Ordina qui l'edizione estiva

karita attuale tra stream

Il ministro per l'Infanzia e l'Uguaglianza Karita Bekkemellem ritiene che l'apertura e il dibattito pubblico siano di grande importanza nella lotta contro le mutilazioni genitali femminili.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il governo ha annunciato maggiori sforzi contro le mutilazioni genitali femminili quest'estate, ma tu non vuoi ancora sottoporti a controlli sanitari obbligatori, perché no?

- Qui ci sono opinioni diverse e la questione non è stata ancora affrontata dal Governo. Tuttavia, il governo ha annunciato che questa è una delle domande che esamineremo ora. Indipendentemente da ciò che si potrebbe pensare sugli esami sanitari, c'è un ampio consenso su una serie di altre misure che sono state avviate quest'estate. Cito, tra l'altro, lo stand a Gardermoen, una linea telefonica estiva separata, centri sanitari aperti per tutta l'estate e una campagna separata rivolta al gruppo target.

Basta con le campagne di atteggiamento e le minacce di un rapporto della polizia? – Sia le misure immediate che sono state varate sia il nuovo piano d'azione in arrivo in autunno contengono diversi tipi di misure, tra cui le campagne di atteggiamento sono un tipo di misura. Credo che dobbiamo disporre di un'ampia gamma di misure per raggiungere gli obiettivi del lavoro. Penso che l'apertura e il dibattito pubblico che stiamo vivendo ora sia di grande importanza.Le misure si concentrano sulla comunità somala in Norvegia, contro quali altri gruppi vuoi lavorare? – Quando si tratta di immigrati dall'Africa, i somali costituiscono di gran lunga il gruppo più numeroso. Ma il lavoro contro le mutilazioni genitali femminili prende di mira anche gli immigrati provenienti da Eritrea, Etiopia, Nigeria e altri Paesi dove avvengono gli abusi.

Ha paura della stigmatizzazione o della criminalizzazione di questi gruppi? – Nei nostri comunicati stampa e altri annunci, abbiamo chiarito che la mutilazione genitale è una tradizione millenaria e che l'abuso avviene in molti paesi di cui la Somalia è uno. Ora abbiamo una stretta collaborazione con le comunità interessate. La loro visibilità in questo dibattito è lo strumento migliore contro la stigmatizzazione.

Per quanto riguarda le campagne d'azione nei paesi d'origine, ne avete discusso con il collega e ministro dello sviluppo Erik Solheim? – La Norvegia ha un proprio piano d'azione internazionale contro le mutilazioni genitali femminili. Erik Solheim ed io abbiamo un dialogo serrato su questo tema proprio perché lui è responsabile dei nostri progetti in altri paesi, mentre io sono responsabile dello stesso qui a casa.

Anche la campagna sull'atteggiamento è fondamentale per il lavoro del governo contro il matrimonio forzato. Questo regge allora? – Sia nel lavoro contro il matrimonio forzato che nel lavoro contro la mutilazione genitale femminile, le campagne di atteggiamento sono solo una delle numerose misure. Per quanto riguarda il matrimonio forzato, ad esempio, ora impieghiamo i nostri stessi consulenti in un certo numero di scuole secondarie superiori, creiamo alloggi sicuri e attrezziamo le nostre postazioni all'aperto più importanti. Inoltre, rafforziamo il lavoro delle organizzazioni di volontariato. Seguiremo la stessa linea nel piano d'azione contro le mutilazioni genitali. Un'ampia gamma di misure in cui scuole, servizi sanitari, protezione dell'infanzia e polizia lavorano insieme per prevenire e aiutare coloro che sono a rischio. ■

Potrebbe piacerti anche