INTERVISTA: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, i bacini selvatici, come i pipistrelli, contengono fino a 400 tipi di coronavirus che stanno solo aspettando di diffondersi ad altri animali e umani.

Filosofo. Critico letterario permanente in TEMPI MODERNI. Translator.
E-mail: andersdunker.contact@gmail.com
Pubblicato: 2020-04-02

L'attivista, urbanista e storico Mike Davis è un importante pensatore della sinistra americana e fa parte del comitato editoriale della New Left Review. Davis è noto per titoli come Planet of Slums (2006) e Elogio dei barbari: Saggi contro l'Impero (2007). È anche noto per i suoi ritratti culturalmente critici della California in Città del quarzo (1990) e nel libro Ecologia della paura (1998), che tratta delle paure di catastrofi come la finzione e la realtà a Los Angeles. La paura è coltivata in tutto, dalle fantasie sulle invasioni aliene alle preoccupazioni su calamità molto reali come terremoti e rivolte, nonché epidemie che infettano gli animali selvatici. il libro Monster at Our Door: The Global Threat of the Avian Flu (2015) inizia con segnalazioni di malattie spagnole e fa seguito a nuove epidemie con particolare attenzione a come colpiscono i più deboli della società. L'ingiustizia sociale è un tema importante in tutti i testi di Davis e in l'articolo "Chi è dimenticato in una pandemia?", recentemente pubblicato in La Nazione, affronta la questione della solidarietà sulla scia dell'eruzione della corona.

TEMPI MODERNI gli parla in condizioni di sicurezza - al telefono - e gli chiede cosa lo preoccupa di più in questo momento:

«Eventi recenti. Oggi il virus si sta diffondendo a Gaza e nel Levante, dove ci sono enormi campi profughi siriani estremamente vulnerabili alle infezioni virali. Laddove l'igiene è scarsa e l'acqua potabile è contaminata, corriamo anche il rischio di infezione da feci. Se il virus prende piede nel sistema intestinale, è molto più mortale di un'infezione del tratto respiratorio: lo sappiamo dai suini che sono stati esposti a questo tipo di infezione. In questi giorni, ogni paese rivela i suoi punti di forza e di debolezza. In India, Modi sta cercando di introdurre modelli occidentali di distanza sociale, ma è ovviamente difficile in un paese dominato da folle folte e con grandi baraccopoli. "

Dobbiamo sviluppare vaccini e farmaci

Tutti devono imparare dalle reciproche strategie. Quali lezioni importanti possiamo trarre finora?

Oltre a testare le persone e ad adottare precauzioni di sicurezza, dobbiamo sviluppare e diffondere farmaci contro il virus. Qui siamo ostacolati da uno

Abbonamento NOK 195 / trimestre


Caro lettore. Ora hai letto i 3 articoli gratuiti del mese. Quindi neanche accedi se hai un abbonamento o supportaci abbonandoti Abbonamento per libero accesso?