Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Attuale: Hege Skjeie

La disputa sul futuro del leader Gerd-Liv Valla ha fatto bollire le cose nell'organizzazione di LO. Il professor Hege Skjeie non pensa che abbia nulla a che fare con il genere.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Alcuni dirigenti sindacali sono usciti e hanno affermato che il trattamento riservato da Valla a Ingunn Yssen difficilmente sarebbe avvenuto se il primo fosse stato un uomo, giusto?

- Penso che qui dobbiamo cercare di distinguere tra tecniche di governo individuali e strutture di potere. Non ci sono individui che vanno in giro come donne essenziali – o uomini, se è per questo, all'interno delle organizzazioni. Quindi questo tipo di discorso è solo una sciocchezza per me. Probabilmente è per lo più un puro stereotipo di genere pensato – non è vero? Alla fine, forse possiamo piuttosto cercare di capire perché sono principalmente le donne che hanno affrontato questo problema internamente e gli uomini che lo hanno affrontato esternamente? Quindi se facciamo fatica a capire cosa significhi il genere in tutto questo.

Yngve Hågensen era un operaio di segheria e un uomo. Gerd-Liv Valla, come donna e rappresentante dei dipendenti pubblici, ha rappresentato un cambiamento culturale?

- Non c'è dubbio che la distinzione tra settore privato e pubblico sia stata una delle più centrali negli ultimi decenni e che all'interno della LO si sia verificato uno spostamento dell'accento verso il settore pubblico. Ma dovrebbe anche semplicemente mancare: ciò significa soprattutto che il settore pubblico è diventato un po’ meno emarginato. Certamente è anche un cambiamento culturale, ma soprattutto

questo cambiamento rappresenta una visione più equilibrata e sfumata della società, secondo me. E questo è assolutamente positivo.

Valla si è concentrata sull’uguaglianza e sui gruppi a basso salario da quando ha assunto la direzione del club dirigente nel 2001. Cosa succede se se ne va?

- Probabilmente non è Gerd-Liv Valla a portare avanti la lotta per la parità salariale in Norvegia, quindi non sarà molto peggio di quanto non sia già. LO ha sempre cercato di definire il problema della parità salariale a modo suo, cioè innanzitutto come un problema di bassa retribuzione. Non credo che Valla abbia rappresentato alcuna rivoluzione per quanto riguarda l'apertura a più aspetti qui. Sono piuttosto Bente Slåtten e l'associazione degli infermieri a gestirlo. Quelli completamente fuori LO, in altre parole.

L’attenzione all’uguaglianza e ai gruppi a basso salario è stata in conflitto con altri interessi all’interno del movimento sindacale?

- Certamente sì, le norme sulla parità retributiva, ad esempio, a volte sono state considerate in LO come una minaccia all'intero "libero diritto di negoziare". Anche per quanto è stato inteso dal settore privato. Questo è il motivo per cui la parità retributiva è stata regolamentata così debolmente anche attraverso l’Equality Act. Un tempo, la LO minacciò di sabotare l’intera legge sull’uguaglianza se il governo non si fosse tenuto lontano dalla fissazione dei salari in questo settore. Qui dovevano decidere i "soggetti in prima linea".

Potrebbe piacerti anche