Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Per fermare i rifiuti di plastica

Plastica illimitata. Come le aziende stanno alimentando la crisi ecologica e cosa possiamo fare al riguardo
Forfatter: Alice Mah
Forlag: Polity (USA)
ECOLOGIA / In futuro, la plastica sarà il principale motore della continua domanda di petrolio, con quasi la metà della domanda globale di petrolio entro il 2050.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

 

Ricordo bene che mia madre lavava i sacchetti di plastica. È nata prima della guerra, ed è radicato in lei che non si buttano via le cose utilizzabili. Oggi mettiamo insieme tutti i tipi di plastica nella frazione plastica e crediamo che sarà poi riciclata. La verità è che la maggior parte viene bruciata e molto finisce nelle discariche e nel mare. Chi non ha visto le foto di balene morte piene di plastica? Un nuovo libro indica la grande industria come effettivamente i principali colpevoli.

Sempre più persone vengono informate che dovremmo portare con noi le nostre reti della spesa quando andiamo al negozio. Molte spiagge pulite, piene di plastica e altre cose. E a livello internazionale si sta lavorando molto per trovare soluzioni vincolanti. Potrebbe quindi esserci motivo di essere ottimisti? Il mio riflesso spinale dice di sì. Preferisco vedere una bottiglia mezza piena piuttosto che dire che è mezza vuota. Ma abbiamo bisogno di correttivi cruciali, e questo vale anche per la questione della plastica. E nonostante le trattative internazionali positive, la domanda di plastica continua a crescere.

Mentre il mondo alla fine si allontana dai combustibili fossili, la plastica è il prodotto che sarà il principale motore della continua domanda di petrolio. La plastica monouso, considerata essenziale nella lotta al covid-19, ha avuto una nuova vita.

"Crescita senza limiti"

Nel libro Plastica illimitata La professoressa di sociologia Alice Mah dell'Università di Warwick descrive come l'industria petrolchimica e le aziende della plastica stanno lottando per proteggere ed espandere i propri mercati della plastica. Ora sperimentano una minaccia esistenziale al proprio sostentamento. In precedenza, l’industria negava gli effetti negativi sulla salute della produzione e dell’uso della plastica. Oggi sono più sofisticati e lungimiranti. Sono positivi riguardo al lavoro con soluzioni di economia circolare per i rifiuti di plastica. Ma, scrive Mah, il riciclaggio chimico è difficile. E la stessa produzione di plastica rimane un problema, nonostante il fatto che il cibo avvolto nella plastica abbia una durata di conservazione più lunga.

Attraverso sei capitoli e circa 180 pagine, Mah analizza l’uso della plastica da un’ampia prospettiva sociale, e la conclusione è prevedibile, ma non necessariamente meno vera per questo motivo: tutti abbiamo un ruolo da svolgere nella riduzione del consumo di plastica, ma il problema deve essere risolto. affrontato alla radice. L'autore definisce la radice del problema “l'imperativo capitalista per una crescita illimitata”.

La crisi climatica e la produzione di plastica sono strettamente legate. Il libro può quindi essere letto come una critica spietata alle strategie dell’industria dei combustibili fossili per trasformare la plastica in quello che Mah chiama “il cibo per animali domestici dell’industria sanitaria globale e delle comunità tecnologiche delle energie rinnovabili”. I nuovi prodotti in plastica possono essere importanti di per sé, ma comportano anche ulteriori problemi, è il messaggio di Mah. Questi prodotti contribuiscono ai profitti dell'industria dei combustibili fossili.

Ebbene, non sono molti i paesi così benestanti come il nostro, dove dopo tutto il reddito di Equinor avvantaggia tutti noi.

Naturalmente è nell’interesse dell’industria petrolchimica e dei combustibili fossili essere in prima linea nello sviluppo tecnologico. Molti professionisti qualificati sono coinvolti in processi tecnologici complessi e proteggeranno le operazioni aziendali dallo shock che può rapidamente derivare da un vero cambiamento verde. L’industria sta quindi lavorando sistematicamente per progettare e controllare i nuovi sistemi circolari, scrive Mah. E devono farlo, poiché si pone sempre più enfasi su considerazioni ambientali, meno imballaggi in plastica e riciclaggio.

Ma poiché ci sono sempre più persone sul pianeta, e poiché le aziende stanno spingendo, la nostra priorità comune, scrive Mah, deve essere quella di ridurre la produzione globale di plastica tossica e dispendiosa. Questo non è facile, perché sono in gioco grandi valori e la battaglia per i profitti.

Nedvekst

Tuttavia, in alcuni ambienti accademici e tra alcuni attivisti, si registra un crescente interesse per la cosiddetta decrescita. In poche parole, questa è una critica alla crescita economica capitalista. Sostiene una minore produzione e consumo, nonché un fuocoorientering utilizzare meno risorse naturali e vivere in modo più sostenibile. Crescita sostenibile è di per sé un termine difficile e diluito, ma è utilizzato da molti, non ultima l’economista italiana Mariana Mazzucato. È una delle accademiche che Mah si stringe al petto.

Parte della necessaria transizione verde dai combustibili fossili.

Dobbiamo ristrutturare radicalmente il capitalismo e renderlo inclusivo e sostenibile, ha scritto Mazzucato Una nuova economia (2021). Il nostro sistema economico deve risolvere problemi concreti, dal divario digitale, alle pandemie mortali, all’inquinamento nelle città. Ciò significa che aziende, società e autorità devono riunirsi attorno a obiettivi comuni.

La riduzione della plastica deve essere vista come un obiettivo comune e far parte della necessaria transizione verde dai combustibili fossili. Ma l’attuale politica dell’economia circolare non riesce a sfidare l’imperativo capitalista della crescita, sostiene Mah. Il rallentamento della crescita richiede semplicemente di ridurre la produzione e il consumo di plastica monouso. Inoltre, i prodotti devono essere riprogettati in modo da poter essere riutilizzati e ricaricati in modo conveniente, sicuro ed efficiente.

Confezione

Oggi il più grande segmento di mercato per la plastica è quello degli imballaggi. Rappresenta circa il 40% del fatturato della plastica sul mercato mondiale. Il secondo mercato più grande è quello delle costruzioni, con il 20%. Nuovi mercati della plastica stanno crescendo rapidamente anche nell’ambito delle tecnologie verdi. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), la plastica diventerà il principale motore della domanda di petrolio nella transizione energetica che stiamo entrando, e la produzione di plastica rappresenterà quasi la metà della domanda globale di petrolio entro il 2050.

Dobbiamo quindi sfidare noi stessi e i nostri cari riguardo alle nostre abitudini legate alla plastica, riassume Mah. Dobbiamo tutti riconoscere che la crisi della plastica è una crisi esistenziale planetaria e agire in base a questa consapevolezza. La crescita dei prodotti in plastica deve essere fermata.

"Il risultato di Nairobi è la cosa più significativa accaduta all'ambiente dopo l'Accordo di Parigi."

Il ministro del Clima e dell’Ambiente Espen Barth Eide sta facendo la sua parte. All'inizio di marzo di quest'anno, i ministri della protezione ambientale di tutto il mondo hanno concordato, in un incontro a Nairobi, di raggiungere un accordo globale giuridicamente vincolante per fermare i rifiuti di plastica. Questa esiste principalmente come risoluzione. Alla fine, verrà stipulato un accordo in base al quale i paesi si impegneranno ad adottare nuove regole contro i rifiuti di plastica. Barth Eide ha poi dichiarato a Klassekampen che "il risultato di Nairobi è la cosa più significativa accaduta all'ambiente dopo l'Accordo di Parigi".

Lavare i sacchetti di plastica

Resta ancora molto lavoro. Nel frattempo ho iniziato a lavare da sola i sacchetti di plastica in cui conservo il cibo, proprio come fa mia madre. E porto con me le reti della spesa al negozio. Forse la cosa più importante è che io voti alle elezioni. E che leggo libri di persone come Mah. Il suo sguardo provocatorio all’industria della plastica e petrolchimica è un contributo significativo nel mantenere acuto il nostro senso critico.

Andrew P.Kroglund
Andrew P. Kroglund
Kroglund è un critico e scrittore. Anche segretario generale della BKA (Grandparents Climate Action).

Potrebbe piacerti anche