Teatro della crudeltà

8000 donne musulmane istruite

Il libro riscrive la storia: il 15 luglio viene pubblicato il libro che sta attirando l'attenzione di tutto il mondo: Nuova documentazione del contributo di 8000 donne ai paesi musulmani in 1400 anni.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

DI GORDANA MALESEVIC, STOCCOLMA, SVEZIA e DAG HERBJØRNSRUD dag@nytid.no

[nuovo libro] Mentre in Scandinavia infuriano i dibattiti sul ruolo inadeguato delle donne nell'Islam, il 15 luglio viene pubblicato un libro sensazionale che capovolge la produzione della storia: Al-Muhaddithat – The Women Scholars of Islam (Interface Publications, Oxford ).

Qui, l'indiano Mohammad Akram Nadwi, ricercatore presso l'Oxford Centre for Islamic Studies, documenta come oltre 8000 donne musulmane abbiano contribuito come guide di preghiera per uomini, creatrici di fatwa, scrittrici di testi legali, insegnanti e giuriste. La panoramica riguarda le donne dal VI secolo in poi nel XX secolo, dal Marocco in occidente alla Cina in oriente.

"Quando si trattava di acquisire conoscenze, non c'era differenza tra i sessi. Gli accademici cercavano la conoscenza da insegnanti sia uomini che donne", ha detto Nadwi a un pubblico attento a New York all'inizio di quest'anno.

Dopo sette anni di studio, ora è pronto con la documentazione del contributo delle donne all'Islam nel corso della storia. Il libro inglese di prossima pubblicazione è solo una traduzione della prefazione di 300 pagine ai suoi 40 volumi in arabo sul ruolo delle donne. Il libro arabo originale è intitolato Al-Muhadditât, che significa donne esperte di hadith, e ha la forma di un'enciclopedia biografica.

Nadwi è un alim, un insegnante abilitato, che ha conseguito un dottorato in arabo ed è uno specialista in Ilm ul-Rijal (l'insegnamento dei narratori di hadith, le narrazioni della vita del profeta Maometto). Dimostra che dietro un quarto degli hadith dell'Islam ci sono studiose donne.

Le donne più affidabili

Gli editori inglesi di Nadwi presentano la sua nuova documentazione sui contributi intellettuali delle donne come una critica agli studiosi orientalisti nelle società occidentali, che non hanno conosciuto o non si sono preoccupati dei contributi delle donne musulmane, e dei musulmani reazionari. Un secolo fa, lo studioso ungherese Ignar Goldziher stimava che il 15% degli studiosi musulmani medievali fossero donne. Nadwi ora documenta che le studiose di hadith sono considerate più affidabili delle loro controparti maschili.

Al New York Times, Nadwi ammette che all'inizio pensava solo di trovare 20-30 donne che hanno ricoperto posizioni di rilievo nelle società musulmane. Nella sua enciclopedia araba si trovano informazioni, ad esempio, su Umm al-Darda, che fu giurista a Damasco nell'VIII secolo e che ebbe come allievo il califfo di Damasco. Mentre nel XVI secolo, Fatimayah al Bataihiyyah insegnava gli hadith nella Moschea del Profeta a Medina (l'attuale Arabia Saudita), dove gli studiosi maschi dell'epoca provenivano fino a Fez in Marocco per ricevere i suoi insegnamenti.

La documentazione di Nadwi è così estesa che i suoi editori a Beirut e Damasco ora faticano a pubblicare tutti i 40 volumi in arabo.

FATTI

Studiosi musulmani

■ Aisha: la moglie di Maometto che nel VI secolo raccontò 600 hadith.

■ Afifah bin Ahmad Farifaniyyah: studioso islamico persiano che insegnò a Isfahan nel XIII secolo.

■ Quraysh al-Qadir: giurista e insegnante che nel XVII secolo insegnò agli uomini gli hadith alla Mecca.

Potrebbe piacerti anche