Teatro della crudeltà

Attuale: Solveig Fiske

Domenica 17 dicembre Solveig Fiske sarà consacrato nuovo vescovo di Hamar dopo Rosemarie Køhn. Lo spirito di Rose deve essere continuato nella diocesi liberale.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Cosa ti rende qualificato per l'importante lavoro di vescovo? – Ho una vasta esperienza in chiesa. Sono sacerdote dal 1982, ho ricoperto incarichi dirigenziali nella chiesa e sono stato anche capo del personale.

Con la vostra consacrazione, ci sono ancora tre vescovi donne in Norvegia. Perché è importante avere vescovi donne?

- È importante che entrambi i sessi siano rappresentati a tutti i livelli della società, compresa la Chiesa. Mi sono occupato di questo per molto tempo. Entrambi i sessi nella chiesa sostengono un'idea importante che l'uguaglianza dovrebbe essere espressa attraverso l'uguaglianza a tutti i livelli nella chiesa. Allo stesso tempo, è centrale per tutti potersi identificare con la Chiesa.

Lei sostiene le quote per le donne in posizioni dirigenziali. Le altre due donne vescovo sono scettiche al riguardo. Perché la quota è corretta?

- È necessario raggiungere l'uguaglianza. Il genere è un criterio in linea con altre caratteristiche.

Anche lei è favorevole alle quote radicali delle donne?

- Dipende dalla situazione. Il motivo per cui oggi non ci sono più donne in posizioni di comando è probabilmente dovuto alla cultura. Gli uomini spesso scelgono altri uomini. Alcune donne rifiutano anche di accettare questi lavori perché possono essere difficili da conciliare con la vita familiare.

Si dice che lo spirito di Rose sia portato avanti nella liberale Hamar con Fiske come nuovo vescovo. Cosa significa per te liberale?

- Non mi piacciono le etichette. Ma per me una chiesa liberale è la stessa cosa di una chiesa popolare aperta che non ha requisiti aggiuntivi per l’adesione. Mi interessa una Chiesa aperta e generosa. Seguirò le orme di Rose, ma non posso essere Rose. È una figura storica, in quanto primo vescovo donna nei Paesi nordici. Devo essere il vescovo che posso essere in base a chi sono.

I sostenitori di un nuovo pensiero e di una chiesa popolare aperta chiameranno Rose e te coraggiosi, perché vai contro le forze conservatrici della chiesa. Ma quanto è davvero coraggioso seguire la maggioranza del popolo norvegese?

- Non ho detto di essere coraggioso, anche se probabilmente lo sono stato un po' quando ai miei tempi ho parlato dei diritti dei gay all'incontro della Chiesa. Per me è importante delineare il profilo di una chiesa aperta. Il Vangelo è liberatorio. Ai nostri giorni è coraggioso anche puntare i riflettori sulla povertà. Alleviare la povertà significa prosciugarsi. Dobbiamo creare una società dal volto umano. Oggi ci sono così tante richieste di produttività, efficienza e freschezza, che creano perdenti.

La Bibbia è relativamente chiara su ciò che il cristianesimo pensa della convivenza omosessuale. Cosa intendi?

- Il nostro compito è interpretare la Bibbia da un punto di vista etico fondamentale e mostrare ciò che è sostenibile oggi. Tutte le regole di convivenza devono essere viste alla luce dei tempi in cui viviamo.

Vuoi ordinare preti gay conviventi?

- Sì, mi impegnerò anche affinché la partnership e il matrimonio siano equiparati. Non solo legalmente, ma anche per poter stipulare partenariati nella chiesa.

Il concetto di peccato è centrale nel cristianesimo. Cos'è per te il peccato?

- È un peccato offendere le altre persone. E non intendo solo dire che ogni individuo deve assumersi la responsabilità di non offendere le persone che lo circondano. La società e le strutture non devono inoltre violare o opprimere persone o gruppi.

Ma vivere una convivenza omosessuale non è peccato?

- No.

Adulterio allora?

- Sì, allora offendi un'altra persona. Ma se si vuole citare il nuovo vescovo di Hamar che dice che l’adulterio è un peccato, allora si sta lanciando una condanna alla quale non parteciperò.

Perché vuoi mantenere la chiesa di stato?

- Il sistema che abbiamo oggi contribuisce a legittimare il posto importante della religione nella società, e ne sono molto felice.

Vuoi dire che è il posto del cristianesimo?

- No, non solo il cristianesimo. Ma questa è la visione dominante della vita in Norvegia. Avendo una chiesa statale, siamo resi consapevoli che la fede e la prospettiva sono aspetti importanti della vita.

Cos’è che non ti fa credere che tu e i tuoi compagni credenti nella Chiesa riuscirete a mantenere il tetto senza l’aiuto dei politici?

- Non ho detto che non ho fiducia che ce la faremo. Ma credo che la democrazia nella Chiesa debba prima essere rafforzata. Inoltre, mi preoccupa il fatto che, se ci fosse un nuovo assetto nel rapporto tra Stato e Chiesa, non dovrebbero esserci ulteriori requisiti per l’adesione oltre al battesimo.

Potrebbe piacerti anche