Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Sindrome Terzo Periodo

Il 2016 è un grande anno elettorale, quindi non sto puntando su Donald Trump. 

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

15 paesi africani hanno elezioni quest'anno. Il primo ad uscire è l'Uganda, e per la quinta elezione consecutiva è il nome di Yoweri Museveni al ballottaggio del 18 febbraio. Sono passati 30 anni da quando Museveni ha affermato che il problema in Africa in generale, e in Uganda in particolare, non era il popolo, ma gli inquilini che sono seduti troppo a lungo. Molti sostengono che Museveni faccia parte di un club di inquilini africani affetti dalla "sindrome del terzo periodo". Come va davvero la democrazia nei paesi africani?

I giovani nel ruolo chiave. Museveni ha recentemente rifiutato di prendere parte a un dibattito televisivo tra i candidati presidenziali alle elezioni in Uganda. Come nel caso simile di Donald Trump negli Stati Uniti, il suo candidato era un argomento caldo nel mezzo sociale e fonte di molti buoni giochi di parole. Inoltre, è stato di grande importanza che il presidente e l'apparato statale si accumulassero con la paura delle turbolenze e del potere di controllare le ricadute. I sondaggi per i due maggiori candidati dell'opposizione, entrambi ex sostenitori, sono stati accolti con lacrimogeni e scudi politici da settembre.
Nonostante gli inquietanti sviluppi della campagna elettorale, è chiaro che la piattaforma dei giovani, mezzo sociale, svolge un ruolo importante. Le informazioni sull'abuso di potere sono facilmente diffuse e le voci critiche sono lasciate a destra.
Sono stati proprio i giovani a svolgere il ruolo chiave quando il presidente Abdoulaye Wade del Senegal ha votato per un terzo mandato nel 2012. Il movimento giovanile "Y'en a marre" ("Basta basta") con radici nell'ambiente hip hop in Senegal si è mobilitato ampiamente, creando una massa critica che sfida la crescente tensione contro le elezioni ha costretto Wade ad accettare pacificamente la sconfitta.

Proposta costituzionale. Il 19 febbraio, il festival del film Human Rights Human Wrongs di Oslo mostra il documentario Incorruttibile sulla Y a a marre e la pacifica mobilitazione della democrazia che ha trovato città nel paese. L'annuncio indicava chiaramente che non sarebbero stati meno critici nei confronti del vincitore elettorale e, nel suo discorso di Capodanno del mese scorso, il vincitore del candidato presidenziale senegalese Macky Sall ha lanciato una proposta costituzionale che riduce drasticamente la durata del mandato presidenziale nel paese.

Non è vero che i movimenti giovanili e sociali nei paesi africani siano passivi e guardino mentre i proprietari terrieri del paese cercano un potere esteso.

Mentre la proposta costituzionale di Sall vieta i termini presidenziali, l'anno scorso le proposte costituzionali in Ruanda e Repubblica del Congo (Congo-Brazzaville) erano di tipo diverso. Il presidente del Ruanda Paul Kagame, dopo una profonda contemplazione, ha deciso di correre di nuovo nel 2017. Denis Sassou-Nguesso, che è salito al potere nella Repubblica del Congo per la prima volta nel 1979, ha acquisito il diritto di candidarsi alle nuove elezioni quest'anno.

- annuncio pubblicitario -

Aumenta la pressione Sindrome del terzo periodo (terzo termismo) è un indicatore interessante per misurare se le elezioni africane sono semplicemente democratiche in nome o se esistono per legittimare i leader autocratici. La violenta reazione alla scelta di Pierre Nkrunziza di candidarsi per una terza elezione in Burundi ha gettato il paese in una crisi che nessuno sa chi prenderà la strada. I giovani nella Repubblica Democratica del Congo (Congo-Kinshasa) si sono mobilitati pacificamente sotto l'hashtag Telemar per impedire a Joseph Kabila di correre e vincere la sua terza elezione nel 2016, con diverse vittorie temporanee.
Non è il caso che i giovani e i movimenti sociali nei paesi africani siano passivi e guardino quando i leader dei paesi cercano un potere allargato. Non è un caso che tutti i leader africani mostrino una mancanza di rispetto per le regole democratiche del gioco, di cui le elezioni in Nigeria e Tanzania dell'anno scorso sono solo due dei molti esempi. Inoltre, non è vero che i giovani in molti paesi africani cercano unicamente diritti politici. Per diversi anni, la maggior parte delle economie africane ha registrato una grande crescita, senza beneficiare i 15 milioni di nuove persone in cerca di lavoro ogni trimestre dell'anno.
La mancanza di distribuzione della crescita economica e la prospettiva di bassi prezzi delle materie prime negli anni a venire aumentano la pressione sui regimi sopravvissuti al loro tempo. Il 2016 sarà un anno elettorale entusiasmante, e quindi non mirerò a Donald Trump.


Hermstad è il direttore generale del Consiglio congiunto per l'Africa.
johan@afrika.no

johan@afrika.no
Johan N. Hermstad è il direttore generale del Consiglio congiunto per l'Africa.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato