"Naturalmente l'Europa deve assumersi la responsabilità"

L'Europa verde: "European Green Deal" ricorda il primo rapporto delle Nazioni Unite sul clima di 30 anni fa, secondo Margrete Auken al Parlamento europeo. "Quando si parla di clima, non vediamo l'ora di inventare qualcosa di intelligente. Dobbiamo agire ora ", dice a TEMPI MODERNI.

Il Parlamento europeo a Bruxelles in una soleggiata giornata di ottobre è, a dir poco, travolgente. Qui, le decisioni più importanti sono prese, anche con l'Europa, penso mentre inseguo il consigliere di Margrete Auken. Un Auken sorridente e vivace mi incontra. Dal 2004 è membro del Parlamento europeo, in rappresentanza della Green Green / European Free Alliance.

clima Kamp

Auken è membro della più grande commissione del Parlamento europeo: la commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare. La neo nominata prima presidente donna della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha presentato un Green Deal europeo, che afferma, tra le altre cose: "Faremo pressioni affinché un ambizioso Green Deal venga proposto a tutti i cittadini europei per raggiungere il tanto necessaria transizione verso un'economia più verde. » A proposito del nuovo accordo di von der Leyen, Auken afferma:

«Il Green Deal ricorda il primo rapporto principale dell'ONU Climate Panel del 1990, che descriveva il cambiamento climatico con calcoli affidabili di CO prodotta dall'uomo2emissioni che sono responsabili di oltre la metà dell'aumento dell'effetto serra.

La relazione affermava che più a lungo continueremo ad aumentare le emissioni, maggiori saranno i tagli per raggiungere la stabilizzazione a un dato livello. La lotta per il clima era già iniziata 30 anni fa! L'oceano non è solo pieno di plastica, ma anche di CO2, che è un grosso problema.
. . .

- annuncio pubblicitario -

Caro lettore. Puoi leggere un articolo gratuito al giorno. Forse torna domani. O che ne dici di disegnare Abbonamento? Quindi puoi leggere tutto (comprese le riviste) per 5 euro. Se sei già lì, accedi al menu (possibilmente il menu mobile) in alto.

Pinar Ciftci
Ciftci è giornalista e attore.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?