Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Per sfidare una prospettiva eurocentrica

STORIA DELLE IDEE / Le personalità africane e afro-europee sono state centrali nella costruzione di quella che oggi chiamiamo Europa, dall'alba dei tempi ai giorni nostri. Gli africani fondarono città in Spagna e in Italia prima di governare l'Impero Romano. E anche l'Etiopia ha aiutato l'Europa nel XV secolo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Quando, una manciata di anni fa, scesi nei sotterranei sotto il Palazzo Reale di Palermo, la più antica residenza reale d'Europa, scoprii che le fondamenta dell'edificio non erano quelle che avevo pensato. In realtà, mi ero recato qui nel capoluogo siciliano per studiare il "Palazzo Normanno" di ispirazione araba (Palazzo dei Normanni), sviluppato dal re di origine scandinava Ruggero II. Qui. Qui, in mezzo al Mediterraneo, ha invitato il geografo arabo Muhammed Al-Idrisi da Ceuta in Nord Africa. Era la metà degli anni 1130, nel mezzo della cosiddetta "era dei crociati". E qui a Palermo fu Al-Idrisi che finalmente, nel 1154, completò il miglior mappamondo mai visto in Europa fino ad allora.

Oggi i politici italiani utilizzano gli ultimi piani di questo grande palazzo, nella parte più alta di Palermo, come parlamento. Ma non è così che è iniziato. L'edificio è costruito strato su strato. Sotto questi appartamenti moderni ho scoperto edifici rinascimentali, e sotto questi i pavimenti normanni, poi gli strati arabi, prima che nel seminterrato trovassi le mura romane. Ma quello che mi ha sorpreso laggiù in fondo è stato quello che si è scoperto che c'era sotto le pietre romane. Vale a dire le basi: il muro di fondazione fenicio del 730 a.C. Palermo fu fondata dai Fenici africani provenienti da Cartagine, dall'odierna Tunisi in Tunisia. Cartagine, sulla costa settentrionale dell'Africa, fu la grande potenza del Mediterraneo per oltre mezzo millennio prima della nascita dell'Impero Romano.

Un paio d'anni dopo mi resi conto che non era solo nel nord-ovest della Sicilia che gli emigranti africani fondavano una città dell'Europa centro-meridionale. Quando entrai nel Museo Picasso di Málaga, all'estremità meridionale della Spagna, un paio d'anni dopo, improvvisamente scoprii un cartello che puntava verso le mura della città nel seminterrato. E anche qui, sotto i dipinti di Picasso, e sotto le mura dei Romani, ho potuto toccare con mano le mura di 2800 anni erette dai Fenici. Fondarono la città natale di Picasso chiamandola "Città del sale" (dal nome fenicio "mlk", sale) intorno all'800 a.C. Nel relativamente nuovo museo di Málaga è mostrato come gli archeologi tedeschi iniziarono negli anni '1950 a scavare per confermare l'ipotesi che i greci avessero fondato la città. Ma al posto dell'arte greca apparvero monete fenicie e numerosi manufatti egiziani. Come un anello d'oro del VI secolo a.C., con incisa la dea egiziana della guerra Sekhmet e con un riferimento geroglifico al faraone Necho I.

S.Africano Moritz

Solo ora, negli anni 2000, come con il relativamente nuovo museo di Málaga, il passato complesso ed entusiasmante dell'Europa viene finalmente alla luce, quando il passato viene presentato libero da un'agenda coloniale. Come nel nuovo libro di Olivette Otele, professoressa di storia all'Università di Bristol e vicepresidente della Royal Historical Society of Great Britain: I Europei africani. Una storia non raccontata mostra come le personalità centroafricane e afro-europee hanno contribuito alla costruzione di quella che oggi chiamiamo Europa, dall'alba dei tempi ai giorni nostri.

Otele inizia con l'Impero Romano e l'influenza del leggendario St. Moritz (Maurice) di Tebe nel sud dell'Egitto, al confine dell'attuale Sudan. Secondo i documenti del vescovo Eucherius, Moritz, su incarico dell'imperatore Massimiano, guidò intorno all'anno 286 una legione nell'allora Agaunum, nella Svizzera sudoccidentale (la città cambiò nome in Saint-Maurice nel 1003). La missione era reprimere i ribelli nelle Alpi. Ma Moritz era cristiano e si rifiutava di uccidere gli innocenti. Lui e i suoi soldati scelsero quindi il martirio sotto la spada dell'imperatore romano.

Moritz era cristiano e si rifiutò di uccidere gli innocenti, scegliendo invece lui stesso il martirio.

Si può discutere la base storica di questo racconto, come la maggior parte delle altre cose all’interno delle religioni. In ogni caso, il risultato concreto fu che Moritz divenne il santo più importante della cristianità europea, soprattutto fino alla Riforma e fino a quando la tratta transatlantica degli schiavi rese meno rilevante il culto di un africano. Ma un millennio fa era diverso: nel IX secolo l'imperatore Ottone I costruì la cattedrale di Magdeburgo nell'attuale Germania e le diede il nome dell'africana St. Moritz. Ancora oggi, all'interno della cattedrale si trova una statua di Moritz dell'inizio del XIII secolo e il leader della legione ha distinti tratti africani. Io stesso ho scoperto qualcosa di simile, ad esempio, nella città tedesco-orientale e protestante-luterana di Halle: la chiesa più antica di questa città medievale è la chiesa cattolica Moritz, del 900. E all'interno di questa chiesa, è piena di dipinti e statue dell'africano Moritz, a cui viene attribuito il merito di aver introdotto i "valori cristiani" nel continente europeo, un secolo prima che il primo imperatore romano si convertisse al cristianesimo.

Se si segue il Nuovo Testamento, un simile racconto non sorprende: negli Atti degli Apostoli (8–26) è scritto come un cortigiano etiope, il tesoriere della regina africana Candace (un possibile riferimento alla storicamente potenti regine dell'odierno Sudan), viene convertito al cristianesimo da uno dei discepoli di Gesù, l'apostolo Filippo. L'etiope, che Filippo scopre leggendo il libro di Isaia, diventa il primo straniero a essere battezzato e a convertirsi al cristianesimo. Solo più tardi negli Atti degli Apostoli si racconta la conversione del primo europeo, un soldato romano.

Nel corso dei secoli, la storia del san Maurizio africano ha contribuito alla progressiva cristianizzazione degli stati europei. Nel Rinascimento la narrativa di Moritz veniva resa chiara anche attraverso magnifici dipinti.

York, Regno Unito: The Ivory Bangle Lady. Nel IV secolo fu sepolta una donna ricca nell'odierna York, che all'epoca si chiamava Eboracum ed era soggetta all'Impero Romano. Gli studi sul DNA mostrano che sembra provenire dal Nord Africa e che ha origini africane. Una lunga serie di soldati romani che accompagnarono l'imperatore romano nell'Inghilterra settentrionale all'inizio del II secolo provenivano dall'Africa. Ill: Aaron Watson/Università di Reading.

L’Etiopia è stato il primo stato cristiano al mondo

Vediamo qualcosa di simile nella storia del re sacerdote Johannes (Prester John), un re cristiano dell'Africa orientale che avrebbe dovuto venire a salvare gli europei. La leggenda aveva qualcosa di concreto: recenti scoperte archeologiche indicano che l'Etiopia è stato il primo stato cristiano al mondo. Sono state ora ritrovate monete emesse dal re etiope Ezana negli anni '330 e recano inciso il segno della croce come chiaro segno di quella che era la religione principale dello stato.

Gli etiopi esplorarono l'Europa 600 anni fa.

Olivette Otele è la prima donna nera in Gran Bretagna a ottenere una cattedra nella storia. Dice qualcosa su ciò che è mancato alla ricerca negli ultimi due secoli. Continua le sue spiegazioni attraverso numerosi altri esempi, dall'epoca romana ai giorni nostri. Stranamente, non si riferisce agli ultimi due decenni di ricerca sulla "Ivory Bangle Lady" di origine africana, la donna con il braccialetto d'avorio. Uno studio del DNA del 2010 sullo scheletro di questa donna ben conservata, sepolta nella York romana nel IV secolo, mostra che la donna è originaria del Nord Africa. È interessante notare che la donna di origine africana sembra aver contribuito a introdurre il cristianesimo nelle isole britanniche, secoli prima della conversione ufficiale. Perché su un avorio nella sua tomba è inciso: "Ti saluto, sorella, che tu possa vivere con Dio" (sorella uccello vive in dio).

Statua di Moritz: questa statua della St. Moritz africana fu creata intorno al 1250. Si trova all'interno di St. Cathrine
Di Alessandria e della cattedrale di San Moritz a Magdeburgo, proprio accanto alla tomba di Ottone il Grande (D.973), il
Primo imperatore dell'impero romano-tedesco.

L'imperatore Severo, il duca Medici e Cervantes

Il legame africano della città di York diventa meno sorprendente quando lo leggiamo rispetto a un'altra persona menzionata da Otele, vale a dire l'imperatore Settimio Severo di origine africana (145–211). Nacque nella città di Leptis Magna (Al-Khums) nell'attuale Libia, e aveva padre fenicio e fenicio (punico) come lingua madre. Severo arrivò a governare l'intero Impero Romano (193–211) – e insieme a sua moglie Julia Domna (dalla Siria) si trasferì a York nelle Isole Britanniche nell'anno 208 per ottenere il controllo del Vallo di Adriano e dell'impero come tale. Un'illustrazione di questo periodo mostra sia Severus che Julia Domna con i capelli scuri e ricci. Sì, i ricci divennero così popolari tra le donne della regione nel 200 che furono adottati i ferri arricciacapelli, come mostra una mostra dello Yorkshire Museum. Il potere ha creato la moda, allora come oggi.

Un altro menzionato da Otele è il retore Marco Cornelio Frontone (100–160 circa), nato a Cirta in Numidia, l'odierna Algeria. Aveva un background Amazigh ("berbero"). Come il maestro della chiesa nordafricano Agostino, Frontone si definiva un africano: "un africano della tribù nomade africana". Divenne famoso per la sua corrispondenza con il letterato imperatore romano Marco Aurelio.

Ebbene, sarà interessante quando Otele continuerà la sua analisi degli afro-europei nel Rinascimento. Come quando menziona il primo duca della Repubblica Fiorentina (l'odierna Toscana), il bruno Alessandro de Medici (1510–1537, "il moro"). Si ritiene che Alessandro avesse una madre africana, come sembrano indicare numerosi suoi ritratti. Continua qui da Cathrine Fletchers Il Principe Nero di Firenze: la vita spettacolare e il mondo insidioso di Alessandro de' Medici (2016).

Otele sottolinea come la visione degli africani da parte degli europei bianchi fosse completamente diversa da quella che si sviluppò con l'introduzione dell'ideologia sistematica del razzismo nel XVIII secolo. Ad esempio, uno dei tre "magi", che si suppone abbiano portato doni al bambino Gesù, durante il Rinascimento veniva raffigurato come un africano. Nell'introduzione al classico Don Chisciotte (1605–15), che secondo il romanzo stesso fu registrato dallo storico arabo Cide Hamete Benengeli, Miguel de Cervantes registrò un omaggio a Juan Latino (1518–1594), nato in Africa, che insegnò latino nelle scuole di Granada. Nella poesia introduttiva "Urganda l'Ignoto", Cervantes scrive di "el negro Juan Lati", lo studioso di latino al quale Cervantes si sentiva linguisticamente inferiore. Lo stesso poeta latino nei suoi scritti si riferiva a se stesso come nato in "Etiopia", un nome che dava associazioni positive nell'Europa cristiana dell'epoca.

L’Etiopia ha scoperto per prima l’Europa

Un nuovo libro che tratta specificamente della forte influenza dell'Etiopia sull'Europa prima dell'Illuminismo è di Verena Krebs Regalità, artigianato e diplomazia etiope medievale con l'Europa latina. In una recente intervista con The Smithsonian, Krebs, che insegna storia all’Università della Ruhr a Bochum in Germania, ha detto di aver effettivamente completato un tipo di libro completamente diverso con una prospettiva coloniale classica – dove l’Etiopia era la parte debole nell’incontro con gli europei. Ma poi si è sentita in colpa: ha riconosciuto che avrebbe dovuto scrivere un resoconto più vero, basato su ciò che effettivamente mostravano le fonti. Quindi scartò l'intero libro finito e ne scrisse uno nuovo.

E in questa nuova presentazione emerge come furono piuttosto i re europei a chiedere, per tutto il XV secolo, aiuto finanziario e militare alla mitica e potente Etiopia. Dal 1400, il re Alfonso d'Aragona e Napoli scrisse tre volte all'imperatore Zera Yacob (1450–1399) chiedendo assistenza sia militare che finanziaria. L’Etiopia era allora nella sua forma più potente. Yacob era il leader più potente della storia della dinastia salomonica, che affermava di discendere dalla regina di Saba e dai suoi figli avuti dal re Salomone, secondo i resoconti biblici.

Africani a Halle: Ad Halle, nell'ex Ddr, si trova la chiesa cattolica Moritz, completata nel 1411. Qui si trova questo dipinto di tre africani lungo una lunga parete. Forse questa potrebbe essere una rappresentazione dei tre viaggiatori etiopi di lunga distanza che parteciparono al Concilio di Costanza dal 1416. Foto: Dag Herbjørnsrud

Già nel 1306 c'è il primo resoconto di pionieri etiopi che viaggiarono in Europa per un "viaggio di scoperta". Si dice che il cartografo e leader della chiesa Giovanni da Carignano a Genova, nell'Italia nordoccidentale, abbia incontrato più di una dozzina di viaggiatori etiopi della Chiesa cristiana ortodossa. Si dice che su ordine dell'imperatore etiope Wedem Ra'ad (che regnò nel periodo 1299-1314), furono inviati per stabilire un contatto con il papa cattolico romano. Si dice che siano stati condotti verso Avignone in Francia, dove risiedeva allora il Papa. Non è ancora stato documentato se siano effettivamente arrivati, ma se non altro Carignano ha registrato una mappa sorprendentemente precisa dell'Etiopia e del Nilo bianco e azzurro. Matteo Salvadore lo raffigura in Il prete africano Giovanni e la nascita delle relazioni etiope-europee, 1402–1555 (2017).

Sia Salvadore che Krebs mostrano come non sia stata “l’Europa a scoprire l’Africa”, ma piuttosto come sia stata “l’Etiopia a scoprire ed esplorare” per prima l’Europa, soprattutto a partire dal 1402.

È interessante notare che nel suo diario Colombo (originario di Genova) fa riferimento ai visitatori provenienti dall'"India" a Roma e al loro interesse per il cristianesimo. Questo per spiegare perché salpò attraverso l'Atlantico. Tuttavia, Krebs sottolinea che questa “India” a cui si riferivano gli europei del sud, potrebbe benissimo essere l’Etiopia. Per lo meno, mostra come sia stato l’imperatore Dawit (che governò dal 1382 al 1413) a inviare in Europa i primi ambasciatori diplomatici documentati e ufficiali, che raggiunsero Venezia nel giugno 1402.

Sia Salvadore che Krebs mostrano come non sia stata “l’Europa a scoprire l’Africa”.

Krebs rivela anche che non era la “tecnologia” ciò che interessava all’imperatore, come hanno menzionato i ricercatori precedenti, ma i numerosi manufatti cristiani contenuti nella Chiesa cattolica romana. Gli etiopi portarono in dono alla Chiesa cattolica, tra le altre cose, quattro leopardi, una perla gigante, spezie e altro ancora, come dimostra Krebs, menzionato già nel 1972 dallo storico etiope Taddesse Tamrat. Il Senato di Venezia ricambiò i doni etiopi in agosto 1402 rimandando indietro i propri emissari.

Visitare l'Europa

Oltre il XV secolo, ci furono anche numerose spedizioni dall'Etiopia verso quelle che oggi sono chiamate Italia, Germania, Spagna e Portogallo. Già nel 1400–1416 tre inviati etiopi erano presenti nella Germania meridionale per partecipare al Concilio di Costanza: i monaci Petro, Bartolomeo e Antonio ricevettero dal Papa una garanzia di viaggio a Roma. I partecipanti al consiglio tedeschi hanno reagito con stupore e gioia alla vista di questi emissari dall'Etiopia, dal paese del re sacerdote Johannes. Immagina che fossero arrivati ​​​​dritti a loro nel freddo nord! Qualcosa è cambiato in Europa negli ultimi 1418 anni...

All'Hotel Olivetti

Al grande concilio ecumenico di Firenze del 1441 erano presenti anche cristiani etiopi. Questi provenivano evidentemente dall'ambasciata etiope a Gerusalemme e apparentemente appartenevano a uno dei movimenti di riforma all'interno della Chiesa ortodossa etiope. È interessante notare che negli anni Trenta e Quaranta del Quattrocento l'Etiopia aveva un forte movimento "protestante", noto come Stephaniti. Il loro fondatore fu Abba Estifanos di Gwendagwende (1430-1440). Egli si oppose ai santi della Chiesa, decenni prima che Martin Lutero facesse qualcosa di simile a Wittenberg.

Africani dentro L'odissea e in Norvegia

Il cancro è dentro Etiope medievale chiaro che lei sfida una prospettiva eurocentrica e coloniale. Insomma, sono molte le informazioni che sia Otele che Krebs portano alla luce nei loro nuovi libri. In questo modo si integrano bene con lo storico Onyeka Nubias Gli altri connazionali dell'Inghilterra. Società Tudor Nera (2019), che mette in evidenza la diversità africana nelle isole britanniche dalla fine del XV secolo all'inizio del XVII secolo. Non diversamente da quello che hanno fatto Yacoub Cisse e Ann Falaht Africani in Norvegia attraverso 400 anni (2011), che quest'anno è stato pubblicato in una nuova edizione.

I Fenici africani fondarono le città europee 2800 anni fa.

Tutti questi nuovi libri basati sulla ricerca sul passato dell'Europa appaiono stranamente nuovi ora, nel 21° secolo. È come se gli europei stessi non sapessero “da dove veniamo”. E se non conosciamo noi stessi, come possiamo comprendere gli altri?

Dopotutto, l’Africa non è “un altro posto”. I Fenici africani fondarono le città europee 2800 anni fa. Gli etiopi esplorarono l'Europa 600 anni fa. Solo più tardi arrivarono la colonizzazione, l’imperialismo e la scienza della razza.

San Moritz e Sant'Erasmo: San Moritz veniva sempre dipinto e inteso come un santo africano
Diversi secoli. Era il santo degli imperatori cattolici romani. Qui incontra Sant'Erasmo. Questo
Il dipinto degli anni '1520 del Cinquecento fu commissionato da Albrecht Von Brandenburg ed eseguito dal pittore rinascimentale
Matthias Grünewald (1470-1528). Ill.: Wikicommons

Gran parte della necessità odierna di correggere le narrazioni condiscendenti sull’Africa e sugli africani avrebbe potuto essere evitata se gli europei avessero saputo L'odissea. Verso la fine di quest'opera epica, nel capitolo 19, Ulisse travestito deve spiegare alla sua amata Penelope che è davvero vivo dopo molti anni lontano da casa. Chi è allora che usa come prova principale, qualcuno che sa di conoscere? Sì, Ulisse si riferisce al suo compagno africano Evrybates: l'araldo che descrive come "nero" e con "i capelli ricci": "Tra i suoi compagni, Ulisse lo onorava di più".

E perché Ulisse lo onorava così? Sì, perché "la pensavano allo stesso modo". Evribate e Ulisse potevano essere diversi nell'apparenza, ma erano simili nella mente.

Possa l’Europa essere ancora una volta all’altezza degli ideali e del patrimonio culturale che il continente invoca. Sempre questa settimana, nuovi rifugiati africani sono annegati nel loro viaggio verso l’Europa. Il Mediterraneo non è più un mare che collega, ma un mare che separa. Un mare che uccide. Il mare della morte. Mare della Morte.

Giorno Herbjørnsrud
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Articoli Correlati