrea si rifiuta di soddisfare qualsiasi richiesta del Consiglio di sicurezza, poiché tutte queste sono viste come "ingiuste".

- La triste verità è che tutto questo rumore avrebbe potuto essere evitato se l'Etiopia avesse rispettato l'accordo di pace e il Consiglio di sicurezza avesse fatto il suo lavoro, afferma il ministero verso la fine della dichiarazione.

Potrebbe piacerti anche