Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Andsnes in tutti i canali

Leif Ove Andsnes è ancora il migliore mai registrato.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

L'autunno è caratterizzato dal pianista Leif Ove Andsnes, con la pubblicazione simultanea del libro di ritratti di Astrid Kvalbein, un nuovo CD con i concerti di pianoforte di Rakhmaninoff e un DVD con un concerto di Posthallen a Oslo lo scorso anno.

Insoddisfacente

L'uscita del DVD Leif Ove Andsnes suona Bach e Mozart (EMI) consiste in un concerto che Andsnes e la Norwegian Chamber Orchestra hanno tenuto al Posthallen di Oslo nell'autunno del 2004, in concomitanza con l'uscita del loro CD dei concerti per pianoforte n.9 e 18 di Mozart. così come il primo e il secondo movimento del concerto n. 20. Inoltre, ottieni gli ultimi due movimenti dal concerto per pianoforte n. 5 di Johann Sebastian Bach. Tra questi, Andsnes commenta i movimenti. La pubblicazione contiene anche un'intervista ad Andsnes.

I concerti a Posthallen facevano parte della strategia della EMI per promuovere Andsnes come pop star. Ciò significa allontanarsi dalle forme tradizionalmente rigide della musica classica e concentrarsi sulla musica all'interno di un ambiente più intimo che enfatizzi la comunicazione tra esecutore e pubblico. Diciamo che in linea di principio sono un sostenitore di questo modo di pensare, anche se in nome del commercio. Tuttavia, si arriva a un punto in cui la “comunicazione” diventa centrale, e questo è il punto in cui vira verso il populismo. Non dico che in questo caso si sia arrivati ​​a questo punto, tutt'altro. Ma ho la sensazione che Andsnes dovrebbe stare attento.

L'ovvio svantaggio del DVD è ovviamente che non contiene opere complete, ma solo estratti. E anche se i brani sono suonati molto bene, ciò non basta; allora potresti anche comprare il CD, a meno che tu non stia cercando l'aspetto visivo. Inoltre, l'intervista lunga 25 minuti non è neanche lontanamente interessante o abbastanza profonda dal punto di vista musicale da rendere questa pubblicazione da consigliare.

Ritratto dell'artista come viaggiatore

Dopo che Andsnes divenne una "celebrità classica" a livello internazionale, era solo questione di tempo prima che uscisse il primo libro di ritratti su di lui. Dietro c'è il Norske Samlaget Leif Ove Andsnes. Compresa la musica, scritto da Astrid Kvalbein, che ha accompagnato Andsnes per un anno in tournée, prove, sessioni di registrazione e in contesti sociali con amici e familiari.

Non ci sono sorprese formali nel libro, che è strutturato in modo tradizionale e cronologico. Non so se ha qualcosa a che fare con la forma, ma a volte sembra che Kvalbein non riesca del tutto a separare ciò che non è importante da ciò che è importante, e spesso penso che possa diventare un po' prolisso, soprattutto in la preparazione ai grandi eventi. Tuttavia, il libro è generalmente caratterizzato da una buona maestria giornalistica, che nella migliore delle ipotesi rende il libro un "voltapagina". L’aspetto negativo di questa disinvoltura giornalistica è che il linguaggio purtroppo è banale e cliché in molti punti. Non mi aspetto finzione, ma quando il libro inizia con la frase "Leif Ove Andsnes è venuto al mondo come la maggior parte di noi; med eit vräl", assume un aspetto eccessivamente caratteristicistico, e il mio entusiasmo per il libro è frustrato, indipendentemente da ciò che deve trasmettere. Fortunatamente, però, gradualmente la situazione si stabilizza e Kvalbein riesce a trasmettere molto sui costi personali di essere un solista di livello mondiale con 250 giorni di viaggio all'anno.

Il problema con questo tipo di libri di ritratti è che, paradossalmente, possono essere sia troppo vicini che troppo distanti rispetto alla persona ritratta, dicendo entrambi troppo e troppo poco. In una certa misura è così anche con questo libro. Ottieni molte informazioni poco interessanti e banali e allo stesso tempo perdi molte domande più profonde sul rapporto con la musica e cosa significa a un livello più "metafisico" per Andsnes. Nonostante le obiezioni, questo è un libro che può essere consigliato a chi è appassionato di Andsnes in particolare o della musica classica in generale.

Il concerto per pianoforte come musica orchestrale

Anche Andsnes è uscito con un nuovo CD. Ha già registrato il Terzo Concerto per pianoforte di Rachmaninoff e continua a farlo Sergej Rachmaninoff: Concerti per pianoforte n. 1 e 2 (EMI). L'accompagnamento è di prim'ordine, con l'Orchestra Filarmonica di Berlino diretta da Antonio Pappano.

Andsnes deve affrontare una concorrenza formidabile in questo repertorio, in particolare sotto forma della superba registrazione del pianista polacco Krystian Zimerman con la Boston Symphony Orchestra sotto la direzione di Seiji Ozawa, apparsa su Deutsche Grammophon due anni fa.

Andsnes e Zimerman hanno una serie di caratteristiche comuni come pianisti: entrambi possono essere definiti "sobri" ed evitano volgari esagerazioni. In questi lavori, tuttavia, le loro differenze mostrano. Il modo di suonare di Zimerman è soprattutto caratterizzato da una brillantezza cristallina, quasi dura, un modo di suonare muscoloso che quasi ritaglia le frasi. Inoltre ha un approccio libero, che gli permette di essere a volte molto espansivo. Nelle parti potenti Zimerman trae vantaggio proprio da questo, dal fatto di non trattenere nulla.

Il fatto che Zimerman sembri più potente di Andsnes nell'attacco potrebbe anche avere qualcosa a che fare con il fatto che è più prominente nel panorama sonoro di questo. Mettere più sullo stesso piano le voci soliste e quelle orchestrali e integrarle sembra una scelta consapevole da parte dei produttori del disco di Andsnes, e il vantaggio è che si sente di più la trama orchestrale, sì, la musica è in misura maggiore musica orchestrale piuttosto che pianoforte con accompagnamento. E quando l'orchestra è la Filarmonica di Berlino, questo è un grande vantaggio.

L'interpretazione di Andsnes è più introspettiva, più lirica e meno ovviamente brillante. Il suo approccio ripaga nelle parti liriche, ad esempio nel secondo movimento del secondo concerto. L'interazione tra pianoforte e orchestra qui e la pennellata di Pappano dei dettagli fini è assolutamente perfetta. Questo è un approccio che fa emergere molte delle sfumature, ed è quindi forse una lettura più complicata dell'opera.

Dover scegliere quale tra i due sia “migliore”, diventa inutile quando le interpretazioni ed il gioco sono a tale livello. Ciò che si preferisce diventa semplicemente una questione di cosa si cerca in questa musica.

Potrebbe piacerti anche