INTELLIGENZA ARTIFICIALE: Il film ci porta in un campo di ricerca oscuro e affascinante. Ma siamo convinti che lo sviluppo dell'intelligenza artificiale esuli dal nostro controllo?

Filosofo. Critico letterario permanente in TEMPI MODERNI. Translator.
E-mail: andersdunker.contact@gmail.com
Pubblicato: 2019-12-01
iHUMAN

Tonje Hessen Shit (Norvegia)

Il regista Tonje Hessen Schei ha già studiato la dipendenza dai media digitali nei bambini nel documentario Gioca di nuovo (2010) e ha fornito una panoramica dei sistemi di armi autonomi nel XNUMX Fuco (2014). Sulla base di questa vasta conoscenza, si espande iHUMAN la prospettiva di un panorama di varie tendenze dell'intelligenza artificiale (AI). Attraverso una serie di straordinarie dichiarazioni e spiegazioni di eminenti esperti, assistiamo all'inizio di una valanga di cambiamenti mentre la nostra comunità di reti globali è permeata da algoritmi che determinano la nostra esistenza.

Cinque anni fa, il programmatore svedese-americano Max Tegmark ha scritto un articolo con Stephen Hawking, Frank Wilczek e Stuart Russell avvertendo che i film in cui l'intelligenza artificiale prende il controllo del mondo non dovrebbero essere respinti come pura finzione.

In apertura di iHUMAN Lo stesso Tegmark ci assicura che l'intelligenza artificiale è un gioco d'azzardo storico: può concepibilmente risolvere tutti i nostri problemi, ma può anche portare a un disastro totale. Il film parla dell'ultima possibilità, poiché la tecnologia digitale ci sta già conducendo in una nuova realtà che finora abbiamo associato alla fantascienza.

Dio-padre

L'informatore e ingegnere svizzero Jürgen Schmidhüber si ritrae volontariamente un inventore megalomane archetipo. Il suo entusiasmo civile, ma in qualche modo amorale, può sembrare un po 'inquietante déjà vu per chi conosce il personaggio di Anthony Hopkins della serie TV Mondo dei robot: Dr. Ford, l'ingegnere robotico che pianifica tranquillamente la ribellione tra le sue stesse creature.

Abbonamento NOK 195 / trimestre

Schmidhüber gioca con il suo adorabile robot bambino, un moderno Pinocchio, nel suo laboratorio di studio - ed è ovvio respingerlo come una caricatura di un genio mascherato. Ma quest'uomo non è un solitario originale; è il padre della moderna intelligenza artificiale, la prima nel suo campo. Dovremmo quindi credergli quando dice che presto istruiremo i robot mentre insegniamo qualcosa a un bambino, mostrando loro come si fa qualcosa. "Non appena impareranno, eseguiranno i loro compiti in modo impeccabile", sottolinea sorridendo felicemente, "e poi ne facciamo un milione di copie".

Cosa sceglieranno le persone per insegnare loro?

In una serie di segmenti durante il film, incontriamo Schmidhüber nelle Alpi, come se vedesse la vita umana da una prospettiva elevata mentre ...


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?


Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)