Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Alcolisti recitativi

The Ox: The Authorized Biography of John Entwistle / Small Hours: The Long Night of John Martyn
Forfatter: Paul Rees Graeme Thomson
Forlag: Hachette Books, Omnibus Press,, USA, Storbritannia

BIOGRAFIA DEL MUSICISTA: Un pasticcio beato di peccati di omissione, eccessi narcotici e immagini di sé gonfie ma fragili – intervallate dalla violenza?

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Qualche epoca culturale, compreso il Rinascimento, è stata oggetto di più libri di The Golden Age of Rock and Roll? Ad esempio, più di 3000 titoli sono stati pubblicati solo sui Beatles.

Penso che ci siano almeno un paio di migliaia di posti fino al numero due della lista, ma negli ultimi 40 anni la biografia musicale è cresciuta fino a diventare un genere con i suoi scaffali nelle librerie, il suo sottogenere e la sua storia letteraria. E, in linea con le persone che vengono biografate: le loro mode.

Dopo Keith Richards – la personificazione stessa della tesi che se ricordi gli anni '60 non c'eri – ha stabilito record di vendita con le sue memorie, Vita, arrivò il diluvio: Elton John, Bruce Springsteen, Neil Young con autobiografie piuttosto festive, un po 'cupe e piuttosto poco interessanti, rispettivamente. Il fatto che l'autobiografia debba essere lasciata vagamente a un gruppo di artisti che ha avuto come parte dell'istruzione di lavoro seminare disprezzo per la stampa, non sorprende nessuno che sia stato a una conferenza stampa con una pop star.

- annuncio pubblicitario -

Così sono le storie dei sopravvissuti che vengono raccontate nelle biografie di successo degli ultimi dieci anni, ma il genere in quanto tale è costruito sui morti. Nel 1981, una biografia rock è entrata per la prima volta nella lista dei bestseller del New York Times. Biografia di Jim Morrison Nessuno qui sopravvive ha risvegliato l'industria editoriale a capire che i milioni di persone che hanno acquistato dischi rock potevano, sorprendentemente, leggere anche. Negli anni '80, le biografie rock si occupavano spesso dei giovani morti, non ultimi i morbosi membri di 27 club Jimi Hendrix e Janis Joplin. Alla fine, Elvis Presley e John Lennon si unirono al corteo funebre.

La curva drammaturgica, con la morte prematura come culmine verso la fine del Nessuno…, ha creato di per sé una narrazione dinamica e, soprattutto, una narrazione che ha mantenuto la promessa del rock di non invecchiare mai. La biografia rock originale parla di persone che hanno seguito la ricetta "vivi velocemente – muori giovane". Ma che dire di coloro che non sono morti in tempo per morire giovani, ma hanno vissuto fino a un'età in cui la morte ha perso da tempo il suo potere sensazionale?

John Entwhistle e John Martyn

Nella valanga di biografie di musicisti di quest'anno, ce ne sono due che, letti insieme, danno un'immagine di musicisti imparentati nelle rispettive divisioni, entrambi presi nel mirino.
il punto tra arte, mitologia e industria. Tutti e due Il bue: la biografia autorizzata di John Entwistle og Small Hours: The Long Night of John Martyn racconta anche qualcosa su come sta cambiando l'arte della biografia. Le conseguenze per gli amici e la famiglia di questi geni, ciò che l'industria rock viene spesso chiamata "civile", sono diventate una parte centrale della storia.

John Martyn

Sia il bassista dei Whos John Entwhistle (1944-2002) che il chitarrista / cantautore John Martyn (1948-2009) avrebbero ricevuto da tempo le loro biografie se avessero avuto il buon senso di morire anche loro a 27 anni. Ciò avrebbe dato alle loro biografie una migliore curva drammaturgica. Entrambi avevano già consegnato le loro opere più essenziali a quell'età. Quindi, con questo, le loro biografie devono affrontare la domanda: come fai ad andare il resto della tua vita?

Keith Moon (1946-1978), il serpente a sonagli più famoso del rock, con un certificato di morte che conferma il mito, era un ragazzino rispetto a suo cognato John Entwhistle quando si trattava della commedia, dobbiamo credere al libro Il bue. La differenza tra i due è innanzitutto che Entwhistle continua la festa per 25 anni dopo la morte di Moon, prima di terminare. nel personaggio con un attacco di cuore indotto dalla cocaina in una suite d'albergo a Las Vegas in compagnia di una o due spogliarelliste la sera prima di un nuovo tour con gli Who. Sesso e droga e rock and roll, appunto.

Che l'autobiografia dovrebbe stare liberamente con un gruppo di artisti che ne ha fatto parte
l'istruzione di lavoro per seminare disprezzo per la stampa, non sorprende nessuno che sia stato in onda
conferenza stampa con una pop star.

L'autostima di Entwhistle, la sua fortuna, tutta la sua vita è stata costruita sul fatto che per molto tempo ha potuto definirsi il principale bassista del rock, un musicista virtuoso che ha cambiato la struttura del suo strumento – un obiettivo che solo i migliori potranno raggiungere. . Oltre a suonare musica, tuttavia, Entwhistle non aveva tanti obiettivi nella vita, a parte divertirsi il più possibile la maggior parte del tempo, come era stato formulato dal defunto batterista degli Spinal Tap.

John Martyn, d'altra parte, era un piccolo cantante geniale di Glasgow che andò a Londra per farsi grasso e famoso. A lungo termine, dovrebbe raggiungere almeno uno di questi obiettivi. Martyn era inizialmente intransigente nella sua musica e ha creato registrazioni rivoluzionarie che sono state accolte con ottime recensioni, ma non è mai diventato una star nonostante le vendite rispettabili, ben notato dopo la fine del suo periodo creativo migliore. Come Entwhistle, anche Martyn è riuscito a trovare un approccio unico allo strumento. Nessuno è ancora riuscito a portare una chitarra acustica nello spazio più lontano di Martyn, ma anche la sua reputazione si basa sui dischi che ha registrato prima dei trent'anni. Se fosse morto anche lui a 27 anni, oggi avrebbe avuto uno status simile al suo amico Nick Drake (1948-1974) – il suicida che potrebbe non essere stato affatto un suicidio (ma questa è una biografia diversa). Fino a diversi, infatti. Invece, John Martyn è diventato vecchio, grasso, malato e sempre meno popolare – in tutte le forme di vita. E per finire, è stato definito uno dei peggiori stronzi ad aver mai firmato un contratto discografico.

John Entwistle

Le famiglie degli artisti

Due musicisti della stessa generazione che hanno mosso lo sviluppo della musica probabilmente valgono entrambi un libro o due, ma la verità è che né la vita di Entwhistle né quella di Martyn sarebbero diventate letteratura se non fosse stato per quanto hanno vissuto male quando è stata staccata la spina della chitarra. Entrambi erano alcolisti funzionanti con un'assunzione disattenta e in una certa misura massiccia di altri farmaci e una relazione fluttuante con i loro familiari diretti. Ci sono due viaggi verso lo stesso obiettivo in cui veniamo descritti, in Ore piccole og Il bue, realizzati rispettivamente nella prima e nella terza, in parte nella quarta classe.

Perché mentre la soluzione di John Entwhistle quando il botteghino è vuoto è ridere di un altro tour da un milione di dollari con The Who, Martyn deve stare in piedi da solo. Si scopre, molto prima che nel 2000 debba amputare una gamba.

In entrambi questi libri trovano posto anche le storie dei bambini ormai adulti, una dimensione che sta diventando sempre più parte dell'arte della bioigrafia, qui a casa abilmente in tour da Torgrim Eggens nella sua acclamata biografia di Axel Jensen. È in parte una lettura straziante.

Janis_Joplin

Entrambi gli autori sottolineano che le rispettive famiglie degli artisti vogliono che appaiano anche i lati oscuri. In questo modo, si deve notare nel caso di John Martyn che raramente si legge una biografia autorizzata con una luce più brillante negli angoli bui a meno che un accordo ereditario non sia andato storto. È difficile, per non dire inquietante, immaginare che Entwhistle o Martyn debbano aver fatto qualcosa di significativamente peggio di quello che ora è scritto nei libri sulle loro vite – secondo i bambini. Una felice miscela di peccati di omissione, eccessi narcotici e immagini di sé gonfie ma fragili intervallate da un po 'di violenza nel caso di Entwhistle, e da una grande quantità di violenza in quello di Martyn.

In misura minore sulla musica

Un'altra caratteristica che è diventata più chiara nel corso degli anni è che le biografie dei musicisti riguardano sempre meno la musica. Sì, la musica sembra essere un problema per alcuni cinema musicisti, sia perché gli autori non sanno molto di musica, sia perché quella parte del lavoro è lasciata a YouTube, dove puoi trovare diversi video in cui John Entwhistle spiega il suo espressioni musicali fino all'impostazione dell'equalizzatore in pochi minuti. Creare una lettura entusiasmante dello stesso è ovviamente una sfida. Ma aggirare completamente la curva? I due nerd / stronzi avrebbero potuto meritare più attenzione per quello che, dopotutto, li ha resi grandi nomi, senza dover andare a discapito del resto del contenuto. Dovrebbe essere possibile.

Sono questi gli ultimi – sì, su chi è rimasto veramente a scrivere libri?

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.