Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Protezione ambientale nel segno dell'evoluzione

Ambientalismo: un approccio evolutivo
Forfatter: Douglas Spieles
Forlag: Routledge (Storbritannia)

Nel peggiore dei casi, la visione romantica della natura può ostacolare un lavoro di protezione ambientale adattabile, afferma il professore di studi ambientali Douglas Spieles in un nuovo libro.

La protezione ambientale può essere intesa come una caratteristica evolutiva dell'umanità? Una tale prospettiva fornirà nuove intuizioni sulle contraddizioni interne della politica verde e allo stesso tempo ci aiuterà a pensare attraverso quale protezione ambientale dovrebbe essere? Il professor Douglas Spieles è ambizioso Ambientalismo: un approccio evolutivo. Ci vuole un po 'per capire cosa sta cercando di ottenere, ma il lettore paziente viene ricompensato con importanti approfondimenti.

Secondo Spieles, la nostra disponibilità ad assumerci la responsabilità per le altre persone e per il mondo non umano è un fondamento sia per la civiltà moderna in generale che per l'idea di protezione ambientale più specificamente. Tuttavia, questa responsabilità è stata intesa in vari modi, sia filosoficamente che politicamente. Quello che stiamo affrontando non è quindi univoco, piuttosto ambiguo e commovente. Ciò ha contribuito alle contraddizioni interne del movimento verde. L'uomo è al di sopra della natura o ne facciamo parte? La nostra relazione con l'ambiente naturale dovrebbe essere intesa in termini materialistici o spirituali? Il motivo per proteggere l'ambiente è incentrato sull'uomo o sull'ecocentrismo? Le nostre azioni dovrebbero essere radicate nell'individuo o nel collettivo, e dovrebbero essere le nostre orientering essere locale o globale?

Ambigua responsabilità dell'umanità

Questo paesaggio poco brillante e ambiguo è indubbiamente complesso da affrontare. L'effetto della contraddizione è che le persone verdi con un impegno condiviso possono avere percezioni completamente diverse di ciò che stiamo affrontando. Molti trovano presto il loro ancoraggio e da ciò deducono argomentazioni oblique. È quindi impegnativo, ma tanto più importante, stabilire una posizione che salvaguardi le diverse prospettive.

Dobbiamo solo riconoscere che non è la natura in quanto tale che dovremmo salvare, ma le nostre condizioni di vita.

A questo proposito, la mia paternità verde e il libro di Douglas Spiele risuonano. Può sembrare che il mio progetto di scrittura mi abbia aperto al valore della sua prospettiva. Dice che l'umanità, attraverso l'evoluzione sociobiologica, ha sviluppato sia la volontà di cooperare sia la capacità di creare scenari diversi (il che significa che possiamo comprendere mentalmente la differenza tra passato, presente e futuro). Questi fattori sono stati decisivi per l'emergere del pensiero ambientale in cui cerchiamo di frenare i cambiamenti creati da noi stessi. Allo stesso tempo, l'evoluzione socioculturale, con le sue norme e costruzioni mentali, ci ha portato dalle società di cacciatori-raccoglitori attraverso la coltivazione della terra e l'estrazione di minerali verso l'industrializzazione e una società di massa gradualmente più sintetica. La nostra capacità di cambiare l'ambiente naturale è diventata sempre più potente, mentre stiamo registrando sempre più gli effetti delle nostre attività.

- annuncio pubblicitario -

Attraverso la presentazione della nostra evoluzione biologica e culturale, Spiele evidenzia sia lo sviluppo dell'umanità sia le ambiguità da cui è stata caratterizzata. Il paesaggio diventa non meno complesso man mano che il libro si sposta ulteriormente nell'evoluzione socioeconomica, che viene discussa attraverso temi come il capitalismo, il lavoro, la crescita e le esternalità dannose per l'ambiente. Questo è seguito da capitoli sull'evoluzione socio-ecologica, socio-spirituale e socio-estetica. La volontà di ascoltare in diverse direzioni è una chiara guida per tutto il libro.

L'evoluzione socio-ecologica

Ci sono molte sfumature che avrebbero potuto essere affrontate qui, ma concentriamoci sull'evoluzione socio-ecologica. Dal diciannovesimo secolo, il pensiero occidentale è stato caratterizzato dall'intuizione che il nostro sviluppo sociale è radicato in un contesto ecologico che simultaneamente influenziamo e influenzeremo sempre. Tuttavia, questa intuizione non è una verità chiusa. Al contrario, la comprensione dell'ecologia e degli ecosistemi è stata contrassegnata da sconvolgimenti ed è cambiata nel corso degli anni.

Secondo Spieles, la nostra volontà di assumerci la responsabilità è una base sia per la civiltà moderna in generale, sia per l'idea di protezione ambientale in modo più specifico.

Per molto tempo, il pensiero ecologico è stato caratterizzato da una prospettiva olistica-romantica. Uno prevedeva una natura naturale caratterizzata da stabilità, equilibrio, equilibrio e cooperazione, che dovremmo fare tutto il possibile per farci vivere senza la nostra influenza. Una buona parte della riflessione ambientale degli anni '1970, con Arne Næss e la profonda ecologia come esempio centrale, si formò lungo questa linea di pensiero. La natura selvaggia incontaminata è in qualche modo l'ideale in questo modo di pensare. La sfida è che questa prospettiva è difficilmente valida dal punto di vista professionale. L'ecologia può essere facilmente descritta come una raccolta casuale di specie, all'interno di un ambiente naturale in continua evoluzione, in cui lotta e lotta sono importanti quanto l'interazione reciproca. Pertanto, dovremmo astenerci dal vedere un ecosistema come una società idealizzata e piuttosto considerarlo come una raccolta temporanea di varie entità. Ciò significa che non esiste una natura naturale da applicare, solo un numero infinito di nuovi adattamenti.

Fase di offset?

Nella misura in cui la visione romantica della natura si è radicata nel nostro pensiero, nel peggiore dei casi può ostacolare il lavoro di protezione ambientale adattabile. Tale affermazione non deve essere interpretata nel senso che i fattori di stress che aggiungiamo agli ecosistemi sono privi di problemi. Dobbiamo solo riconoscere che non è la natura in quanto tale che dobbiamo salvare, ma le nostre condizioni di vita. Quando sviluppiamo nuove tecnologie e adeguiamo il nostro stile di vita, si tratta soprattutto di ridurre le emissioni di carbonio, aumentare la biodiversità e migliorare le relazioni con l'ambiente naturale, in grado di rafforzare la sostenibilità ecosociale della società umana.

Sto scrivendo queste parole contemporaneamente al mio prossimo libro in preparazione per la stampa. Quello che vedo chiaramente è che il mio testo si è spostato nella stessa direzione di quello che sostiene Douglas Spieles. Potrebbe essere che il movimento verde sia in una fase di cambiamento, in cui noi ambientalisti stiamo cambiando chi siamo e cosa cerchiamo di ottenere? 

Svein Hammer
Hammer è un dr.polit. in sociologia e revisore regolare in Ny Tid.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Notifica / Il governo non ha rafforzato la protezione degli informatoriIl governo non ha dato seguito alla proposta del comitato di notifica, né al proprio difensore civico per le notifiche né al proprio comitato di notifica.
Finanza / Socialismo nordico – Verso un'economia democratica (di Pelle Dragsted)Dragsted ha una serie di suggerimenti su come i dipendenti possono ottenere una quota maggiore della "torta della comunità" – ad es. chiudendoli nelle stanze dei dirigenti aziendali.
Il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite / Segreti ufficiali (di Gavin Hood)Katharine Gun ha fatto trapelare informazioni sulla richiesta della NSA al servizio di intelligence britannico GCHQ di spiare i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in relazione alla prevista invasione dell'Iraq.
3 libri sull'ecologia / I gilet gialli hanno il pavimento, ... (di Mads Christoffersen, ...)Dai Gilet Gialli vennero nuove forme di organizzazione all'interno delle funzioni di produzione, alloggio e consumo. E con "Decrescita", a partire da azioni molto semplici come la protezione dell'acqua, dell'aria e del suolo. E il locale?
Società / Crollo (di Carlos Taibo)Ci sono molte indicazioni che si avvicina un crollo definitivo. Per molte persone il crollo è già un dato di fatto.
Chic radicale / Desiderio postcapitalista: le lezioni finali (di Mark Fisher (ed.) Introduzione di Matt Colquhoun)Se la sinistra vuole diventare di nuovo dominante, deve, secondo Mark Fisher, abbracciare i desideri che sono emersi sotto il capitalismo, non solo respingerli. La sinistra dovrebbe coltivare tecnologia, automazione, giornata lavorativa ridotta ed espressioni estetiche popolari come la moda.
Clima / 70 / 30 (di Phie Amb)Il film di apertura al Copenhagen DOX: i giovani hanno influenzato le scelte climatiche della politica, ma Ida Auken è il punto focale più importante del film.
Tailandia / Combattere per la virtù. Giustizia e politica in Thailandia (di Duncan McCargo)Una potente élite in Thailandia – la vicina del Myanmar – ha cercato negli ultimi dieci anni di risolvere i problemi politici del paese con i tribunali, il che ha solo esacerbato la situazione. In un nuovo libro, Duncan McCargo mette in guardia contro la "legalizzazione".
Surreale / Le sette vite di Alejandro Jodorowsky (di Samlet e a cura di Bernière e Nicolas Tellop)Jodorowsky è un uomo pieno di arroganza creativa, illimitato impulso creativo e completamente senza desiderio o capacità di scendere a compromessi con se stesso.
Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato