Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

ATTUALE OLAF THOMMESSEN

Il vice leader del Partito Liberale Norvegese Olaf Thommessen viene bloccato dal Servizio Immigrazione, ma continua la sua linea liberale. Ora vuole trasferire la responsabilità dell'immigrazione di manodopera nelle nuove regioni.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il vice leader del Partito Liberale Norvegese Olaf Thommessen viene bloccato dal Servizio Immigrazione, ma continua la sua linea liberale. Ora vuole trasferire la responsabilità dell'immigrazione di manodopera nelle nuove regioni.

Mentre il Servizio immigrazione norvegese si scaglia contro di te, tu continui con la tua linea politica liberale sull’immigrazione. Nella cronaca di questa settimana sul Ny Tid scrivete che volete affidare alle contee e poi alle regioni la responsabilità del trattamento dell'immigrazione per motivi di lavoro. Perché? – Questa è una proposta tutta in fase di progettazione, il modello è preso dalla Francia dove esiste un sistema in cui ogni ministero (regioni francesi ndr) valuta ciò di cui ha bisogno. Le regioni sanno dove la scarpa pressa meglio e possono mappare i bisogni. Sarebbe anche un notevole rafforzamento della democrazia locale.

Scrivi che sia l’ala destra che quella sinistra della politica norvegese si sono unite per paura della manodopera straniera. È una buona xenofobia vecchio stile? – La sinistra, come LO e il Partito Laburista, è tradizionalmente contraria all’immigrazione di manodopera per paura di perdere posti di lavoro. Penso che la destra sia contraria al populismo puro. Altri settori della sinistra, invece, sono legati alle questioni politiche delle donne, come la circoncisione, il matrimonio forzato e la mutilazione genitale femminile, che sono questioni importanti in questo senso. È una resistenza a ciò che percepiscono come culture dominate dagli uomini.

Il governo sta lavorando su misure per aumentare l'immigrazione di forza lavoro e ne annuncia diverse in un rapporto allo Storting per il nuovo anno. Il Partito liberale coopererà con il governo su tali misure? – C'è una significativa fuga di elettori dal Partito Laburista al Partito del Progresso. Ecco perché di tanto in tanto si vede qualcuno nel Partito Laburista che propone nuove idee. Ma non sono fondamentalmente in disaccordo con la sinistra, o con me, su questo tema. Alla fine, FRP si accorgerà anche dei problemi nel reperire manodopera, quando hanno bisogno di artigiani per i bagni o di lavoratori domestici. Sono abbastanza convinto che anche loro prima o poi ne capiranno la necessità.

Ritieni che il fatto che l'immigrazione di manodopera porti al dumping sociale sia un mito, come si può garantire che non diventi realtà?

- Percepisco il dumping sociale come un argomento sostitutivo. È importante prevenire il dumping sociale, ma ciò su cui dobbiamo basarci è che ogni individuo deve poter decidere dove vuole vivere o lavorare. È nostra responsabilità non sfruttare questo, che ci siano regole e leggi in vigore. Qui è già stato fatto un lavoro.

L'argomento a favore dell'immigrazione di manodopera è che abbiamo bisogno di più cervelli e mani, ma non possiamo rischiare di prosciugare altri paesi di cervelli, la cosiddetta fuga dei cervelli? – Il dibattito sulla fuga dei cervelli è ben intenzionato, ma del tutto irrealistico. Le statistiche mostrano che 8-10 casi in cui le persone che andiamo a prendere tornano a casa, spendono i soldi a casa. Le competenze che accumulano qui vanno quindi a vantaggio del loro paese d’origine. Ancora una volta, è diritto di ogni persona scegliere ciò che vuole. Non possiamo salire in cattedra e dire che sappiamo cosa è meglio per te.

Terje Skjeggestad, che dirige il Servizio immigrazione norvegese, ritiene che ci si stia impegnando troppo nella gestione dei casi di asilo, dopo che tutti i liberali hanno sostenuto la politica di asilo perseguita. Quando smetterai di preoccuparti? – Abbiamo sostenuto la creazione dell'UNE, ma alla fine c'è un accordo trasversale sul fatto che sono state prese una serie di decisioni sensazionali, compresi dispacci, dove ovviamente le considerazioni umane non sono state prese in considerazione. La cosa più importante ora è valutare l’intero progetto e vedere cosa possiamo fare per garantire che venga esercitato un giudizio migliore.

Potrebbe piacerti anche